Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Specializzazioni. Ordine medici di Roma sostiene i giovani camici bianchi che hanno manifestato al Miur

Il vicepresidente Lavra appoggia le rivendicazioni dei medici che hanno protestato ieri davanti al Miur e ha evidenziato come “la specializzazione è indispensabile per l'accesso al mondo del lavoro e va individuato un nuovo criterio di accesso alle Scuole di Specialità mediche, superando l'attuale collo di bottiglia nella formazione, con un bilanciamento in base al fabbisogno reale”.

15 MAG - L’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma esprime pieno sostegno ai neolaureati in medicina e chirurgia che chiedono il diritto a poter accedere ai corsi di specializzazione e che ieri hanno manifestato davanti al Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca (MIUR).
 
Per il vicepresidente dell’Ordine, Giuseppe Lavra “è stata una manifestazione molto partecipata e assolutamente civile, cui va data grande attenzione per la concretezza delle istanze che ha espresso. Prima tra tutte, l’ampliamento del numero dei prossimi corsi di specializzazione, con almeno 10mila borse per accedere ad essi. Con la prospettiva di arrivare a garantire a tutti i neolaureati in medicina e chirurgia il diritto alla formazione specialistica”.
 
Lavra ha assicurato “l’impegno dell’Ordine di Roma a rappresentare tali richieste ai vertici della Federazione nazionale, la Fnomceo, quale interlocutrice istituzionale nei confronti di Parlamento e Governo, affinché si faccia promotrice con urgenza di una proposta concreta volta a superare definitivamente l’attuale e inaccettabile incongruenza tra numero di laureati e borse di specializzazione oggi disponibili, non più di 5-6mila, del tutto insufficienti”.

 
“La specializzazione è indispensabile per l'accesso al mondo del lavoro – ha sottolineato il vicepresidente dell’Ordine capitolino – e va individuato un nuovo criterio di accesso alle Scuole di Specialità mediche, superando l'attuale collo di bottiglia nella formazione, con un bilanciamento in base al fabbisogno reale. Altrimenti, più della metà dei medici candidati si vedrà negato, di fatto, il diritto a potersi specializzare, con un vulnus alla loro professione e qualificazione”.

15 maggio 2015
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy