Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 SETTEMBRE 2018
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Sindacati. Carbone (Fials): “Delusi anche da Ministro Grillo. Va come con Lorenzin: l’unico interlocutore del Ministero sono i medici”

“C’eravamo illusi che con la Ministro Giulia Grillo si aprisse una nuova fase di relazioni sindacali dopo il periodo negativo con il precedente Ministro, ma a tutt’ora abbiamo prove del contrario”.  Così il Segretario Generale della Fials Giuseppe Carbone, che spiega come prima della Ministra Beatrice Lorenzin sussistessero buone relazioni tra Ministero e Sindacati, che Carbone auspica possano riprendere

12 SET - “C’eravamo illusi, sentendo le sue dichiarazioni di insediamento, che con la Ministro Giulia Grillo si aprisse una nuova fase di relazioni sindacali dopo il periodo negativo con il precedente Ministro, ma a tutt’ora abbiamo prove del contrario”. Così Giuseppe Carbone. Segretario Generale della Fials, in una nota odierna al Ministro alla Salute Grillo, alla vigilia del Consiglio Nazionale Fials che si terrà dal 13 al 15 settembre a Riccione.
“Da sempre - prosegue il Segretario Generale Fials -, prima della Ministro Lorenzin, il Ministero della Salute aveva  sviluppato una positiva politica di relazioni sindacali sia con le Confederazioni Sindacali, che con le Federazioni di Categoria della Sanità, non solo con quelle dei medici. Invece la storia si ripete: l’unico interlocutore sinora del Ministero della Salute è il sindacalismo medico e l’unico problema che si pone all’attenzione è la presunta carenza di medici che si profilerebbe con i prossimi pensionamenti”.

“Lungi da noi - dichiara ancora Carbone -, negare che il problema esista, ma va correttamente inquadrato per capire dove vi sarebbe carenza, quali soluzioni a breve e a medio termine adottare. Innanzitutto è bene ricordare che l’attuale consistenza numerica medica è il frutto di quella che allora la Fnomceo definiva pletora medica ed invitava allora i giovani a non iscriversi più ai Corsi di Laurea in Medicina e Chirurgia ed ora si grida alla catastrofe nonostante che, comunque vada, l’Italia è tra gli Stati Europei con il maggiore rapporto numerico tra medico e cittadino ed il peggiore rapporto numerico tra medico e infermiere”.


“Inoltre - spiega ancora Carbone per la Fials - il nuovo quadro epidemiologico, caratterizzato da un’espansione della cronicità, quello demografico per la crescita esponenziale degli ultrasettantenni e la nuova strategia che, ridimensionando l’intervento ospedaliero, valorizza e potenzia il sistema delle cure primarie territoriali dovrebbe mettere al centro non sola la formazione del medico e delle altre professioni sanitarie ancora centrate sulle cure ospedaliere e residuali quelle distrettuali ma riconsiderare le scelte di implementare le competenze degli infermieri e delle altre professioni sanitarie sollevando le professioni mediche da alcune competenze, come positivamente sviluppato in molti Stati e in alcune Regioni italiane”.

“Pensiamo a quale giovamento - illustra Carbone - sia per l’attività dei medici delle cure primarie, come già realizzato in Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia….che per la salute dei malati cronici e degli altri cittadini potrebbe realizzarsi con l’istituzione dell’infermiere di famiglia o di comunità, dell’ambulatorio infermieristico, o dello psicologo delle cure primarie o dell’intervento a domicilio o nei distretti delle professioni sanitarie della riabilitazione oppure valorizzando nei Dipartimenti di Prevenzione il ruolo delle professioni sanitarie della prevenzione”.

“Per questi motivi - prosegue il Segretario Generale Fials - l’attivazione dei confronti sull’articolo 22 del Patto per la Salute avviati dal Ministero della Salute con le sole rappresentanze mediche e della dirigenza sanitaria è quanto mai riduttivo come politicamente e funzionalmente errato. Se mancheranno - in che corretta dimensione numerica è da verificare -, medici nel prossimo futuro da ieri, mancheranno nel fabbisogno attivo del Ssn decine di migliaia di infermieri, ostetriche ed altri professionisti sanitari delle aree tecniche, della riabilitazione e della prevenzione nonché di operatori sociosanitari ed assistenti sociali”.

“Per questo - prosegue Carbone - rinnoviamo la richiesta di dar corso ad un tavolo di confronto del Ministero e delle Regioni con tutti i sindacati rappresentativi del comparto sanità sulle questioni emergenti e di prospettiva di tutto il personale del Ssn da articolare sia in forma unitaria che in momenti distinti tra dirigenza medica e sanitaria e personale dei cosiddetti livelli”.

“Infine - prosegue il Segretario nella nota  - si ricorda che nelle corrette scelte strategiche per soddisfare i nuovi e vecchi bisogni di salute hanno la medesima valenza la valorizzazione delle professioni mediche e quella delle altre professioni sanitarie prevedendo la loro implementazione delle competenze: a tal fine il nuovo Ccnl del Comparto della Sanità ha istituito gli incarichi di esperto e di specialista ma per realizzare quest’ultimo lo Stato è inadempiente dal 1994 con il varo dei nuovi profili che prevedevano la formazione complementare e la legge 43/06 che prevedevano i nuovi master specialistici… mai attuato ed incagliato nelle secche dell’Osservatorio delle professioni sanitarie presso il Miur da anni… ci aspettiamo un Suo rapido intervento per sbloccare questa incresciosa situazione e dar corso, finalmente, alla nuova era degli infermieri e delle altre professioni sanitarie specialisti, come prevede la legge”.

“Come, altrettanto - continua Carbone rivolgendosi al Ministro Grillo -, ci aspettiamo un suo intervento autorevole nella emananda legge di bilancio 2018 per lo stanziamento delle risorse economiche per il rinnovo del Ccnl 2019-2021 per tutto il personale del Servizio Sanitario Nazionale. Tanto più che il suo collega Ministro Di Maio, in una recente trasmissione suLa7 ha dichiarato: 'gli infermieri guadagnano troppo poco, lavoreremo per dare loro stipendi orgogliosi'. Sicuramente si riferiva anche alle altre professioni sanitarie ed operatori tutti della sanità”.

“Infine - conclude Carbone nella sua nota -, nelle nostre richieste si persevera come nel precedente Governo a prevedere la sola rappresentanza ordinistica nell’Osservatorio sulla violenza agli operatori sanitari come fosse una questione deontologica e non di tutela della salute nei posti di lavoro e di organizzazione del lavoro come è di competenza del sindacato e per questo Le rinnoviamo la richiesta di prevedere la presenza delle Organizzazioni Sindacali nelle sedi ministeriali laddove si affronta tale drammatico e quanto mai attuale problema. La Fials, sindacato rappresentativo, rimane disponibile ad un confronto ma se l’attesa fosse lunga come lo è stata in questi 100 giorni, non si attenderà più ma si passerà ad azioni concrete per dare voce agli oltre 600mila professionisti ed operatori della sanità ed il Consiglio Nazionale Fials, dei prossimi giorni rimane la sede più appropriata per scelte strategiche”.

12 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy