Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 07 AGOSTO 2020
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

No a invasioni di campo sulla nuova specializzazione in cure palliative

31 LUG - Gentile Direttore,
scrivo in merito alla creazione della nuova scuola di specializzazione in cure palliative ed al comunicato della SIAARTI, Aaroi-Emac e Cpar sulla centralità della scuola di specializzazione in anestesia e rianimazione nella costituzione della neonata disciplina di medicina palliativa. La domanda sorge spontanea: che senso ha creare una nuova specialità (le cure palliative) e poi chiedere che un’altra specialità sia centrale nella sua costituzione? Sarebbe più coerente non creare la specialità di medicina palliativa e rimodulare la specialità di anestesia e rianimazione in specialità di anestesia, rianimazione e cure palliative.
 
Questo, però, sminuirebbe drasticamente il senso delle cure palliative, riducendole a semplice gestione del dolore. La medicina palliativa è sicuramente una disciplina trasversale che tocca varie specialità: l’anestesia, certo, ma anche l’oncologia, la geriatria, l’ematologia, la cardiologia, la pneumologia, etc e al contempo rappresenta una disciplina a se stante con una sua dignità e centralità. Non parliamo solo di terapia del dolore che, detto da un medico palliativista con esperienza ventennale, è l’ultimo dei problemi, ma parliamo di gestione di fine vita, controllo di molteplici sintomi, il più delle volte concomitanti, nonché la capacità di relazionarsi con persone morenti e le loro famiglie. Stiamo parlando di capacità di lavoro in equipe con altri professionisti (infermieri, psicologi, fisioterapisti, ecc) con una collaborazione non fittizia ma concreta e quotidiana. Il percorso del medico palliativista deve prevedere una formazione lunga e specifica, nonché unica nel suo genere. La palliazione non è solo controllo del dolore e, nell’ipotesi estrema, l’effettuazione di una sedazione.

 
La sedazione, tranne in casi selezionati, rappresenta un  “fallimento” per una equipe di cure palliative. Quando si giunge a decidere di sedere un paziente ci si deve sempre chiedere se non si poteva fare qualcosa di diverso prima… Nella costituzione di questa nuova scuola sarebbe essenziale coinvolgere nell’insegnamento i professionisti che lavorano da anni sul campo.  In quest’ottica si dovrebbe dare maggiore voce alla società scientifica. La società italiana di cure palliative (SICP), con i suoi membri più esperti, dovrebbe essere centrale nel progetto di costruzione di tale scuola. Quindi, caro Ministro Manfredi, se deve ascoltare qualcuno, ascolti i professionisti delle cure palliative che possono rendere tale disciplina all’avanguardia. 
 
 
Dr. Francesco Scarcella 
Medico palliativista 

31 luglio 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy