Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 19 SETTEMBRE 2019
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Parte il censimento delle grandi apparecchiature sanitarie. Pronto il decreto del ministero

Arriva alla Stato Regioni il provvedimento della Salute per monitorare il “parco macchine” di strutture sanitarie Pubbliche e private, accreditate e non con il Ssn. Tutti i dati relativi alle grandi apparecchiature dovranno essere trasmessi al flusso informativo, appositamente istituito, del Nsis.

23 DIC - Presto le grandi apparecchiature sanitarie delle strutture pubbliche e private, accreditate o meno con il Ssn, non avranno più segreti. Tutte le informazioni relative a età, collocazione, caratteristiche tecniche, collaudi, manutenzione, costi e naturalmente al loro utilizzo dovranno confluire nel nuovo sistema informativo sanitario nel quale è stato istituito una sezione ad hoc. Ma con regole diverse: se le strutture pubbliche dovranno comunicare le modalità di acquisizione delle apparecchiature, questo non varrà per  quelle private accreditate e non, che sono escluse anche dal fornire informazioni di natura economica.
 
È quanto stabilisce il Decreto del ministero della Salute “Sull’istituzione del flusso informativo per il monitoraggio delle grandi apparecchiature sanitarie” in uso presso le strutture sanitarie, inviato la scorsa settimana alla Stato Regioni con il chiaro intento di evitare sprechi e cattivi utilizzi.
 
Le grandi apparecchiature sotto le lente nella prima fase, ossia quelle apparecchiature rilevanti ai fini dell’erogazione dei Lea, saranno di sei tipi, che includono 19 sotto tipologie: Tac, Rmn, acceleratori lineari, sistemi robotizzati per chirurgia endoscopica, sistemi Tac-Pet, Gamma camere computerizzate, Tac/gamma camere.

 
I dati che dovranno essere inviati al flusso informatico puntano a rilevare cinque aree specifiche delle grandi apparecchiature:
dove sono localizzate; tutte le loro caratteristiche (quindi data di fabbricazione, nome del fabbricante, denominazione e modello assegnato all’apparecchiature, costi, interventi di aggiornamento per aumentare le prestazioni erogate dalle apparecchiature e tutte le informazioni relative alle gare messe in atto, e molto altro ancora); le modalità di acquisizione (solo per le strutture pubbliche); le modalità e i tempi di attivazione delle apparecchiature; i tempi medi di disponibilità delle apparecchiature ed eventuali contratti di manutenzione.
 
E il provvedimento stabilisce anche una “penale” per le Regioni inadempienti: quelle che non risponderanno e aggireranno i flussi informativi pagheranno pegno ai tavoli di monitoraggio dei ministeri dell’Economia e della Salute. Insomma, rischieranno di perdere fondi preziosi per inadempienza.

23 dicembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Regioni e Asl

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy