Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Scompenso cardiaco. Si controllerà da casa con una striscia reattiva e uno smartphone

Messa a punto da ricercatori cinesi una striscia reattiva da utilizzare a casa, molto simile a quelle per il test di gravidanza o per la determinazione della glicemia da sangue capillare. Basta mettere una goccia di sangue su un’apposita striscia reattiva per svelare la presenza di due biomarcatori di scompenso cardiaco, il BNP e l’ST2. I risultati, dati dall’intensità di colorazione acquisita dalla striscia, vengono letti da uno smartphone e inviati al medico.

26 MAG - Lo scompenso cardiaco è una condizione molto prevalente nella popolazione generale (1-2%), che aumenta fino ad interessare una persona su 10, tra gli anziani. Gravata da elevata morbilità e mortalità, questa patologia richiede frequenti ricoveri in ambito ospedaliero, che generano la maggior parte dei costi. E che potrebbero essere evitati in gran parte grazie ad un adeguato trattamento ma soprattutto ad un attento monitoraggio di questa condizione. L’operazione più facile da fare da parte del paziente è tenere sotto controllo il peso corporeo, perché un repentino aumento di 2-3 chili nell’arco di un paio di giorni rappresenta un campanello d’allarme (accumulo di liquidi) che va segnalato immediatamente al medico. Stessa cosa per i sintomi (dispnea, edemi declivi, astenia). Il biomarcatore laboratoristico più validato dello scompenso cardiaco è il BNP, che non può tuttavia essere effettuato troppo di frequente e richiede un prelievo di sangue da effettuare presso un laboratorio analisi.
 
Ma adesso, viene dalla Cina, la notizia della messa a punto di una striscia reattiva, simile a quelle utilizzate per i test di gravidanza o per la determinazione della glicemia da sangue capillare, che potrebbe aiutare i pazienti con scompenso a monitorare il loro BNP direttamente da casa. La nuova striscia reattiva, che viene descritta questa settimana su ACS Nano, utilizza due antigeni, l’ST2 e il BNP, che rappresentano buoni indicatori dello scompenso cardiaco e del suo andamento.

 
Il test, che può essere effettuato comodamente a casa, richiede un campione di sangue di appena 10 microlitri, che viene posizionato sulla striscia reattiva. La presenza di ST2 è segnalata dalla comparsa di un cerchio blu: quella di BNT da un cerchio verde. L’intensità dei due cerchi aumenta con l’aumentare della concentrazione dei due biomarcatori, segnalando uno scompenso cardiaco in peggioramento.
 
E’ stata inoltre creata una’App per smartphone che ‘legge’ i risultati e li invia al medico, il quale può a quel punto contattare il paziente per adeguare il trattamento.
 
Lo studio pilota è stato condotto su 38 pazienti e i risultati del test hanno dato un’ottima corrispondenza rispetto a quelli delle tecniche di analisi convenzionali.
Il lavoro è stato finanziato dalla National Natural  Science Foundation of China e da varie altre organizzanizzazioni di ricerca cinesi.
 
Maria Rita Montebelli

26 maggio 2017
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy