Quotidiano on line
di informazione sanitaria
17 FEBBRAIO 2019
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Menopausa. Ricerca Censis: “Donne ancora incerte sul significato e sui rischi della menopausa”

L’82,8% delle italiane tra 45 e 65 anni è informato. Per il 77% la menopausa non è una malattia, ma una fase fisiologica della vita. Per circa la metà coincide con la fine della fertilità. Ma il 38,5% ignora che può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. L’87,3% non usa farmaci per contrastarne i sintomi. Solo il 49,5% delle donne in menopausa in questa fascia di età ha rapporti sessuali regolari, contro il 74,2% di quelle non in menopausa.

23 MAG - L’82,8% delle donne pensa di essere informata sulla menopausa e il 77% dichiara di sapere che non è una malattia, ma una fase fisiologica. Il ginecologo è la fonte informativa principale per la menopausa per il 63,7% delle donne. Solo il 47,1% definisce la menopausa come la cessazione delle mestruazioni, solo il 44,8% sa che coincide con il termine della fertilità e solo il 35,7% che si accompagna a un calo significativo di estrogeni nel sangue.
 
Per il 73,6% la menopausa può non comportare necessariamente disturbi e conseguenze per la salute, ma dipende dalla condizione della donna. Tra i disturbi più frequenti vengono citati le vampate di calore e le sudorazioni profuse (61,1%), l’irritabilità, l’umore instabile, l’ansia (46,8%), l’aumento di peso (44,6%), i disturbi del sonno (39,4%), le palpitazioni, la tachicardia, gli sbalzi della pressione arteriosa (37,3%), ma per il 10,7% la menopausa non comporta alcun disturbo frequente.
 
Questi sono i principali risultati della ricerca «Ricominciare da cinquanta. Cosa sanno e come affrontano la menopausa le donne italiane», realizzata dal Censis con il contributo non condizionato di Msd, che è stata presentata oggi a Roma da Ketty Vaccaro, Responsabile dell’Area Welfare e Salute del Censis, e discussa da Serena Battilomo, Direttore Ufficio Tutela della Salute della donna, dei soggetti vulnerabili e contrasto alle diseguaglianze del Ministero della Salute, Paola Boldrini, Senatrice della XVIII Legislatura, Stefano Lello, Segretario della Società Italiana di Ginecologia della Terza Età (Sigite), Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di Msd Italia, Giovanni Scambia, Presidente della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo), Elsa Viora, Presidente Aogoi, Giuseppe Ettore, Direttore Dipartimento Materno Infantile Arnas Garibaldi Catania.

 
Sul piano delle conseguenze per la salute, l’85% delle donne è consapevole del fatto che la menopausa può aumentare il rischio di sviluppare l’osteoporosi e le malattie osteoarticolari, ma molte di meno (il 61,5%) sanno che accresce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari come l’infarto cardiaco, l’ictus cerebrale o l’ipertensione, solo il 26,5% che aumenta il rischio di contrarre tumori e il 20,3% le demenze.
 
Ancora resistenze e scarsa informazione sulle terapie.L’87,3% delle donne in menopausa non assume farmaci specifici per la menopausa e il 68,1% è convinto che non sia necessario farne uso. Il 48,6% non li usa perché pensa che sia una fase fisiologica e il 33,9%, pur avendoli assunti, pensa di non averne più bisogno.
 
La terapia ormonale sostitutiva (Tos) è conosciuta da poco più della metà delle donne intervistate (51,9%)e tra le donne in menopausa solo il 7,6% la utilizza, mentre il 6,5% ha indicato di assumere farmaci da banco, omeopatici o fitoterapici. Tuttavia, positive appaiono le indicazioni sull’efficacia delle terapie: il 67,2% delle donne che hanno assunto o assumono farmaci ha dichiarato che seguendo una terapia per la menopausa i disturbi fisici si sono ridotti, i fattori di rischio come la pressione, l’osteoporosi, il colesterolo sono sotto controllo (71,9%), e che si sentono o si sono sentite meglio psicologicamente (70,3%). In particolare, il 64,6% delle donne in terapia consiglierebbe a un’amica i farmaci che sta prendendo in questo momento.
 
L’impatto sulla sessualità. La percentuale di donne in menopausa che affermano di avere rapporti sessuali con una certa frequenza e regolarità è pari al 49,5% a fronte del 74,2% delle donne non ancora in menopausa. La percentuale di chi valuta la propria vita sessuale positivamente passa dal 77,3% delle donne non ancora in menopausa al 56,3% delle donne in menopausa. Tra queste ultime il 20,3% afferma di non avere più una vita sessuale.
 
Tuttavia, sull’impatto che la menopausapuò avere sulla dimensione della sessualità le opinioni appaiono divise. Se, da una parte, il 42,5% ritiene ininfluente la menopausa sull’attività sessuale, dall’altra il 43,8% la associa a cambiamenti fisiologici (33,3%) o psicologici (10,5%) tali da ridurre il desiderio femminile, e solo il 4% pensa che possa avere un impatto positivo. Del resto, per il 66,2% delle donne in menopausa il corpo subisce cambiamenti estetici negativi (capelli, pelle, peso) che peggiorano l’immagine di sé.
 
La condizione è considerata positiva dal 39,4% perché elimina il problema di gravidanze indesiderate, ma il 26,8% segnala una perdita di interesse per la sessualità, un altro terzo (29,7%) la considera l’esordio della terza età, mentre il 22,1% ritiene che le donne in menopausa vengano considerate meno attraenti da un punto di vista sessuale.
 
“Ciò che emerge in questo racconto femminile della menopausa oggi è una forte tendenza culturale alla normalizzazione: spogliata dei suoi tratti di drammaticità e riserbo, la menopausa non rappresenta più la porta del passaggio alla vecchiaia e a una sorta di diminutio sociale, ma in essa prevale la dimensione del vissuto individuale e delle sue specificità», ha detto Ketty Vaccaro, Responsabile dell’Area Welfare e Salute del Censis.
 
“Se da una parte la maggioranza nega un impatto specifico sulla vita delle donne, dall’altra non mancano i richiami a varie conseguenze negative che possono costellare la quotidianità delle donne in menopausa. Fondamentale è sviluppare una maggiore consapevolezza sul controllo dei fattori di rischio per la salute per le donne che hanno una aspettativa di vita crescente e che hanno bisogno di essere sostenute in percorsi di prevenzione efficaci, spesso oggi ancora carenti”, ha concluso Vaccaro.

23 maggio 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy