Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 12 DICEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Fumo. Chi vive in zone in cui è vietato ha la pressione più bassa

Uno studio statunitense ha valutato l’impatto delle normative antifumo sulla salute dei non fumatori. Chi vive in luoghi in cui vige il divieto di fumo ehauna pressione sistolica inferiore a chi, pur non fumando, è esposto a fumo passivo.

04 DIC - (Reuters Health) – I non fumatori che vivono dove il fumo è vietato nei luoghi pubblici hanno una pressione sanguigna inferiore a quella dei non fumatori che non sono protetti da questa normativa. A questa conclusione è giunto uno studio pubblicato dal Journal of American Heart Association.
 
Lo studio. 
Il team guidato da Stephanie Mayne, del Children’s Hospital di Philadelphia, ha esaminato i dati relativi a 2.606 non fumatori adulti dello studio Cardia (Coronary Artery Development in Young Adults) per verificare se vi fosse un legame tra Stato, Contea, divieti locali di fumo e pressione sanguigna dei partecipanti.

Lo studio Cardia ha arruolato adulti da quattro città degli Stati Uniti: Birmingham, Chicago, Minneapolis e Oakland, nel 1985 e nel 1986 quando i partecipanti avevano 18-30 anni. Sono stati condotti esami di follow-up 30 anni dopo. Ad ogni esame, i partecipanti che vivevano in aree con politiche antifumo che interessavano luoghi pubblici mostravano una pressione sistolica media più bassa rispetto a quella di cihi viveva in aree non interessate da politiche antifumo, e la differenza è aumentata nel tempo.


Entro il 25° anno, i partecipanti in aree senza fumo avevano valori di pressione sistolica in media da 1,14 mmHg a 1,52 mm Hg inferiori rispetto a quelli in aree senza divieti, a seconda di quali luoghi – lavoro, bar o ristoranti – erano interessati da norme antifumo.

I commenti. 
“Non è chiaro il motivo per cui i divieti di fumare non siano collegati a riduzioni della pressione diastolica o al rischio di sviluppare ipertensione” dice Mayne, che ha condotto lo studio alla Feinberg School of Medicine della Northwestern University a Chicago.

“Le differenze di pressione sistolica osservate nel nostro studio sono piccole a livello individuale e potrebbero non essere state abbastanza grandi da modificare significativamente la percentuale di non fumatori che soddisfano i criteri per l’ipertensione”, continua la ricercatrice. “Tuttavia, una pressione arteriosa sistolica più alta, anche se è inferiore al cut-off per l’ipertensione, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Quindi, anche piccole riduzioni della pressione sistolica a seguito di divieti di fumo possono ridurre significativamente i tassi di malattie cardiovascolari dal punto di vista della popolazione”.

Fonte: J Am Heart Assoc 2018

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science) 

04 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy