Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 12 DICEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Malattia di Crohn. Cellule T nel sangue periferico e nell’ileo

Un piccolo studio olandese ha evidenzato una notevole differenza di profili di espressione genica delle cellule T nel sangue periferico e nell’ileo di pazienti con Malattia di Chron. Una scoperta che incoraggi gli studiosi a estendere la ricerca alla mucosa intestinale

06 DIC - (Reuters Health) – Nei pazienti con malattia di Chron le cellule T del sangue periferico e dell’ileo, all’esame bioptico, mostrano profili di espressione notevolmente diversi. È quanto emerge da uno studio olandese.

Lo studio
. A. Festen e colleghi, dello University Medical Center di Groningen hanno eseguito citrometria a flusso e sequenziamento dell’RNA a singola cellula di cellule T CD3-positive isolate dai linfociti T nel sangue periferico (PBL), nonché biopsie ileali di tre pazienti con Malattia di Chron.
L’attività della patologia era compresa tra i gradi lieve e moderato. Le biopsie ileali hanno valutato linfociti T intraepiteliali (IEL) e i linfociti T nella lamina propria intestinale (LPL).

I ricercatori hanno identificato sei diversi tipi di cellule T con differenti distribuzioni. I linfociti T citotossici (CTL) prevalevano su quelli epiteliali, mentre le cellule T quiescenti prevalevano nelle riserve di sangue periferico e le cellule T-helper 17 (Th17) dominavano nella lamina propria intestinale. Nel sangue periferico, le cellule T regolatorie (Treg) si combinavano con quelle T effettrici e con quelle T quiescenti e cellule Treg/quiescenti erano presenti anche nei linfociti T intraepiteliali e nella lamina propria intestinale.


I commenti. 
“L’aspetto più sorprendente è stato osservare la mancanza di una chiara divisione funzionale tra cellule T CD4+ e CD8+ nella mucosa intestinale dei pazienti con malattia di Crohn che abbiamo studiato”, afferma Festen. “Come gastroenterologo che tratta pazienti con malattia di Crohn, i risultati di questo studio mi ricordano ancora una volta l’opportunità di osservare l’attività della malattia quando si valuta la mucosa gastrointestinale”.

“Ci siamo concentrati sulle sole cellule T e abbiamo individuato due ampi gruppi di cellule nei due diversi strati della mucosa intestinale che sono altamente rilevanti per la malattia di Crohn e molto specifici per la mucosa intestinale. Probabilmente, uno studio sull’intera gamma di cellule nella mucosa intestinale nella malattia di Crohn riscontrerà diversi tipi di cellule con questo profilo specifico a livello intestinale”, conclude l’autrice principale dello studio.

Fonte: Gastroenterology 2018

 
Will Boggs
 

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

06 dicembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy