Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 17 GIUGNO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Mortalità infantile. Dimezzata dal 1990. Ma l'obiettivo del Millennio in ritardo di 13 anni

La promessa era di ridurre di due terzi la mortalità dei bambini sotto i cinque anni dal 1990 al 2015. Ma con il trend odierno l'obiettivo sarà raggiunto non prima del 2028. Troppo tardi, se si pensa che nel frattempo morirebbero 35 milioni di bambini in tutto il mondo. Molti i decessi prevenibili. IL PROGRESS REPORT 2013 DELL'UNICEF.

19 SET - Se avete mai fatto una promessa a un bambino o a una bambina, sapete che è improbabile che la dimentichi. Che sia un nuovo giocattolo o una favola della buonanotte, se non l'avrà vi riterrà responsabili – e in effetti dovreste sentirvi così. Nel 2000 la comunità globale ha promesso ai bambini di tutto il mondo di ridurre la mortalità infantile di due terzi tra il 1990 e il 2015. A meno di due anni dalla deadline, sia la promessa che la nostra credibilità è oggi messa a repentaglio”. Con queste parole Anthony Lake, direttore esecutivo di Unicef, ha aperto il nuovo Progress report 2013, stilato proprio dall'agenzia delle Nazioni Unite dedicata all'infanzia.
 
Il problema non è quello che è stato fatto, ma quello che bisogna ancora fare: le morti al di sotto dei 5 anni sono state dimezzate dal 1990 ad oggi, ma se il trend rimane quello che è oggi l'Obiettivo del Millennio che riguarda la mortalità infantile non verrà raggiunto che nel 2028, invece che nel 2015. E nel frattempo potrebbero morire 35 milioni di bambini. “E tutto questo è ancora più tragico alla luce del fatto che la maggior parte di queste morti sono prevenibili. Dati che potrebbero causare sdegno – ha continuato Lake – ma l'indignazione ha senso solo se seguita dalle azioni, inesorabili, per cambiare le cose”.

Nonostante i rapidi progressi nella riduzione della mortalità infantile dal 1990, infatti, secondo Lake e secondo quanto riportato nel documento, “il mondo non sta rinnovando quella promessa fatta ai suoi cittadini più vulnerabili”.

Ma quali sono di preciso questi dati? Secondo il report, dall'inizio degli anni Novanta ad oggi il tasso di mortalità per i bambini al di sotto dei cinque anni di età è quasi dimezzato, passando da 90 decessi ogni 1000 nati vivi nel 1990, a circa 48 nel 2012. Il che – in numeri assoluti – vuol dire una diminuzione da 12,6 milioni di decessi l'anno a 6,6 milioni: 17 mila in meno ogni giorno, e circa 90 milioni di morti prevenute.

Tuttavia, i numeri rimangono impressionanti, con 18 mila bambini sotto i cinque anni che muoiono ancora oggi ogni giorno e con una variabilità incredibile in base alla provenienza geografica (da 2 decessi ogni 1000 nati vivi in Lussemburgo ad addirittura 182 in Sierra Leone). Dal 1990 sono morti 216 milioni di bambini prima di compiere 5 anni, una popolazione di piccoli pazienti che supera quella totale del Brasile, la quinta nazione più popolosa del mondo.

Se non si accelerano i risultati, spiegano gli esperti dell'Unicef che hanno redatto il report, non si raggiungerà la riduzione di un terzo delle morti infantili dal 1990 al 2015, quarto Obiettivo del Millennio stabilito dall'Onu, che entro il 2028, ovvero 13 anni dopo quanto prefissato. Al momento solo quattro regioni (Asia Orientale e Pacifica, America Latina e Caraibi) si trovano al punto di poter raggiungere l'obiettivo entro due anni. Secondo le stime dell'Onu, perché si possano prevenire i 35 milioni di decessi che avverrebbero nel frattempo nel resto delle regioni, bisognerebbe quadruplicare gli sforzi che sono stati spesi fino ad oggi. “La buona notizia, però – spiegano sulle pagine del documento – è che aumentare il passo al quale si riducono le morti infantili è possibile”.

 

Proprio a questo scopo già da giugno 2012, infatti, i governi di Etiopia, India e Stati Uniti hanno messo in piedi una larga coalizione per rinnovare la promessa fatta ai bambini del mondo”, ha spiegato Lake. “Dietro al baluardo etiope si sono aggiunti oltre 20 leader di paesi dell'Africa Subsahariana, che hanno ufficialmente affermato il loro impegno per raggiungere l'obiettivo di arrivare a meno di 20 morti ogni 1000 nati vivi entro il 2035. E oltre a questa coalizione anche altri governi, individuamente, si stanno impegnando”.

E in effetti alcune delle nazioni più povere stanno raggiungendo i risultati migliori. Sette nazioni ad alta mortalità infantile (Bangladesh, Etiopia, Liberia, Malawi, Nepal, Timor Est e Repubblica della Tanzania) hanno già ridotto di due terzi o più il loro tasso dal 1990 ad oggi. “Sei di queste sono a basso PIL, il che dimostra che questo non è un ostacolo per migliorare”, si legge nel Progress report 2013. Altri diciotto paesi con un alto numero di decessi di bambini sotto i cinque anni hanno almeno dimezzato il loro tasso, sempre nello stesso periodo, mentre molte nazioni ad alto reddito hanno allo stesso modo ottenuto ottimi risultati, seppure ancora non si avvicinino a quelli fissati dagli Obiettivi del Millennio. “Questi esempio dimostrano che è possibile ridurre le morti infantili, anche nelle nazioni che ne presentano di più o che hanno meno risorse”, concludono gli esperti Onu nel documento. “Per farlo però c'è bisogno di agire in maniera coordinata, stabilire le corrette strategie e stanziare le giuste risorse. Ma soprattutto c'è bisogno della volontà politica di farlo”.

Laura Berardi

19 settembre 2013
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy