Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Giornata mondiale ambiente: “Batti l’inquinamento da plastica”. Ma l’Onu ricorda anche le fonti primarie di inquinamento di mari e foreste. Ecco la situazione nella UE

"Nella Giornata Mondiale dell'Ambiente – ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antònio Guterres - il messaggio è semplice: rifiutare la plastica monouso Rifiutate ciò che non potete riutilizzare Insieme possiamo tracciare un percorso verso un mondo più pulito e più verde". Gli indicatori Eurostat su consumo di energia, emissioni di gas serra ed emissioni di CO2 delle automobili Paese per Paese.

07 GIU - L'obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG) 13 "Azione per il clima" cerca di attuare l'impegno della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e di rendere operativo il Fondo verde per il clima.

Il monitoraggio dell'SDG 13 nell'Ue si concentra sui progressi compiuti dagli sforzi di mitigazione del clima e nello stabilire iniziative per il clima. Gli impatti climatici sono misurati per valutare come e in che misura il cambiamento climatico sta interessando l'Europa.

Eurostat ha pubblicato in occasione della giornata mondiale dell’ambiente che si svolge il 5 giugno, un grafico interattivo che consente di confrontare i progressi di ogni paese europeo nel tempo e rispetto agli altri Stati membri. Tra gli indicatori il consumo di energia, le emissioni di gas serra o le emissioni di CO 2 delle automobili.

Dalla consultazione del grafico emerge che l’Italia rispetto alle medie Ue consuma meno energia primaria: fatto 100 il 2005 l’Ue era a 90 nel 2016 e il nostro Paese a 81,8.
 



Ma va meglio anche: consumo di energia finale (sempre nel 2016 Ue 92,9, Italia  ,5); quota di energia rinnovabile (i valori sono pressoché sovrapponibili con la Ue a 17 e l’Italia a 17,4); emissioni medie di CO2 dalle nuove autovetture (Ue 118,1, Italia 113,3); intensità di emissioni di gas serra da consumo di energia (Ue 89,1, Italia 85,7).
 


 

 

 


Unica voce considerata in cui va peggio sono le emissioni di gas serra con la Ue nel 2016 a 78 sempre facendo 100 il 2005 e  l’Italia a 84,7.
 



Quest’anno la giornata mondiale per l’ambiente delle Nazioni Unite ha avuto come tema portante  "Batti l'inquinamento da plastica".

 "Nella Giornata Mondiale dell'Ambiente – ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antònio Guterres - il messaggio è semplice: rifiutare la plastica monouso Rifiutate ciò che non potete riutilizzare Insieme possiamo tracciare un percorso verso un mondo più pulito e più verde".

La celebrazione di questa giornata offre, spiega l’Onu,  l'opportunità di ampliare le basi per un'opinione illuminata e una condotta responsabile da parte di individui, imprese e comunità nel preservare e migliorare l'ambiente. Dalla prima giornata nel 1974, la sensibilizzazione è cresciuta fino a diventare una piattaforma globale pubblica ampiamente celebrata in oltre 100 paesi.

Il tema invita tutti a considerare come poter apportare cambiamenti nella vita quotidiana per ridurre il pesante inquinamento plastico nei luoghi naturali, nella fauna selvatica e nella stessa salute.

Mentre la plastica ha molti usi preziosi, siamo diventati troppo dipendenti dalla plastica monouso o usa e getta, con gravi conseguenze ambientali.
Il tema quindi è “aiutiamo tutti a ripulire il nostro ambiente: #BeatPlasticPollution.

In tutto il mondo, 1 milione di bottiglie per bevande in plastica vengono acquistate ogni minuto . Ogni anno usiamo fino a 5 trilioni di sacchetti di plastica usa e getta. In totale, il 50% della plastica che usiamo è monouso.

Quasi un terzo delle confezioni di plastica utilizza sistemi di raccolta delle fughe, il che significa che finisce per intasare le strade della città e inquinare l’ambiente naturale. Ogni anno si registrano fino a 13 milioni di tonnellate di perdite di plastica nei nostri oceani, dove soffocano le barriere coralline e minaccia la fauna marina vulnerabile. La plastica che finisce negli oceani può circondare la Terra quattro volte in un solo anno, e può persistere fino a 1.000 anni prima che si disintegri completamente.

Anche la plastica entra nel nostro approvvigionamento idrico e quindi nei nostri corpi.  Gli scienziati non sono ancora sicuri, ma la plastica contiene un certo numero di sostanze chimiche, molte delle quali sono ormoni tossici o pericolosi. La plastica può anche servire da calamita per altri inquinanti, tra cui diossine, metalli e pesticidi.

Uno degli slogan della giornata è anche “Se non puoi riutilizzarlo, rifiutalo”.

Ci sono molte cose da poter fare e le Nazioni Unite ne elencano alcune: chiedere ai ristoranti che frequenti di smettere di usare cannucce di plastica, portare la tazza di caffè al lavoro, fare pressioni sulle autorità locali per migliorare il modo in cui gestiscono i rifiuti della città.

Ecco alcune altre idee specifiche:
• porta le tue borse della spesa al supermercato;
• fornitori di alimenti sotto pressione per usare confezioni non in plastica;
• rifiuta le posate di plastica;
• raccogli tutta la plastica che vedi la prossima volta che vai a fare una passeggiata sulla spiaggia.

Cos'altro possiamo fare per affrontare questo problema? L’Onu invita a condividere le proprie idee sui social media utilizzando l'hashtag #BeatPlasticPollution.

L'ambiente e gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Prendendo spunto, poi,  dalla Giornata mondiale dell’ambiente, l’Onu ha ricordato e sottolineato che l’ambiente e la sua tutela fanno parte degli obiettivi di Sviluppo sostenibile e l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile afferma la necessità di " garantire la protezione duratura del pianeta e delle sue risorse naturali".

In particolare, gli obiettivi 14 e 15 si concentrano sulla protezione dell'acqua e degli ecosistemi terrestri e sull’utilizzo sostenibile delle risorse marine e terrestri.  

Obiettivo 14: Conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine

Gli oceani del mondo - la loro temperatura, la chimica, le correnti e la vita – influezano i sistemi globali che rendono la Terra abitabile per l'umanità.

L’acqua piovana, l'acqua potabile, il tempo, il clima, le coste, gran parte del nostro cibo e persino l'ossigeno nell'aria che respiriamo alla fine sono tutti forniti e regolati dal mare. Nel corso della storia, oceani e mari sono stati condotti vitali per il commercio e i trasporti.

Una gestione attenta di questa risorsa globale essenziale è una caratteristica fondamentale di un futuro sostenibile.

Gli oceani coprono tre quarti della superficie terrestre, contengono il 97% dell'acqua della Terra e rappresentano il 99% dello spazio vitale del pianeta in volume
 
Oltre tre miliardi di persone dipendono dalla biodiversità marina e costiera per il loro sostentamento
 
Globalmente, il valore di mercato delle risorse e delle industrie marine e costiere è stimato a  3 trilioni di dollari l'anno o circa il 5% del PIL globale
 
Gli oceani contengono quasi 200.000 specie identificate, ma i numeri reali possono essere espressi in milioni
 
Gli oceani assorbono circa il 30% del biossido di carbonio prodotto dagli esseri umani, proteggendo gli effetti del riscaldamento globale
 
Gli oceani sono la fonte di proteine più grande al mondo, con oltre 3 miliardi di persone che dipendono dagli oceani come fonte primaria di proteine
 
La pesca marittima impiega direttamente o indirettamente oltre 200 milioni di persone
 
I sussidi per la pesca stanno contribuendo al rapido esaurimento di molte specie ittiche e stanno impedendo gli sforzi per salvare e ripristinare la pesca globale e i posti di lavoro correlati, facendo sì che la pesca oceanica generi 50 miliardi di dollari in meno all'anno di quanto potrebbero
 
Circa il 40 per cento degli oceani mondiali sono pesantemente colpiti dalle attività umane, tra cui l'inquinamento, la pesca impoverita e la perdita di habitat costieri

Le azioni da mettere in campo prevedono:
Entro il 2025, prevenire e ridurre in modo significativo l'inquinamento marino di tutti i tipi, in particolare dalle attività a terra, compresi i detriti marini e l'inquinamento dei nutrienti
 
Entro il 2020 gestire e proteggere in modo sostenibile gli ecosistemi marini e costieri per evitare impatti negativi significativi, anche rafforzando la loro capacità di recupero e intervenire per il loro ripristino per raggiungere oceani sani e produttivi
 
Ridurre al minimo e affrontare gli impatti dell'acidificazione degli oceani, anche attraverso una cooperazione scientifica rafforzata a tutti i livelli
 
Entro il 2020, regolamentare efficacemente il raccolto e porre fine alla pesca eccessiva, illegale, non dichiarata e non regolamentata e pratiche di pesca distruttive e attuare piani di gestione scientifici, per ripristinare gli stock ittici nel più breve tempo possibile, almeno a livelli che possano produrre il massimo rendimento sostenibile determinato dalle loro caratteristiche biologiche
 
Entro il 2020, conservare almeno il 10% delle aree costiere e marine, in linea con le leggi nazionali e internazionali e sulla base delle migliori informazioni scientifiche disponibili
 
Entro il 2020, vietare alcune forme di sussidi alla pesca che contribuiscono a sovraccapacità e sovrasfruttamento, eliminare le sovvenzioni che contribuiscono alla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata e astenersi dall'introdurre nuove sovvenzioni di questo tipo, riconoscendo un trattamento speciale e differenziato appropriato ed efficace per i paesi in via di sviluppo e meno sviluppati che dovrebbe essere parte integrante del negoziato sui sussidi alla pesca dell'Organizzazione mondiale del commercio
 
Entro il 2030, aumentare i benefici economici per gli Stati in via di sviluppo di piccole isole e per i paesi meno sviluppati dall'uso sostenibile delle risorse marine, anche attraverso la gestione sostenibile delle attività di pesca, acquacoltura e turismo
 
Aumentare le conoscenze scientifiche, sviluppare la capacità di ricerca e trasferire la tecnologia marina, tenendo conto dei criteri della Commissione oceanografica intergovernativa e delle linee guida sul trasferimento delle tecnologie marine, per migliorare la salute degli oceani e migliorare il contributo della biodiversità marina allo sviluppo dei paesi in via di sviluppo, in particolare nei piccoli stati insulari in via di sviluppo e nei paesi meno sviluppati
 
Fornire l'accesso per i pescatori artigianali su piccola scala alle risorse marine e ai mercati
 
Migliorare la conservazione e l'uso sostenibile degli oceani e delle loro risorse attraverso l'applicazione del diritto internazionale, come indicato nell'UNCLOS, che fornisce il quadro legale per la conservazione e l'uso sostenibile degli oceani e delle loro risorse.

Obiettivo 15: gestire in modo sostenibile le foreste, combattere la desertificazione, arrestare e invertire il degrado del territorio, arrestare la perdita di biodiversità

Le foreste coprono il 30% della superficie terrestre e oltre a fornire sicurezza alimentare e riparo, le foreste sono fondamentali per combattere i cambiamenti climatici, proteggere la biodiversità e le case della popolazione indigena. Tredici milioni di ettari di foreste vengono persi ogni anno mentre il persistente degrado delle terre aride ha portato alla desertificazione di 3,6 miliardi di ettari.

La deforestazione e la desertificazione - causate dalle attività umane e dai cambiamenti climatici - pongono importanti sfide allo sviluppo sostenibile e hanno colpito la vita e il sostentamento di milioni di persone nella lotta contro la povertà. Si stanno compiendo sforzi per gestire le foreste e combattere la desertificazione.

Foreste
• Circa 1,6 miliardi di persone dipendono dalle foreste per il loro sostentamento. Ciò include circa 70 milioni di indigeni
• Le foreste ospitano oltre l'80% di tutte le specie terrestri di animali, piante e insetti

Desertificazione
• 2,6 miliardi di persone dipendono direttamente dall'agricoltura, ma il 52% della terra utilizzata per l'agricoltura è moderatamente o gravemente colpita dal degrado del suolo
• A partire dal 2008, il degrado del territorio ha colpito 1,5 miliardi di persone a livello globale
• La perdita di terre arabili è stimata tra 30 e 35 volte il tasso storico
• A causa della siccità e della desertificazione, ogni anno si perdono 12 milioni di ettari (23 ettari al minuto), dove si potevano coltivare 20 milioni di tonnellate di grano
• Il 74% dei poveri è direttamente interessato dal degrado del suolo a livello globale

Biodiversità
• Delle 8.300 razze animali conosciute, l'8% è estinto e il 22% è a rischio di estinzione
• Delle oltre 80.000 specie di alberi, meno dell'1% è stato studiato per un uso potenziale
• I pesci forniscono il 20% di proteine animali a circa 3 miliardi di persone. Solo dieci specie forniscono circa il 30% delle attività di pesca di cattura marina e dieci specie forniscono circa il 50% della produzione di acquacoltura
• Oltre l'80% della dieta umana è fornita dalle piante. Solo tre colture di cereali - riso, mais e grano - forniscono il 60% del consumo di energia
• Circa l'80% delle persone che vivono nelle aree rurali dei paesi in via di sviluppo si affidano a medicinali tradizionali a base vegetale per l'assistenza sanitaria di base
• I microrganismi e gli invertebrati sono fondamentali per i servizi ecosistemici, ma i loro contributi sono ancora poco conosciuti e raramente riconosciuti

Le azioni da mettere in campo prevedono:

Entro il 2020, assicurare la conservazione, il ripristino e l'uso sostenibile degli ecosistemi terrestri e d'acqua dolce e dei loro servizi, in particolare foreste, zone umide, montagne e zone aride, in linea con gli obblighi derivanti da accordi internazionali
 
Entro il 2020 promuovere l'attuazione di una gestione sostenibile di tutti i tipi di foreste, fermare la deforestazione, ripristinare foreste degradate e aumentare sostanzialmente l'imboschimento e il rimboschimento a livello globale
 
Entro il 2030, combattere la desertificazione, ripristinare la terra e il suolo degradati, compresi i terreni colpiti da desertificazione, siccità e inondazioni, e sforzarsi di raggiungere un mondo neutrale dal degrado della terra
 
Entro il 2030, assicurare la conservazione degli ecosistemi montani, compresa la loro biodiversità, al fine di migliorare la loro capacità di fornire benefici essenziali per lo sviluppo sostenibile
 
Adottare misure urgenti e significative per ridurre il degrado degli habitat naturali, arrestare la perdita di biodiversità e, entro il 2020, proteggere e prevenire l'estinzione delle specie minacciate
 
Promuovere la condivisione giusta ed equa dei benefici derivanti dall'utilizzazione delle risorse genetiche e promuovere un accesso adeguato a tali risorse, come concordato a livello internazionale
 
Adottare misure urgenti per porre fine al bracconaggio e al traffico di specie protette di flora e fauna e affrontare sia la domanda che l'offerta di prodotti selvatici illegali
 
Entro il 2020, introdurre misure per prevenire l'introduzione e ridurre significativamente l'impatto delle specie esotiche invasive sugli ecosistemi terrestri e acquatici e controllare o sradicare le specie prioritarie
 
Entro il 2020, integrare i valori dell'ecosistema e della biodiversità nella pianificazione nazionale e locale, nei processi di sviluppo, nelle strategie e nei conti di riduzione della povertà
 
Mobilitare e aumentare significativamente le risorse finanziarie da tutte le fonti per conservare e utilizzare in modo sostenibile la biodiversità e gli ecosistemi
 
Mobilitare risorse significative da tutte le fonti e a tutti i livelli per finanziare la gestione forestale sostenibile e fornire incentivi adeguati ai paesi in via di sviluppo per far progredire tale gestione, anche per la conservazione e il rimboschimento
 
Aumentare il sostegno globale agli sforzi per combattere il bracconaggio e la tratta di specie protette, anche aumentando la capacità delle comunità locali di perseguire opportunità di sostentamento sostenibili.
 

07 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy