Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 19 DICEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Prevenire le malattie non trasmissibili risparmiando 910 milioni di euro l’anno ogni 10 milioni di persone. L’Oms lancia un piano di azione globale per promuovere l’attività fisica

Un'attività fisica regolare è fondamentale per prevenire e curare le malattie non trasmissibili (NCD) come malattie cardiache, ictus, diabete e cancro al seno e al colon. Il piano d'azione mostra come i paesi possono ridurre l'inattività fisica negli adulti e negli adolescenti del 15% entro il 2030. L'Oms stima che l'inattività sia causa di un milione di morti (circa il 10% del totale) all'anno nella sola Regione europea. PIANO DI AZIONE GLOBALE OMS 2918-2030ATTIVITÀ FISICA STRATEGIA PER LA REGIONE EUROPEA 2016-2025BROCHURE OMS “A COLPO D'OCCHIO”.

05 GIU - Il primo passo per la prevenzione delle NCD (malattie non trasmissibili) è l’attività fisica e il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha lanciato il 4 giugno assieme al primo ministro António Costa del Portogallo il nuovo "Piano di azione globale dell'Oms sull'attività fisica e la salute 2018-2030: persone più attive per un mondo più sano".

"Essere attivi è fondamentale per la salute, ma nel nostro mondo moderno sta diventando sempre più una sfida, soprattutto perché le nostre città e comunità non sono progettate nel modo giusto", ha affermato Tedros. "Abbiamo bisogno di leader a tutti i livelli per aiutare le persone a fare il passo più sano, che funziona meglio a livello di città, dove la maggior parte delle responsabilità risiede nella creazione di spazi più sani".

In tutto il mondo, un adulto su cinque e quattro adolescenti su cinque (11-17 anni) non fanno abbastanza attività fisica. Le ragazze, le donne, gli adulti più anziani, le persone più povere, le persone con disabilità e le malattie croniche, le popolazioni emarginate e le popolazioni indigene hanno meno opportunità di essere attive. 

Un'attività fisica regolare è fondamentale per prevenire e curare le malattie non trasmissibili (NCD) come malattie cardiache, ictus, diabete e cancro al seno e al colon. Le malattie non trasmissibili sono responsabili del 71% di tutti i decessi a livello globale, compresi i decessi di 15 milioni di persone all'anno tra i 30 ei 70 anni.

Il piano d'azione mostra come i paesi possono ridurre l'inattività fisica negli adulti e negli adolescenti del 15% entro il 2030. Raccomanda quattro obiettivi e una serie di 20 azioni politiche, che combinate mirano a creare società più attive migliorando gli ambienti e le opportunità per le persone di tutte le età e capacità di fare più passeggiate, ciclismo, sport, ricreazione attiva, danza e gioco.

Secondo i dati forniti dall’Oms l'inattività fisica è uno dei principali fattori di rischio per la salute e si stima sia causa di un milione di morti (circa il 10% del totale) all'anno nella sola Regione europea. L'inattività fisica rappresenta un aggiunta di 8,3 milioni di anni di vita con disabilità (DALYs - circa il 5% del totale) nella Regione.

Più della metà della popolazione della Regione europea non è abbastanza attiva per soddisfare le raccomandazioni sulla salute: fati recenti degli Stati membri dell'Ue indicano che 6 persone su 10 al di sopra dei 15 anni non praticano mai o raramente sport e più della metà non praticano mai o raramente altri tipi di attività fisica, come ciclismo, ballo o giardinaggio.

La tendenza nella Regione è verso una minore attività e solo un terzo dei giovani europei di 11, 13 e 15 anni ha riportato un'attività fisica sufficiente a soddisfare le attuali linee guida. Nella maggior parte dei paesi, i ragazzi erano più attivi rispetto alle ragazze e l'attività è diminuita con l'età in entrambi i sessi.
Diversi gruppi socioeconomici mostrano anche disuguaglianze: le persone più povere hanno meno tempo libero e un accesso più scarso alle strutture ricreative, o vivono in ambienti che non supportano l'attività fisica.

Stime emergenti dei costi diretti (assistenza sanitaria) e indiretti dell'inattività fisica (perdita di produzione economica dovuta a malattia, disabilità lavorative legate alla malattia o morte prematura) sono allarmanti: per una popolazione di 10 milioni di persone, dove metà della popolazione è insufficientemente attiva, il costo complessivo è stimato in 910 milioni di euro all'anno.

La campagna Oms invita inoltre a sostenere, ad esempio, la formazione di operatori sanitari e altri professionisti e l'uso delle tecnologie digitali.

Tedros ha aggiunto: "Non è necessario essere un atleta professionista per scegliere di essere attivi: prendere le scale anziché l'ascensore fa la differenza, oppure camminare o usare la bicicletta invece di guidare verso la panetteria più vicina mette ogni giorno in grado di mantenerci sani. I leader devono aiutare a rendere queste scelte facili".

L'attività fisica non deve essere confusa con l'esercizio. L'esercizio fisico è una sottocategoria dell'attività fisica pianificata, strutturata, ripetitiva e finalizzata nel senso che il miglioramento o il mantenimento di uno o più componenti della forma fisica è l'obiettivo. L'attività fisica include l'esercizio fisico e altre attività che implicano movimenti corporei e sono svolte nell'ambito del gioco, del lavoro, del trasporto attivo, delle faccende domestiche e delle attività ricreative.

Gli adulti hanno bisogno di almeno 150 minuti di attività fisica aerobica di intensità moderata per tutta la settimana o almeno 75 minuti di attività vigorosa o una combinazione equivalente di attività moderata e vigorosa. Potrebbe essere necessaria più attività per il controllo del peso. I bambini hanno bisogno di almeno 60 minuti di attività fisica di intensità da moderata a intensa ogni giorno. Le attività di intensità intensa dovrebbero essere incorporate, comprese quelle che rafforzano muscolo e ossa, almeno 3 volte a settimana.

Forti evidenze mostrano che l'attività fisica ha una vasta gamma di effetti benefici per il benessere sia fisico che mentale: riduzione di circa il 25% del rischio di molti disturbi legati all'inattività (come malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2), riducendo sostanzialmente il rischio di ipertensione e alcune forme di cancro e riduzione dello stress, ansia, depressione e possibilmente ritardare gli effetti del morbo di Alzheimer e altre forme di demenza.

L'attività fisica regolare aiuta anche a mantenere un peso corporeo sano. In combinazione con una dieta appropriata, può aiutare a ridurre il peso.
E In tutto il mondo, l'inattività fisica è stimata essere la causa principale di circa il 21-25% dei tumori del seno e del colon, il 27% del diabete e circa il 30% delle cardiopatie ischemiche.

Per sostenere gli sforzi nazionali per attuare il piano, l'Oms sta lanciando una campagna di sensibilizzazione per promuovere l'attività fisicaLet's Be Active: Tutti, Ovunque, Tutti i giorni. Questa nuova unità, lanciata dall'iconica Cidade do Futebol (Città del calcio) della Portuguese Football Association, mira a incoraggiare i governi e le autorità cittadine a rendere più facile per le persone essere più fisicamente attive e più sane.

La campagna segue il primo evento dell'Oms Walk the Talk: La salute per tutti che ha attirato più di 4000 persone per promuovere il movimento e le attività per la salute il 20 maggio a Ginevra, alla vigilia dell'assemblea mondiale della sanità.

In linea con la spinta dell'Oms a promuovere l'attività fisica per sconfiggere le malattie non trasmissibili, il Portogallo ha lanciato la propria campagna mediatica nazionale per promuovere l’attività fisica tra la popolazione.

 "Questa campagna nazionale nasce dalla nostra volontà di informare i portoghesi dei benefici di avere uno stile di vita più sano per combattere le malattie non trasmissibili", ha affermato Costa. "Il governo portoghese è fortemente impegnato nell'attuazione di un approccio sistemico per promuovere l'attività fisica ed è onorato di ospitare il lancio del piano d'azione globale sull'attività fisica".

L'inattività fisica è più di una sfida per la salute: anche i costi finanziari sono enormi. Globalmente, si stima che l'inattività fisica abbia un costo di 54 miliardi di dollari in assistenza sanitaria diretta, di cui il 57% è sostenuto dal settore pubblico e altri 14 miliardi di dollari Usa sono attribuibili alla perdita di produttività. 

I leader mondiali si incontreranno alla fine di quest'anno per intervenire sull'inattività fisica e altre cause delle malattie non trasmissibili e dei disturbi mentali, quando parteciperanno alla terza riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulle NCD, che si terrà il 27 settembre a New York.

I quattro obiettivi indicati dal piano sono:

- Creare un cambio di paradigma in tutta la società, aumentando la conoscenza e la comprensione e l'apprezzamento per i molteplici benefici della regolare attività fisica, in base alle capacità ea tutte le età.

- Creare e mantenere ambienti che promuovano e tutelino i diritti di tutte le persone, di tutte le età, di avere un accesso equo a luoghi e spazi sicuri, nelle loro città e comunità, in cui intraprendere un'attività fisica regolare, in base alle capacità.

- Creare e promuovere l'accesso a opportunità e programmi, attraverso molteplici impostazioni, per aiutare persone di tutte le età e abilità a impegnarsi in attività fisiche regolari come individui, famiglie e comunità.

- Creare e rafforzare leadership, governance, partnership multisettoriali, capacità della forza lavoro, sistemi di advocacy e di informazione in tutti i settori, per raggiungere l'eccellenza nella mobilitazione delle risorse e l'attuazione di un'azione coordinata internazionale, nazionale e subnazionale per aumentare l'attività fisica e ridurre il comportamento sedentario.

Tra le azioni politiche. il piano d'azione globale propone soluzioni per rafforzare la leadership, la governance, le capacità della forza lavoro e l'advocacy. Riconosce la necessità di un più forte coordinamento globale, regionale e nazionale e la necessità di un movimento sociale e di un cambio di paradigma per affrontare il complesso problema dell'inattività fisica.
 
La promozione dell'attività fisica richiede la collaborazione con tutti i settori; aziende private, Ong, organizzazioni di comunità e individui devono collaborare per impegnarsi in soluzioni locali. Le soluzioni a livello nazionale, sub-nazionale e cittadino sono dettagliate nella figura sopra, che mostra la natura interrelata di una risposta globale all'inattività.
 
Le risposte politiche devono essere selezionate e attuate in base alle priorità e al contesto nazionali e tenere conto di una gamma diversificata di capacità. L'Oms collaborerà con i partner per identificare e attuare le prime vittorie, condividere le migliori pratiche all'interno e tra i paesi e promuovere partnership strategiche tra i vari settori.
Il video Oms
"Siamo attivi: tutti, ovunque, ogni giorno"

  

05 giugno 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy