Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 SETTEMBRE 2018
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Crisi sanitaria in UK. Quattro adulti su cinque risultano avere allarmanti “età cardiache”

Significa che il 78% della popolazione in Inghilterra è più a rischio di una morte precoce, data la loro età. Molte delle fatalità che inevitabilmente seguiranno saranno causate da un attacco di cuore o ictus, che insieme comprendono malattie cardiovascolari (CVD) - il più grande killer della Gran Bretagna. Questi nuovi dati allarmanti del Public Health England (PHE), sollevano serie domande sulle strategie di prevenzione messe in atto.

06 SET - Che quasi quattro adulti su cinque in Inghilterra abbiano un'età cardiaca più vecchia della loro età reale è una statistica davvero scioccante e allo stesso tempo sorprendente. È allarmante dal punto di vista della salute, perché "l'età cardiaca" è un ottimo indicatore della salute generale e del rischio di morte. 
 
In termini semplici, significa che il 78% della popolazione in Inghilterra è più a rischio di una morte precoce, data la loro età. Molte delle fatalità che inevitabilmente seguiranno saranno causate da un attacco di cuore o ictus, che insieme comprendono malattie cardiovascolari (CVD) - il più grande killer della Gran Bretagna. I medici dicono che la mancanza di esercizio fisico è pericolosa quanto il fumo, con 20 milioni di cittadini britannici fisicamente inattivi. 
 
Nel Regno Unito, il salvataggio di decine di migliaia di vite all'anno riducendo la morte prematura o evitabile è una priorità dichiarata dal governo e dal servizio sanitario nazionale. Questi nuovi dati allarmanti, di Public Health England (PHE), sollevano serie domande sul fatto che le strategie in atto per raggiungere tale obiettivo stiano funzionando o che sia necessaria un'azione più interventista, specialmente per combattere l'avanzata catastrofica dell'obesità.


I risultati provengono da un'analisi PHE dei risultati di oltre 1,9 milioni di persone che hanno già fatto il loro "test dell'età cardiaca" online. Un terzo (34%) degli intervistati ha avuto un'età cardiaca superiore a cinque anni rispetto alla loro età reale. E per uno su sette (14%), il loro cuore aveva almeno 10 anni in più.

Come è successo che vi siano così tante persone a maggior rischio di ciò che il professor Jamie Waterall, capo nazionale della PHE per CVD, riassume come "il rischio di una morte precoce o di finire in condizioni di disabilità molto gravi nella vita futura"? Il calo del numero di fumatori in cui, dagli ultimi dati , si registra che solo il 15,1% dei cittadini britannici adulti sono fumatori è la grande storia di successo della politica di sanità pubblica degli ultimi 20 anni. È stato raggiunto attraverso una "denormalizzazione" robusta e persino aggressiva del fumo di sigaretta, attraverso divieti di pubblicità, pacchetti con immagini semplici, ma terrorizzanti, il divieto di fumo interno e molte altre misure.

Ma il fumo può richiedere molti decenni per influenzare la salute di qualcuno, quindi il NHS sta ancora affrontando le conseguenze mediche, come il cancro, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ei problemi cardiaci, da quando la maggior parte dei due sessi fumava. 
 
L'obesità è un altro fattore chiave. La Gran Bretagna è, tristemente, "l'uomo grasso d'Europa", come confermato dall'OCSE lo scorso novembre. 
In Inghilterra, il 66,8% degli uomini è sovrappeso o obeso, così come il 57,8% delle donne, mostra la ricerca PHE. Il problema dell’obesità richiede più interventi e investimenti per proteggere i bambini.

È un'immagine ugualmente preoccupante in termini di attività fisica, un'altra maledizione moderna e quella che alcuni medici sostengono sia pericolosa quanto il fumo. La British Heart Foundation ha scoperto l'anno scorso che oltre 20 milioni di cittadini britannici sono fisicamente inattivi, il che aumenta il rischio di malattie cardiache e costa al NHS circa 1,2 miliardi di sterline all'anno. Inattivo, ciò significa che quei 20 milioni non fanno nemmeno i 150 minuti a settimana di esercizio moderatamente intenso che il governo raccomanda. Sei anni dopo, il giuramento delle Olimpiadi del 2012, per "ispirare una generazione" a essere in forma e attiva, l’obiettivo non è stato raggiunto e, con uno stile di vita sedentario sempre più comune, sembra improbabile che lo si raggiunga.

Poi c'è l'ipertensione, che è l'innesco più comune di un infarto o ictus, e di per sé un sottoprodotto allarmante di comportamenti non salutari come il fumo, la cattiva alimentazione e l'inattività. Ad un quarto degli adulti in Inghilterra è stata diagnosticata un'eccessiva pressione del sangue, e altri 5,6 milioni sono in osservazione perché pensano di averla. I numeri con colesterolo alto sono altrettanto preoccupanti.

Considerato tutto ciò, la statistica del 78% ha senso. La PHE spera che i risultati ottenuti dalle persone che fanno il test dell'età cardiaca li spingano a smettere di fumare, a mangiare più sano e a fare più esercizio fisico. Tuttavia, il fatto che molti di noi già evitino questi modi ben noti per migliorare la salute può significare che la rivoluzione nello stile di vita delle persone che gli esperti di salute vogliono vedere potrebbe non verificarsi in tempi brevi e che la longevità conquistata ha forti minacce provenienti dalle malattie cardiovascolari, dagli ictus e dalle malattie neurodegenerative. E noi in Italia non stiamo meglio.

Grazia Labate
Ricercatore in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità

06 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy