Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 30 OTTOBRE 2020
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Eurostat. Il 70,9% degli italiani si dichiara in buona salute e siamo secondi per aspettativa di vita. Ma resta un 5,5% che denuncia di non aver avuto soddisfatte le sue richieste di assistenza sanitaria


Pubblicato l'ultimo rapporto Eurostat con gli indicatori relativi ai 17 SDG (Obiettivi di sviluppo sostenibile). E c'è anche quello realtivo alla “Buona salute e benessere” che si basa su tre indicatori principali: la salute percepita,  l’aspettativa di vita e le esigenze mediche insoddisfatte. L'Italia va bene, ma, tranne che per l'attesa di vita, non eccelle.

19 SET - Il 70,9% degli italiani over 16 ha dichiarato nel 2016 di essere in ottima o buona salute. Una tendenza in netto aumento rispetto all’anno precedente quando questa condizione percepita è stata dichiarata dal 65,8% degli intervistati nell’indagine che Eurostat ha analizzato per realizzare il suo nuovo sito tematico SDGs&me in cui sono presenti i risultati di ogni nazione europea per i 17 SDG (Obiettivi di sviluppo sostenibile) stabiliti a livello internazionale.

Per il numero 3, “Buona salute e benessere”, Eurostat si basa su tre indicatori principali: la salute percepita, appunto, l’aspettativa di vita e le esigenze mediche insoddisfatte.

Dal punto di vista della salute percepita, l’Italia è al decimo posto nell’Ue (media Ue 67,5%), preceduta da paesi in gran parte del Nord Europa (ma ci sono anche Cipro, Malta e la Spagna).

Una classifica guidata in positivo dall’Irlanda dove l’82,8% dei cittadini dichiara una buona-ottima salute e chiusa in negativo dalla Lituania in cui solo il 43,4% degli intervistati è soddisfatto delle sue condizioni.

La tendenza italiana è comunque in netto aumento e il dato 2016 è il migliore registrato a partire dal 2005. L’anno peggiore invece è stato il 2006, quando solo il 56,7% dei cittadini ha valutato buona-ottima la sua salute. Poi negli anni successivi la tendenza è sempre aumentata, con picchi maggiori nel 2010, 2012 2014 e “cadute negli anni intermedi, fino al 2016, appunto, che registra la performance migliore del periodo.
 

 

 
Un andamento rispecchiato – ma con molti meno picchi negativi negli anni e comunque di minore entità – dall’aspettativa di vita che nel 2016 era in Italia di 83,4 anni alla nascita, contro gli 82,7 del 2015 e comunque gli 80,1 anni dell’anno peggiore: il 2003.

Rispetto agli altri paesi europei l’Italia è al secondo posto dopo la Spagna (83,5 anni di aspettativa di vita alla nascita (media Ue 81%), una differenza minima quindi) nell’Ue-28, mentre è terza considerando tutti i paesi europei per il predominio della Svizzera con 83,7 anni.

 

 

 
Infine le esigenze mediche insoddisfatte. Le domande che hanno consentito di realizzare l’indagine sono state: pensi che potresti ricevere una visita medica o un trattamento se necessario? Quante persone sentono che non sarebbero in grado di ricevere tali servizi?

E la necessità insoddisfatta tra gli over 16 è stata nel 2016 del 5,5%, in deciso calo rispetto all’anno precedente (era il 7,2%, picco massimo tra gli anni a partire dal 2008).

Il valore minore di insoddisfazione comunque è stato registrato nel 2008 e nel 2010 in entrambe gli anni col 5,2 per cento.

Rispetto agli altri paesi dell’Ue-28 e non, tuttavia, l’Italia si colloca al sesto posto per necessità medica insoddisfatta. Contro una media Ue del 2,5% e i Paesi Bassi dove l’insoddisfazione è solo dello 0,2 per cento.

Chi va peggio è l’Estonia, con il 15,3% di insoddisfazione, seguita, prima che si arrivi all’Italia, da Grecia, Lettonia, Polonia e Romania.

 

 

  

19 settembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy