Quotidiano on line
di informazione sanitaria
19 MAGGIO 2019
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Nuove linee guida Oms per migliorare la salute nelle persone con gravi disturbi mentali

I disturbi mentali gravi riducono l'aspettativa di vita di 10-20 anni e hanno tassi più alti di morte per cause innaturali (incidenti, omicidio o suicidio). Obiettivo delle linee guida è migliorare la gestione delle condizioni di salute fisica negli adulti con SMD e supportare la riduzione dei comportamenti individuali che costituiscono fattori di rischio per queste malattie, per abbattere la morbilità e la mortalità prematura. LE NUOVE LINEE GUIDA OMS.

12 NOV - Nuove Linee guida Oms sulla gestione delle condizioni di salute fisica negli adulti con gravi disturbi mentali per  fornire raccomandazioni aggiornate basate su dati concreti a sostegno dell'ampliamento dell'assistenza per le persone che vivono con disturbi mentali gravci (SMD) a livello globale.

L'obiettivo delle linee guida è migliorare la gestione delle condizioni di salute fisica negli adulti con SMD e supportare la riduzione dei comportamenti  individuali che costituiscono fattori di rischio per queste malattie, con l’obiettivo di abbattere la morbilità e la mortalità prematura tra le persone con SMD.Il peso globale della malattia dovuto a disturbi mentali continua a crescere, specialmente nei paesi a basso e medio reddito medio (LMIC).

Oltre a causare una grande percentuale di morbilità, i disturbi mentali - in particolare quelli  gravi - sono collegati a esiti di salute peggiori e all'aumento della mortalità.

Le SMD sono definite come un gruppo di condizioni che includono depressione da moderata a grave, disturbo bipolare e schizofrenia e altri disturbi psicotici. Le persone con SMD hanno una mortalità media da due a tre volte superiore rispetto alla popolazione generale, che si traduce in una riduzione dell'aspettativa di vita di 10-20 anni e hanno tassi più alti di morte per cause innaturali (incidenti, omicidio o suicidio) rispetto alla popolazione generale.


La maggior parte dei decessi tra le persone con SMD sono attribuibili a condizioni di salute fisica per patologie non comunicabili e comunicabili concomitanti. Inoltre, le persone con SMD hanno maggiori probabilità di avere comportamenti e stili di vita che costituiscono fattori di rischio per malattie non trasmissibili (NCD) come consumo di tabacco, inattività fisica e  diete malsane.

La maggior parte degli studi che riportano l'eccesso di mortalità nelle persone con SMD provengono da paesi ad alto reddito.

La situazione potrebbe essere molto peggiore in quellio a basso-medio reddito dove le risorse sono inadeguate, le istituzioni non gestiscono bene l'accesso a cure mentali di qualità e le cure fisiche sono limitate.

L'accesso equo a servizi sanitari globali rimane fuori dalla portata della maggioranza delle persone con SMD che spesso non hanno accesso ai servizi sanitari o ricevono scarsa qualità dell’assistenza, compresa la prevenzione, lo screening e il trattamento delle patologie. È cruciale affrontare le disparità nell'accesso all'assistenza sanitaria e la fornitura di cure alle persone con SMD.

Seguendo il principio di non discriminazione e della copertura sanitaria universale come elaborato nell'obiettivo 3.4 delle Nazioni Unite - Obiettivi di sviluppo sostenibile ("Entro il 2030, ridurre di un terzo la mortalità prematura da non malattie trasmissibili attraverso la prevenzione e il trattamento e la promozione della salute mentale e il benessere"), alle persone con SMD dovrebbe essere offerto almeno lo stesso livello di trattamento oer le loro condizioni di salute e i loro fattori di rischio della popolazione generale.

Le linee guida esistenti dell'Oms per la popolazione generale sono rilevanti per le condizioni di salute fisica che aumentano anche la morbilità e la mortalità per le persone con SMD.

Ad esempio, il pacchetto di interventi sulle malattie non trasmissibili, per l'assistenza sanitaria di base con risorse ridotte, fornisce linee guida e raccomandazioni per la cessazione del tabagismo, gestione del peso, prevenzione delle malattie cardiovascolari, compresa la gestione del diabete e la prevenzione delle complicanze, trattamento e prevenzione delle malattie respiratorie croniche nella popolazione generale.

Altre linee guida dell'Oms per le malattie infettive sono anche rilevanti come le Linee guida consolidate sulla prevenzione dell'HIV, la diagnosi, il trattamento e la cura delle popolazioni chiave, l’Aggiornamento 2016 e le linee guida 2017 per il trattamento della tubercolosi e dell'assistenza al paziente che fa uso di droghe, 2017.

Questa la sintesi di alcune raccomandazioni delle nuove linee guida Oms.

Stop al tabacco
I medici prescrittori dovrebbero tenere conto delle potenziali interazioni tra buproprion e vareniclina con farmaci psicotropi e possibili controindicazioni.

Peso
Per le persone con gravi disturbi mentali che sono in sovrappeso o obesi o a rischio di diventare sovrappeso o obesi, dovrebbe essere presa in considerazione la somministrazione di un farmaco psicotropico che riduca la propensione all'aumento di peso, tenendo conto dei benefici clinici e dei potenziali effetti avversi.

Uso di sostanze
I medici prescrittori dovrebbero tenere conto del potenziale di interazione tra farmaci e droghe, i medicinali usati per il trattamento di disturbi da uso di sostanze e i gravi disturbi mentali.

Malattie cardiovascolari e rischio cardiovascolare
Per le persone con gravi disturbi mentali e malattie cardiovascolari preesistenti:
• L'uso di un farmaco psicotropico con un minor rischio cardiovascolare è una strategia che deve essere presa in considerazione, tenendo conto dei benefici clinici e dei potenziali effetti avversi.

• Può essere previsto il passaggio a un farmaco psicotropico con rischio cardiovascolare, tenendo conto dei benefici clinici e dei potenziali effetti avversi.

Per le persone con gravi disturbi mentali e malattie cardiovascolari preesistenti o fattori di rischio cardiovascolare:

• I medici prescrittori dovrebbero essere consapevoli delle potenziali interazioni tra i farmaci prescritti per malattie cardiovascolari e farmaci psicotropi prescritti, che possono influire sul sistema cardiovascolare. Esiti cardiovascolari e fattori di rischio devono essere monitorati e potrebbe essere necessario l’aggiustamento della dose dei farmaci cardiovascolari.

Diabete mellito
Per le persone con gravi disturbi mentali e diabete mellito:
• Iniziare (o passare) un trattamento antipsicotico che provochi una minore propensione alla produzione di iperglicemia, tenendo conto dei benefici clinici e dei potenziali effetti avversi.

• I medici prescrittori devono essere consapevoli delle potenziali interazioni tra i farmaci prescritti per il diabete mellito e farmaci psicotropici prescritti, che possono influenzare il controllo glicemico. Controllo glicemico che deve essere monitorato rendendo in caso necessario un aggiustamento della dose dei farmaci.

HIV/AIDS
Per le persone con gravi disturbi mentali e HIV / AIDS, i prescrittori dovrebbero tenere in considerazione le potenziali interazioni farmaco-farmaco tra farmaci antiretrovirali e farmaci psicotropi.

Altre malattie contagiose (Tubercolosi, Epatite B/C)
Per le persone con gravi disturbi mentali e TB / epatite B /C, i prescrittori dovrebbero tenere conto delle interazioni farmaco-farmaco tra farmaci per la tubercolosi, farmaci per l'epatite B e C con i farmaci psicotropi.

12 novembre 2018
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy