Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 26 FEBBRAIO 2021
Studi e Analisi
segui quotidianosanita.it

Per una sanità inclusiva e di prossimità, la riorganizzazione e il potenziamento del territorio

di Enrico Desideri

Questa netta scelta sarà al centro di un’importante sessione del Forum Risk Management, tutta orientata a condividere e rilanciare un approccio basato sulla prevenzione, sulla sanità d’iniziativa, sulla personalizzazione della cura fra Ospedale e Territorio e sulla multi-professionalità/multidisciplinarietà del percorso.

23 NOV - L’emergenza COVID ha reso non più rinviabile un robusto rinnovamento dell’offerta di assistenza in ambito territoriale, per accogliere ed accompagnare le persone, specie se affette da malattie croniche, lungo il loro percorso assistenziale, superando il vecchio modello centrato sull’attesa e solo sull’ospedale.
 
Questa netta scelta sarà al centro di un’importante sessione il 16 dicembre del Forum Risk Management, tutta orientata a condividere e rilanciare un approccio basato sulla prevenzione, sulla sanità d’iniziativa, sulla personalizzazione della cura fra Ospedale e Territorio e sulla multi-professionalità/multidisciplinarietà del percorso.
 
Verrà sottolineata, infatti, la necessità di integrare le professionalità mediche con quelle non meno rilevanti, per la tutela dei malati, infermieristiche e quelle appartenenti all’ambito sociale, quest’ultime spesso dimenticate nonostante l’evidenza della loro insostituibilità, frutto di un costruttivo rapporto con gli Enti Locali.

 
Verranno presentate le esperienze internazionali e nazionali, mettendo in risalto i risultati che queste “best practice” hanno prodotto, quali una netta riduzione sia delle disuguaglianze d’accesso, sia dell’ospedalizzazione, nonché la riduzione dell’afflusso al PS e del consumo di esami ripetuti, specie di diagnostica strumentale (TAC, RMN…).
 
Un dato emerge e sorprende: i costi complessivi (finali) sono minori ove si è assicurata una sanità uguale per tutti!
 
Un altro aspetto che verrà esaminato è l’aiuto determinante (oggi a causa della pandemia molto sottolineato) che viene dalla innovazione tecnologica, elemento facilitante il raccordo, ad es. con il domicilio, e fra i professionisti che operano in Ospedale con quelli del Territorio (teleconsulto).
 
Verrà, infine, sottolineata l’importanza delle Aggregazioni Funzionali Territoriali, delle Case della Comunità (le sedi comuni ove svolgere sul territorio, con i TEAM multi-professionali, le attività più complesse, come la diagnostica di primo livello) e la strategicità delle Cure intermedie per prevenire o abbreviare l’ospedalizzazione.
 
Un elemento che verrà rimarcato è il nuovo ruolo del Distretto, “funzionalmente forte” e sede della governance partecipata, grazie al coinvolgimento dei professionisti della prevenzione, della salute mentale, delle dipendenze, dei consultori, ma anche – e ne va sottolineata l’importanza- della rete civica, del volontariato e, ovviamente, dei comuni e della scuola.
 
Enrico Desideri
Presidente della Fondazione per l'Innovazione e la Sicurezza in Sanità

23 novembre 2020
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Studi e Analisi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy