Quotidiano on line
di informazione sanitaria
16 GIUGNO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

L’OMS commemora il 20° anniversario della morte di Carlo Urbani, il medico italiano morto dopo aver contratto la SARS


Urbani perse la vita durante gli sforzi riusciti per contenere la grave malattia acuta focolaio di sindrome respiratoria nel paese asiatico. Mentre l'agente causale dell'infezione era ancora in fase di identificazione e le misure di contenimento venivano intensificate, Urbani contrasse la SARS e le sue condizioni peggiorarono rapidamente; morì poche settimane dopo, in seguito al ricovero in ospedale a Bangkok.

29 MAR - Oggi, 29 marzo 2023, l'OMS commemora il 20° anniversario della morte del dottor Carlo Urbani (Castelplanio, Italia, 1956 – Bangkok, Tailandia, 2003), un membro dello staff dell'OMS che perse la vita durante gli sforzi riusciti per contenere la grave malattia acuta focolaio di sindrome respiratoria (SARS) in Vietnam.

Carlo Urbani era cresciuto in una zona rurale delle Marche, nel centro Italia. Nel 2000, dopo una lunga esperienza come medico clinico nel reparto di malattie infettive dell'Ospedale di Macerata in Italia, alcune consulenze con l'OMS, in particolare in Mauritania, nonché un periodo in Cambogia con Medici Senza Frontiere, è entrato a far parte dell'ufficio dell'OMS in Vietnam come ufficiale responsabile del controllo delle malattie tropicali e parassitarie nella grande regione del Mekong.

Mentre era lì, ha condotto un lavoro pionieristico sulla mappatura e il controllo della schistosomiasi mekongi, una malattia tropicale trascurata, allora altamente endemica nei villaggi lungo il fiume Mekong in Laos e Cambogia.

Alla fine di febbraio 2003, a Carlo Urbani è stato chiesto di visitare il primo malato di SARS identificato in Vietnam, che era stato ricoverato all'ospedale francese di Hanoi. Lì, riconobbe immediatamente la potenziale minaccia rappresentata dall'infezione respiratoria altamente trasmissibile, letale e all'epoca sconosciuta.

Di conseguenza, Urbani inizia a lavorare instancabilmente per convincere le autorità sanitarie locali della necessità di adottare misure di sicurezza eccezionali, tra cui l'isolamento dei casi sospetti, l'uso di misure protettive da parte del personale medico, lo screening dei viaggiatori e la limitazione dei viaggi internazionali. Queste misure sono state adottate in Vietnam e, con il coordinamento dell'OMS, sono state successivamente estese ai paesi limitrofi, rallentando così il ritmo dell'epidemia nelle sue prime fasi.

Mentre l'agente causale dell'infezione era ancora in fase di identificazione e le misure di contenimento venivano intensificate, Carlo Urbani contrasse la SARS e le sue condizioni peggiorarono rapidamente; morì poche settimane dopo, in seguito al ricovero in ospedale a Bangkok.

Il 5 luglio 2003, l'OMS ha dichiarato che la SARS era stata contenuta con successo.

Nel 2018, il direttore generale dell'OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha svelato una targa in memoria del dottor Urbani presso la sede dell'OMS a Ginevra. Il testo della targa riconosce il ruolo fondamentale da lui svolto nella diagnosi precoce della malattia e nell'attuazione delle misure di contenimento globali, osservando che il dott. Urbani “ha agito nella migliore tradizione dell'Organizzazione mondiale della sanità e ha dato un esempio ispiratore a tutti coloro che cercano servire l'umanità come professionisti della sanità pubblica”.

Il ricordo di Carlo Urbani è ancora vivo nella comunità dei professionisti della sanità pubblica che dedicano la loro vita alle malattie tropicali neglette.

Nel 20° anniversario della morte del dott. Urbani, il dott. Ibrahima Socé Fall, direttore del Programma globale dell'OMS per le malattie tropicali trascurate, ha affermato: "COVID-19 ci ha mostrato fin troppo chiaramente il debito incalcolabile che dobbiamo a persone dedite, coraggiose e perspicaci funzionari della sanità pubblica di fronte a malattie infettive nuove e in rapida diffusione. Il dottor Carlo Urbani incarnava gli ideali del servizio pubblico. I suoi precoci e appassionati avvertimenti sulla SARS hanno salvato innumerevoli vite ed è giusto che riconosciamo e ricordiamo il suo sacrificio, così come è giusto che mostriamo gratitudine e rispetto per il coraggio e l'impegno di tutti gli operatori della sanità pubblica che rischiano la propria vita per il bene della nostra famiglia mondiale”.

29 marzo 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy