Quotidiano on line
di informazione sanitaria
26 MAGGIO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Ucraina. Oms: “Più di 1.000 gli attacchi verificati all’assistenza sanitaria. È il numero più alto mai registrato in qualsiasi emergenza”


I 1004 attacchi verificati dall'Oms negli ultimi 15 mesi di guerra su vasta scala hanno causato almeno 101 vittime, tra cui operatori sanitari e pazienti, e ferito molti altri. Hanno avuto un impatto sugli operatori sanitari, sulle forniture, sulle strutture e sui trasporti, comprese le ambulanze. Questi attacchi ostacolano l'accesso all'assistenza sanitaria per decine di migliaia di persone, aumentando i rischi di malattia e morte. Segnalate gravi difficoltà di accesso per servizi come chemioterapie e parti.

31 MAG - L'Oms ha verificato più di 1.000 attacchi all'assistenza sanitaria in Ucraina dall'invasione da parte della Federazione Russa nel febbraio dello scorso anno. Si tratta del numero più alto che l'Oms abbia mai registrato in qualsiasi emergenza umanitaria. "Questa triste pietra miliare evidenzia ancora una volta le circostanze difficili e pericolose in cui opera il sistema sanitario del paese e le sfide di fornire servizi sanitari di routine e di emergenza. Gli attacchi ostacolano l'accesso all'assistenza sanitaria per decine di migliaia di persone, aumentando i rischi di malattia e morte", sottolinea l'Organizzazione mondiale della sanità.

I 1004 attacchi verificati dall'Oms negli ultimi 15 mesi di guerra su vasta scala hanno causato almeno 101 vittime, tra cui operatori sanitari e pazienti, e ferito molti altri. Hanno avuto un impatto sugli operatori sanitari, sulle forniture, sulle strutture e sui trasporti, comprese le ambulanze.

L'Oms definisce un attacco all'assistenza sanitaria come "qualsiasi atto di violenza verbale o fisica, ostruzione o minaccia di violenza che interferisce con la disponibilità, l'accesso e la fornitura di servizi sanitari curativi e / o preventivi durante le emergenze". Questo può variare dalla violenza con armi pesanti alle minacce psicosociali e alle intimidazioni che influenzano l'accesso all'assistenza sanitaria per chi ne ha bisogno.

"Questi attacchi minacciano la sicurezza e il benessere degli operatori sanitari e minano l'assistenza alle persone che vivono vicino alle aree di conflitto - ha dichiarato Jarno Habicht, rappresentante dell'Oms in Ucraina -. Gli attacchi all'assistenza sanitaria sono una violazione del diritto internazionale umanitario. Privano le persone delle cure di cui hanno bisogno e hanno conseguenze ad ampio raggio e a lungo termine".

Tali attacchi privano intere comunità di servizi sanitari essenziali necessari per salvare vite umane, portando a un aumento delle malattie e dei decessi e al deterioramento dei sistemi sanitari a lungo termine. Anche l'effetto psicologico sui pazienti spaventati a cercare assistenza sanitaria e sugli operatori sanitari incapaci di fornire assistenza in ambienti sicuri e protetti è significativo e avrà un impatto sulla salute della popolazione per lunghi periodi di tempo.

L'Oms continua a sostenere un accesso sicuro per la fornitura di servizi sanitari, liberi da violenza, minaccia o paura. Questo è fondamentale per mettere le persone bisognose al centro della risposta umanitaria collettiva.

"Il fatto che il sistema sanitario in Ucraina continui a funzionare in tali circostanze è una testimonianza dell'eroica dedizione degli operatori sanitari - ha continuato Habicht -. Nonostante le sfide poste prima dalla pandemia di Covid e ora ben oltre un anno di guerra, gli operatori sanitari ucraini rimangono incredibilmente forti, coraggiosi e pazienti, giorno dopo giorno, salvando vite umane e fornendo assistenza a chi ne ha bisogno. Siamo solidali con loro e con tutti coloro che lavorano per garantire che tutti in Ucraina abbiano accesso all'assistenza sanitaria di cui hanno bisogno".

L'Oms ha monitorato e risposto ai bisogni sanitari nelle regioni più colpite dai combattimenti nell'est e nel sud del paese. Secondo l'Health Resources and Services Availability Monitoring System (HeRAMS), le strutture sanitarie nelle aree più colpite, tra cui Kherson, Kharkiv, Zaporizhzhia e Donetsk, hanno riferito di aver incontrato difficoltà a causa della mancanza di sicurezza e dei danni strutturali. Tuttavia, un'alta percentuale di strutture sanitarie in queste regioni sono funzionali e accessibili, anche se continuano a funzionare solo parzialmente a causa di danni.

"Anche se continuiamo a verificare gli attacchi all'assistenza sanitaria mentre questa guerra implacabile continua, notiamo anche che gli attacchi ad altre infrastrutture civili, specialmente negli ultimi 6 mesi, stanno indirettamente influenzando la capacità del sistema sanitario in generale - ha spiegato Habicht -. L'Oms ha finora raggiunto quasi 9 milioni di persone con il sostegno a livello nazionale dal 24 febbraio dello scorso anno. Stiamo intensificando gli sforzi, insieme alle Nazioni Unite e ad altri partner, per accedere a più aree, comprese le parti riconquistate dell'Ucraina dove i bisogni sanitari sono tra i più acuti".

Secondo i dati dell'Oms, sono state segnalate difficoltà significative nella fornitura di servizi specializzati, come la chemioterapia e la mammografia, a causa della mancanza di personale e attrezzature mediche. Alcune regioni incontrano anche difficoltà nel fornire servizi di parto altamente qualificati.

Sebbene l'assistenza sanitaria di base rimanga ampiamente disponibile nelle regioni colpite dalla guerra, i costi sanitari sono aumentati nell'ultimo semestre. Le indagini condotte dall'Oms indicano che quasi un terzo della popolazione ha difficoltà a permettersi determinati servizi sanitari.

31 maggio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy