Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Guerra Israele-Palestina. Unicef: “Gaza è diventata un cimitero per migliaia di bambini. Per tutti gli altri è un inferno”

di L.C.

Si contano oltre 3.500 bambini morti e 6.800 feriti. “Si tratta di oltre 400 bambini uccisi o feriti al giorno, per 25 giorni di fila. Questa non può diventare la nuova normalità”, dice l’Unicef. Per l’Oms bene l‘evacuazione verso l'Egitto di feriti e malati, ma “altre migliaia di persone nella Striscia di Gaza continuano ad aver bisogno di servizi sanitari urgenti ed essenziali”. Msf riferisce che l’unico ospedale per malati di cancro a Gaza ha smesso di funzionare.

02 NOV - Proseguono gli sforzi per portare aiuto e assistenza sanitaria nella striscia di Gaza, ma anche gli appelli per il cessate il fuoco. Non si fermano, infatti, i bombardamenti israeliani in risposta agli attacchi del 7 ottobre dei gruppi di Hamas. “Le scene di carneficina che provengono dal campo di Jabalia”, nella Striscia di Gaza, “sono orribili e spaventose”, scrive l’Unicef, che evidenzia come questi ultimi due attacchi facciano seguito a 25 giorni di bombardamenti in corso “che, secondo le notizie, hanno provocato la morte di oltre 3.500 bambini” e “il ferimento di oltre 6.800 bambini. Si tratta di oltre 400 bambini uccisi o feriti al giorno, per 25 giorni di fila. Questa non può diventare la nuova normalità”, tuona l’Unicef.

Per il portavoce dell'Unicef, James Elder, “Gaza è diventata un cimitero per migliaia di bambini. Per tutti gli altri è un inferno”. Oltre alle bombe, ricorda Elder, “più di un milione di bambini a Gaza (ovvero tutti i bambini) vivono anche una crisi idrica. La capacità di produzione idrica di Gaza è pari ad appena il 5% della sua produzione giornaliera abituale. La morte dei bambini – in particolare di quelli con meno di un anno – per disidratazione è una minaccia crescente”. E poi c'è il trauma: “Quando i combattimenti cesseranno, il costo per i bambini e le loro comunità sarà sostenuto dalle generazioni a venire. Prima di quest'ultima escalation, più di 800.000 bambini di Gaza – tre quarti dell'intera popolazione di bambini – avevano bisogno di assistenza psicosociale e per la salute mentale. Ciò prima di quest'ultimo incubo”.

È iniziato, intanto, l’esodo verso l’Egitto e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) arrivano parole di apprezzamento per la decisione dell’Egitto di favorire le uscite e accogliere feriti e malati. Tuttavia, ricorda l’Oms, “altre migliaia di persone all’interno della Striscia di Gaza continuano ad aver bisogno dell’accesso a servizi sanitari urgenti ed essenziali a causa della carenza di medicinali, forniture sanitarie e altri aiuti come carburante, acqua e cibo. Tra le persone in grave bisogno figurano migliaia di civili gravemente feriti (molti dei quali bambini); più di 1000 persone che necessitano di dialisi renale per sopravvivere; più di 2000 pazienti in terapia antitumorale; 45.000 persone con malattie cardiovascolari; e più di 60.000 persone con diabete. Questi pazienti devono poter avere un accesso duraturo all’assistenza sanitaria all’interno di Gaza”.

L’Oms torna anche a lanciare un appello per la sicurezza degli ospedali e delle altre strutture sanitarie, che “devono essere protetti dai bombardamenti e dall’uso militare”. L’Oms chiede, inoltre, un accesso urgente e accelerato agli aiuti umanitari – inclusi carburante, acqua, cibo e forniture mediche – all’interno e in tutta la Striscia di Gaza, e l’accesso per i pazienti ai servizi di riferimento fuori Gaza. “In definitiva, l’Oms chiede un cessate il fuoco umanitario per prevenire ulteriori perdite e sofferenze”, si legge nella nota

Intanto l’Organizzazione mondiale della sanità sta anche lavorando per sostenere il Ministero egiziano della Salute e con la Mezzaluna Rossa Egiziana per l’organizzazione dei servizi, anche di supporto psicologico ai traumi, da rendere disponibili per i pazienti. “Ci sono 65 ambulanze dotate di funzionalità complete di rianimazione e supporto vitale. Tredici squadre di ambulanze includono medici d'emergenza addestrati oltre a paramedici con formazione avanzata sul supporto vitale. L'ospedale Al-Arish sarà il principale primo ospedale di riferimento. Dispone di strutture di rianimazione e terapia intensiva completamente attrezzate e di una serie di équipe chirurgiche per gestire lesioni gravi, inclusi traumi gravi e ustioni. Sono inoltre in atto accordi di rinvio agli ospedali di seconda linea in Egitto”.

Continuano anche gli sforzi sul campo di Medici senza frontiere (Msf). “Il nostro staff internazionale a Gaza, composto da 22 persone, è appena arrivato in Egitto, passando per il valico di Rafah, nell’ambito dell’intesa raggiunta per l’evacuazione degli operatori umanitari internazionali e alcuni pazienti gravemente feriti che necessitano di cure urgenti”, spiega una nota di ieri. “Tuttavia, ci sono ancora più di 20.000 feriti a Gaza con un accesso limitato all’assistenza sanitaria a causa dell’assedio”.

Msf fa sapere che “una nostra nuova équipe internazionale, composta da medici specializzati nelle urgenze, è già stata identificata ed è pronta a entrare a Gaza non appena la situazione lo consentirà per supportare la risposta medico-umanitaria. Nel frattempo, molti dei nostri operatori umanitari palestinesi continuano a lavorare e a fornire cure salvavita negli ospedali e in tutta la Striscia di Gaza, mentre non sono garantite le protezioni più elementari per le strutture mediche e il personale sanitario. Circa due milioni di palestinesi sono ancora intrappolati a Gaza sotto i bombardamenti, compresi 300 nostri operatori palestinesi e le loro famiglie”.

Da ieri, 1° novembre, fa sapere l’Ong, a Gaza ha smesso anche di funzionare l’ospedale dell’Amicizia turco-palestinese, “l’unico ospedale pubblico per malati di cancro nella Striscia, e ora la vita di decine di pazienti oncologici è in serio pericolo”.

L.C.

02 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy