Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 APRILE 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Sgominato traffico di farmaci antitumorali rubati per un valore di 2 mln. In 18 agli arresti


Questo il bilancio di un'operazione condotta dai carabinieri di Ferrara in Campania, Piemonte, Lombardia e Liguria. Documentata l’esistenza un’associazione a delinquere specializzata nel furto di medicinali (in particole anti-cancro) presso diverse farmacie ospedaliere. I medicinali erano poi rivenduti all'estero. La Procura: “Ogni singolo furto ha provocato un danno alle casse pubbliche di centinaia di migliaia di euro”.

18 OTT - Tredici furti in farmacie ospedaliere, più altri sette in strutture diverse nel corso del 2014, per un danno di oltre 2 milioni. È quanto contestano i carabinieri di Ferrara ai componenti della banda sgominata con 18 misure cautelari: per 16 persone è stato disposto il carcere, per una i domiciliari e per un'altra l'obbligo di firma. Due sono ancora ricercati. Questo il bilancio di un'operazione condotta dai carabinieri di Ferrara in Campania, Piemonte, Lombardia, Liguria e Marche. L'operazione ha permesso di documentare l'esistenza di una associazione a delinquere specializzata nel furto di medicinali (in gran parte selezionati tra quelli a costo elevato e destinati al trattamento di patologie oncologiche e croniche) presso diverse farmacie ospedaliere di nosocomi del centro e nord Italia.
 
I farmaci antitumorali rubato che non potevano essere venduti in Italia venivano poi inviati all’estero. Gli altri invece, attraverso dei rappresentanti in pensione, venivano ricollocate in otto farmacie piemontesi, liguri e lombarde.
 
A molti indagati è contestata l'associazione a delinquere con l'aggravante di aver agito per agevolare un'associazione di tipo camorristico. Nell'indagine coordinata dalla Dda si ipotizzano infatti legami di natura economica con clan del napoletano. Il Procuratore di Bologna Giuseppe Amato ha sottolineato l'importanza di un'operazione che ha contrastato "un fenomeno odioso", da un lato perché i farmaci in questione sono costosi e "ogni singolo furto ha provocato un danno alle casse pubbliche di centinaia di migliaia di euro". Dall'altro perché sottrarli "faceva sì che malati di tumore non potessero essere sottoposti alle cure".

18 ottobre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy