Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 APRILE 2024
Cronache
segui quotidianosanita.it

Uk. Il duro inverno del NHS. Bilanci sempre più in rosso per le aziende sanitarie inglesi

di Grazia Labate

Tra problemi finanziari, personale allarmato e problemi politici, al di la della Brexit il sistema sanitario inglese sta attraversando un inverno rigido ed oscuro per la sua sopravvivenza forse una riflessione più accurata è d’obbligo per il governo perché la rabbia tra i cittadini e gli operatori del NHS sta montando di giorno in giorno

23 NOV - I problemi finanziari del NHS sono ormai "endemici" e sono peggiorati in modo significativo nel corso dell'anno passato.  La situazione non è più sostenibile, ha avvertito il revisore ufficiale dei conti pubblici del parlamento inglese.

Due terzi delle aziende sanitarie in Inghilterra sono ormai in deficit, ha rivelato il National Audit Office (NAO), il loro debito totale è quasi triplicato dal 2015 per £ 2.45 miliardi. 

I sindacati della sanità sono particolarmente allarmati dalla decisione di trasferire £ 950m dal bilancio del NHS in conto capitale (ristrutturazione degli e informatizzazione), per pagare gli stipendi del personale al fine di colmare i buchi di bilancio.

I Parlamentari affermano che il rapporto è pari a una delle valutazioni più critiche del NHS che abbiano mai fatto i revisori ufficiali dei conti.
Il rapporto si aggiunge alla pressione su Theresa May per immettere denaro extra nel bilancio 2017,  per tappare il deficit di finanziamento nel servizio sanitario.

Meg Hillier,  presidente della commissione conti pubblici, del parlamento ha dichiarato che il Dipartimento della Sanità sta facendo salti mortali per evitare il default il prossimo anno.

Ha anche aggiunto: "Chiedo al primo ministro di affrontare le realtà del crescente deficit nel NHS degli ospedali , i problemi della forza lavoro a lungo termine, gli obiettivi di risparmio irrealistici e l'impatto che questi sforzi finanziari stanno avendo sulla qualità dei servizi. "

Amyas Morse, capo del National Audit Office, ha dichiarato: "Con più di due terzi dei fondi in deficit nel 2015-16 e un numero crescente di gruppi clinici (CCG) sul territorio non in grado di mantenere la loro spesa nel rispetto del budget, la nostra opinione è che i problemi finanziari sono endemici e questo modo di procedere non è più sostenibile ".

Inoltre i revisori hanno affermato che il NHS per l'esercizio in corso si presenta peggio del previsto", e ciò sta a significare che i circa £ 22 miliardi di risparmi previsti entro il 2020/21, non saranno conseguiti.

Per colmare questa lacuna, il Dipartimento della Salute, stima che si possano fare £ 6,7 miliardi di risparmi di efficienza attraverso misure tra cui il blocco degli stipendi del settore pubblico e del rinnovo dei contratti.

Si stima inoltre che i trust ospedalieri e i CCG possono fare un ulteriore £ 14.9bn di risparmio moderando la domanda di servizi sanitari e realizzando il 2% di miglioramenti di produttività ed efficienza. 

I revisori dei Conti hanno esaminato queste stime e hanno avvertito che non erano state adeguatamente calcolate, il che "solleva preoccupazioni sul fatto che i risparmi previsti possono essere raggiunti".

Il rapporto ha evidenziato la manovra sbagliata prevista nel febbraio scorso di trasferire £ 950m dal bilancio dei £ 4,6 miliardi per progetti in conto capitale, come le opere di costruzione e IT, al bilancio della spesa corrente per coprire gli stipendi del personale.

Il NAO ha affermato che "Il dipartimento della salute non ha valutato gli effetti a lungo termine del trasferimento di questi fondi per coprire la spesa giorno per giorno. Questo significa che non tiene conto dei rischi che i trust ospedalieri corrono a causa dell’esigenza di finanziamento immediato in cui si trovano”.

Il Piano quinquennale del governo di aumentare il bilancio NHS di £ 8 miliardi  entro il 2020 è stato fissato solo l'anno scorso , non ci sono i 10 miliardi promessi in campagna elettorale, le risorse dunque non sono sufficienti e la situazione rischia di aggravarsi sempre di più.

Commentando la relazione, il prof Jane Dacre, presidente del Royal College of Physicians, ha detto che non solo il NHS lotta per bilanciare i costi di oggi, ma non è in grado di investire in nuovi progetti. 

"Abbiamo bisogno di un bilancio NHS che soddisfi la domanda di servizi sanitari, per oggi e per il futuro, sennò sarà la fine del NHS”.

Jonathan Ashworth, la segretaria salute ombra, del Labour ha detto che il rapporto era chiaro che "gli obiettivi di efficienza aggressivi del governo hanno esacerbato il deficit NHS e non rispondono alla domanda di salute dei cittadini”.

Il portavoce salute dei liberaldemocratici,  Norman Lamb, ha dichiarato che il rapporto del NAO è il "chiodo sulla bara del NHS” per l’incapacità del governo di finanziare il servizio sanitario nazionale.

Il National Audit Office sembra non avere alcuna fiducia che il NHS possa conseguire i risparmi imposti dal governo.  “La gestione della crisi ha scavalcato ogni logica di efficienza possibile ed ha compromesso una possibile e razionale programmazione futura ", ha dichiarato.

Il  portavoce del Dipartimento Salute si difende affermando che: "Sappiamo che le finanze stanno sfidando alcuni settori  del NHS, "Stiamo investendo 4 miliardi £ in più nel NHS quest'anno per  trasformare i servizi e migliorare gli standard di cura, che saliranno a un £ 10 miliardi in più all'anno entro il 2020/21."

Ma i 10 miliardi sono solo parole, non sono scritti da nessuna parte e solo se il governo di Theresa May li iscriverà nel bilancio triennale 2017/2020 ci saranno davvero, sennò saranno le solite promesse, fatte in campagna elettorale a cui i cittadini in primo luogo, ma nemmeno il personale del NHS crede più.

Al di la della Brexit il NHS sta attraversando un inverno rigido ed oscuro per la sua sopravvivenza forse una riflessione più accurata è d’obbligo per il governo perché la rabbia tra i cittadini e gli operatori del NHS sta montando di giorno in giorno.

Grazia Labate
Ricercatore in economia sanitaria

23 novembre 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy