Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 24 LUGLIO 2021
Cronache
segui quotidianosanita.it

Salute mentale. Irregolarità nel 22% dei centri ispezionati. Controlli dei Nas in tutta Italia 


I Carabinieri dei NAS hanno ispezionato 536 strutture e centri incaricati dell’erogazione di servizi di salute mentale, accertando irregolarità presso 122 di questi. Nel corso delle verifiche sono state comminate 141 sanzioni penali e amministrative per un ammontare complessivo di 62 mila euro. Tra le infrazioni più gravi la contestazione di reati maltrattamento e abbandono di incapaci riscontrati presso due strutture di Agrigento e Sassari i cui gestori sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria. Ma sono stati rinvenuti anche farmaci scaduti e altre criticità

14 LUG - Nel corso degli ultimi giorni, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha condotto una vasta operazione di controllo a livello nazionale presso i centri e le strutture pubbliche e private deputate, a vario titolo, alla presa in carico, assistenza, riabilitazione, trattamento sanitario e ricovero di pazienti sofferenti di disabilità e disagi mentali e psichici.
 
Il delicato obiettivo è stato individuato, d’intesa con il Ministero della Salute, al fine di monitorare lo stato di situazione di tali servizi a seguito di recenti episodi di cronaca che hanno riproposto l’attualità e l’importanza nella corretta gestione della salute mentale nel più ampio contesto di tutela delle fasce più deboli della collettività, anche in relazione ai cambiamenti sociali causati dall’emergenza sanitaria.
 
I Carabinieri dei NAS hanno ispezionato 536 strutture e centri incaricati dell’erogazione di servizi di salute mentale, accertando irregolarità presso 122 di questi, pari al 22%. Nel corso delle verifiche sono state comminate 141 sanzioni penali e amministrative per un ammontare complessivo di 62 mila euro. Tra le infrazioni più gravi la contestazione di reati maltrattamento e abbandono di incapaci riscontrati presso due strutture di Agrigento e Sassari i cui gestori sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria per aver ospitato pazienti con patologie mentali in ambienti insalubri, senza assicurare la presenza di figure professionali e un adeguato livello di cura.

 
Un ambulatorio di salute mentale in provincia di Avellino è stato invece sequestrato poiché funzionante in assenza di requisiti e di autorizzazioni. In 8 episodi ispettivi, i NAS hanno rinvenuto farmaci scaduti di validità, così come bombole di ossigeno, detenuti all’interno delle astanterie delle strutture, in promiscuità con i medicinali ancora validi destinati alla somministrazione ai pazienti. Ben 240 sono le confezioni contenenti vari farmaci a base di ansiolitici e per il trattamento dell’umore scaduti.
 
Ulteriori violazioni, in almeno 11 obiettivi controllati, sono riconducibili a inosservanze in materia di sicurezza sul lavoro, mancata valutazione dei rischi e inadempienze alle misure di contenimento del COVID-19.
 
La maggior parte delle irregolarità hanno interessato inadeguatezze strutturali, assistenziali ed organizzative dei servizi dedicati alle persone con patologie psichiche, rilevando 77 strutture con spazi insufficienti e servizi igienici malfunzionanti indistinti per sesso, carenze nei livelli di assistenza dovute alla mancanza di piani riabilitativi e di operatori adeguati alle necessità rieducative dei pazienti, ambienti insalubri per umidità e muffe alle pareti, esfoliazione degli intonaci, mobilio fatiscente, mancanza di climatizzatori. Sono state altresì accertate carenze nella corretta conservazione e preparazione degli alimenti nei centri ove è previsto un servizio semiresidenziale o di ricovero H24: presso 9 cucine associate a tali strutture sono state contestate violazioni di carattere igienico sanitario.
 
Tra gli interventi più significativi:
 
Nas Palermo Deferito all’Autorità Giudiziaria il dirigente medico responsabile di una struttura terapeutica per la salute mentale, ubicata in Agrigento, per aver mantenuto l’attività in condizioni di gravi carenze igienico strutturali e funzionali riscontrate nel corso del controllo, tanto da configurare l’ipotesi di maltrattamento nei confronti degli ospiti collocati in uno specifico reparto. È stata accertata la presenza di muri scrostati, muffe, infissi arrugginiti, fili elettrici scoperti, docce prive di tende, arredi vetusti e danneggiati, nonché criticità funzionali e strutturali quali la mancanza di locali tecnici (depositi biancheria pulita e sporca, servizi igienici annessi alle stanze da letto, ambulatorio pedagogico) e la mancanza di specifici profili professionali (pedagogista, tecnici della riabilitazione, operatori socio assistenziali). In ragione delle gravi carenze accertate è stato disposto il divieto di utilizzo dell’area giudicata incompatibile con l’erogazione del servizio ed il trasferimento dei relativi ospiti.
 
Nas Salerno A conclusione di accertamenti è stato eseguito il sequestro penale dell’ambulatorio di salute mentale del comune di Cervinara (AV), in quanto non provvisto di autorizzazione sanitaria all’esercizio, nonché risultato carente dei minimi requisiti igienico - sanitari. L’ispezione ha consentito inoltre di rinvenire 9 confezioni di farmaci scadute di validità. Presso ulteriori 3 strutture per l’erogazione di servizi psichiatrici, ubicate nei Comuni di Solofra (AV), Scafati (SA) e Cava dei Tirreni (SA) sono state accertate carenze igienico strutturali ed organizzative quali l’assenza di sistemi per la richiesta di assistenza nei posti letto, malfunzionamenti degli impianti di illuminazione, inidoneità delle stanze riservate all’isolamento dei degenti COVID-19, frigoriferi per la custodia dei farmaci guasti o privi di sistemi per la rilevazione della temperatura, presenza di umidità diffusa.
 
Nas Sassari Il legale responsabile di un Centro di salute mentale, ubicata nel comune di Sassari, è stato deferito per abbandono di incapace poiché ritenuto responsabile di aver accolto nella struttura un ospite bisognevole di cure fisioterapiche senza assicurare la presenza delle previste figure professionali preposte al recupero funzionale degli assistiti (psicologo, educatore sociale e fisioterapista).
 
Nas Livorno Sanzionato un dirigente medico, responsabile del Centro di salute mentale dell’azienda USL Toscana Nord-Ovest, responsabile di aver mantenuto l’attività in carenze igienico-strutturali rilevate nel corso dell’attività ispettiva. In particolare è stata accertata l’insufficienza e l’inadeguatezza degli spazi ambulatoriali destinati all’erogazione dei servizi e del personale sanitario che ha determinato criticità sulla corretta funzionalità della struttura sanitaria (sala diagnostica e terapeutica utilizzata anche come locale di stoccaggio farmaci, assenza di un locale adibito a medicheria; presenza di un solo servizio igienico utilizzato sia dal personale sanitario che dagli utenti).
 
Nas Caserta Il responsabile di una Residenza Sanitaria per disabili psichici di Mondragone, gestita dall’ASL di Caserta, è stato deferito per aver detenuto una bombola di ossigeno, da utilizzare in caso di emergenza, risultata scaduta di validità nel novembre 2020.
 
Nas Catania Sono state sequestrate 11 confezioni di medicinali scadute di validità presso il centro di salute mentale ASP del comune di Acireale (CT), prevalentemente antipsicotici, destinati alle terapie dei pazienti. Sono state deferite le 2 infermiere, in servizio presso la struttura, incaricate del controllo dei medicinali. Analoga attività svolta presso il centro di salute mentale del Comune di Biancavilla (CT) ha determinato il sequestro di ulteriori 7 confezioni di medicinali risultate scadute di validità e la denuncia del dirigente della struttura.
 
Nas Udine Deferito all’A.G. il coordinatore infermieristico del centro di salute mentale del comune di Cividale del Friuli poiché, all’atto del controllo della struttura, sono state rinvenute e sequestrate 11 confezioni di farmaco scadute di validità.
 
Nas Ragusa Deferito all’A.G. il dirigente medico responsabile del servizio di psichiatria del presidio ospedaliero di Scicli (RG), poiché ritenuto responsabile di non aver verificato la scadenza di varie bombole di ossigeno medicale (da 40 e 7 litri).
 
Nas Pescara Nei comuni di Pescara, Atri (TE) e Lanciano (CH) sono stati controllati i rispettivi centri di salute mentale presso i quali sono state accertate carenze igienico-strutturali e funzionali. Tra le criticità riscontrate la mancanza di locali nel numero necessario per garantire la corretta erogazione dei servizi sanitari, la presenza d’infiltrazioni di acqua piovana nel soffitto con esfoliazioni di intonaco e muffe diffuse, e, in un caso, l’omessa erogazione di prestazioni psichiatriche per 12 ore al giorno come riportato dalle indicazioni del sito web-aziendale.
 
Nas Treviso Segnalato all’Autorità Amministrativa e Sanitaria il legale responsabile di una comunità per disabili psichici, ubicata nel comune di Campagna Lupia (VE), poiché è stata accerta, nel corso dell’attività ispettiva, l’assenza di figure professionali come l’educatore socio-sanitario, requisito indispensabile per il funzionamento della struttura

14 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Cronache

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy