Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 21 MAGGIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Consiglio Europeo della Salute. Le decisioni prese a Bruxelles: “Avanti tutta sui vaccini e ampliare offerta screening contro il cancro”


Sono queste le due principali decisioni assunte al termine del Consiglio Europeo dei ministri della Salute che si è svolto a Bruxelles venerdì scorso. Per i vaccini, anti Covid compresi, i ministri hanno convenuto che il nemico maggiore da combattere è la disinformazione e l’esitazione vaccinale che ne deriva. Per il cancro si è convenuto di ampliare la promozione degli screening anche a quelli del carcinoma polmonare, prostatico e gastrico. CONCLUSIONI SUI VACCINI, CONCLUSIONI SUL CANCRO.

11 DIC - I ministri UE della Salute riuniti venerdì scorso a Bruxelles hanno approvato le conclusioni del Consiglio sulla vaccinazione come uno degli strumenti più efficaci per prevenire le malattie e migliorare la salute pubblica.

Hanno sottolineato che gli Stati membri potrebbero beneficiare di un approccio dell'UE ancora più coordinato alla prevenzione e alla limitazione della diffusione di epidemie e malattie prevenibili da vaccino.

Le conclusioni si concentrano su due settori d'intervento: combattere l'esitazione vaccinale e prepararsi alle sfide future mediante la cooperazione dell'UE.

“I vaccini funzionano”, ribadisce il Consiglio, perché “prevengono innumerevoli casi di malattia e salvano milioni di vite ogni anno”.

“Una maggiore cooperazione tra i paesi dell'UE, finalizzata a promuovere la fiducia del pubblico o ad accelerare lo sviluppo dei vaccini, porterà benefici ai cittadini e ai sistemi sanitari pubblici”, hanno sottolineato i ministri della Salute della UE.

Imparare dalla COVID-19
Le conclusioni sottolineano la necessità di trarre insegnamenti dalla pandemia di COVID-19 per essere meglio preparati alle future crisi di salute pubblica.

Nel corso della pandemia l'UE ha assistito all'emergere di una serie di soluzioni e strumenti che possono essere utili nel combattere le malattie prevenibili da vaccino.

La digitalizzazione, con la raccolta e lo scambio di dati a livello di UE e la creazione del certificato COVID digitale dell'UE, e la cooperazione nell'approvvigionamento, nell'acquisto e nella distribuzione di vaccini a livello di UE sono state tappe importanti nel settore della sanità pubblica.

La pandemia di COVID-19 ha inoltre portato alla luce l'entità e la portata dei problemi connessi all'esitazione vaccinale.

Il rischio di disinformazione e di cattiva informazione
La pandemia di COVID-19 ha dimostrato le minacce e le sfide che la cattiva informazione e la disinformazione rappresentano per la società. Per contrastare i conseguenti rischi per la salute umana, i sistemi sanitari e l'efficace gestione delle crisi, le conclusioni invitano:
Rafforzare la cooperazione dell'UE
Per quanto riguarda il rafforzamento della cooperazione dell'UE, le conclusioni propongono ulteriori azioni, quali:
ll Consiglio aggiorna la sua raccomandazione sullo screening dei tumori
Il Consiglio ha poi proposto una nuova raccomandazione sullo screening dei tumori per ridurre la mortalità dei tumori e l'incidenza dei tumori invasivi sottolineando che il cancro è una delle principali malattie e cause di morte in tutta l'Europa e che, secondo le stime, nel 2020 nell'Unione è stato diagnosticato un cancro a 2,7 milioni di persone.

“Il cancro è un terribile flagello, ma non dobbiamo perdere la speranza di combatterlo” convengono i ministro della Salute deal UE e “i programmi di screening per individuare i tumori in una fase precoce, prima che le persone sviluppino persino sintomi, possono essere uno strumento efficace per offrire le migliori cure disponibili”.

Screening del carcinoma polmonare, prostatico e gastrico
Considerando che la precedente raccomandazione del 2003 sullo screening dei tumori si limitava al carcinoma della mammella, della cervice uterina e del colon-retto, gli Stati membri hanno convenuto di ampliarne la portata:
Concentrarsi sull'attuazione
Poiché lo screening dei tumori è solo un elemento, il Consiglio raccomanda inoltre di assicurare ai pazienti risultati positivi al test di screening procedure diagnostiche e terapie complementari, adeguate e tempestive. Occorre inoltre tenere conto delle risorse umane e finanziarie nonché delle capacità degli Stati in materia di assistenza sanitaria nell'attuazione dei programmi di screening dei tumori.

L'attenzione alla fattibilità dell'attuazione di programmi di screening dei tumori si inserisce nel contesto della pandemia di COVID-19, che ha perturbato i programmi di promozione e prevenzione in materia di salute e ha inciso negativamente sull'accesso alla diagnosi precoce e al trattamento del cancro.

Benefici e inconvenienti dello screening
Lo screening permette di individuare i tumori in una fase precoce o eventualmente addirittura prima che si manifestino o diventino invasivi. In tal modo è possibile trattare alcune lesioni in modo più efficace e offrire ai pazienti maggiori possibilità di guarigione.

Ma ha anche limiti intrinseci che possono avere effetti negativi per la popolazione sottoposta a screening. Tra questi vi sono i risultati falsi positivi o falsi negativi, eccesso di diagnosi e conseguente eccesso di trattamento nonché i rischi derivanti dai metodi di screening e di test.

11 dicembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy