Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 16 APRILE 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Malattie croniche intestinali. Regimenti (FI): “Puntare su ricerca e medicina personalizzata”


"È fondamentale prevedere misure volte a garantire la giusta flessibilità lavorativa a chi deve confrontarsi ogni giorno con queste patologie, così come facilitare il riconoscimento dell’invalidità dato che spesso la gravità della patologia è sottostimata”. Così la responsabile nazionale per l’Europa del Dipartimento Sanità di Forza Italia.

19 MAG -

“Le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali devono rappresentare una priorità in politica sanitaria: in Europa oltre cinque milioni di persone, molte delle quali sono donne, convivono con patologie come morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa, accomunate da una condizione infiammatoria cronica molto debilitante. Le istituzioni devono essere vicine ai pazienti che spesso vedono compromessa la qualità della loro vita e sono a rischio per lo sviluppo di comorbidità, come malattie cardiovascolari e tumori, con ricadute importanti sul benessere psicologico e sul versante socio-economico”.

Così in una nota Luisa Regimenti, Responsabile nazionale per l’Europa del Dipartimento Sanità di Forza Italia.

“Si tratta spesso di patologie per cui non c’è una cura definitiva – continua Regimenti -. I pazienti hanno bisogno di essere seguiti costantemente, con una presa in carico multidisciplinare che comprenda anche un approccio nutrizionale adeguato. Dobbiamo puntare a incentivare la ricerca su nuovi farmaci e allo sviluppo della medicina personalizzata avvalendosi di biomarcatori genetici per orientare verso la scelta del farmaco più adatto per un determinato paziente. Su questo fronte l’Europa si è già mossa con uno stanziamento di 7,5 milioni di euro, all’interno del progetto Horizon 2020, per lo studio delle alghe e dei loro composti per i loro potenziali effetti antitumorali e antinfiammatori”.

“Queste patologie hanno, dunque, un forte impatto sia sulla vita famigliare che su quella lavorativa, costringendo spesso il paziente a numerose assenze per visite e controlli senza che l’azienda e i colleghi siano consapevoli di questa condizione. Una condizione che spesso porta a depressione, riconosciuta come un fattore associato alla ridotta capacità lavorativa. È fondamentale prevedere misure volte a garantire la giusta flessibilità lavorativa a chi deve confrontarsi ogni giorno con queste patologie, così come facilitare il riconoscimento dell’invalidità dato che spesso la gravità della patologia è sottostimata” conclude.



19 maggio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy