Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 27 FEBBRAIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Nutrizione clinica: migliora l’efficacia terapeutica e fa risparmiare. Due buoni motivi per sostenerla con la Legge di Bilancio

di Isabella Faggiano

“Screening precoce e supporto nutrizionale del paziente: a che punto siamo?”: istituzioni, società scientifiche, clinici e associazioni pazienti a confronto per fare il punto sul tema della nutrizione clinica in Italia

28 SET -

Tre persone su 10 quando ricevono una diagnosi di tumore sono malnutriti. Per un paziente oncologico avere scarse riserve energetiche, proteiche e di altri elementi nutritivi dell’organismo significa dover fare i conti con un’altra malattia (la malnutrizione per difetto) nella malattia (il cancro). Il problema non riguarda solo i Paesi in via di sviluppo, ma anche quelli ad alto reddito, Italia compresa. “L’attuale governo ha già mostrato estrema attenzione ai bisogni dei pazienti oncologici, nutrizione clinica inclusa, soprattutto per rispondere all’aumento di diagnosi di tumore dopo la fase più critica della pandemia, periodo in cui l’accesso agli screening di prevenzione è stato notevolmente ridotto. Ne è una concreta dimostrazione la nascita dell’Intergruppo “Oncologia: Prevenzione Ricerca e Innovazione” che presiedo ed ho personalmente fondato”, spiega la senatrice Tilde Minasi della X Commissione Affari Sociali, Sanità, lavoro pubblico e privato, Previdenza sociale, promotrice dell’incontro “Screening precoce e supporto nutrizionale del paziente: a che punto siamo?”. Per l’occasione, istituzioni, società scientifiche, clinici e associazioni pazienti si sono incontrate nello scenario istituzionale della Sala Capitolare del Senato per confrontarsi sul tema della nutrizione clinica in Italia.

C’è spazio per la nutrizione clinica nella Legge di Bilancio?

La malnutrizione nel paziente affetto da tumore ha moltissime ripercussioni negative: aumenta le complicanze, ritarda i tempi di dimissione, causa ricoveri ripetuti con un conseguente sovraccarico sulle casse del Sistema Sanitario Nazionale. “La nutrizione clinica deve rientrare nel percorso di cura delle patologie oncologiche perché una buona nutrizione incide positivamente sull’efficacia delle terapie, migliora la qualità di vita e ne aumenta anche l’aspettativa – continua la senatrice Minasi -. Mi impegnerò personalmente affinché già con la prossima legge di Bilancio si possa dare un primo segnale proprio in questa direzione. Intervenire sulla malnutrizione in oncologia non può che essere una mission per chi governa sia per garantire la tutela del diritto alla salute dei cittadini, che per ottimizzare le risorse a disposizione della Sanità pubblica”. Recenti studi scientifici, infatti, hanno evidenziato che la malnutrizione in oncologia aumenta di 2,6 volte il tasso di mortalità, triplica il tasso di complicanze e fa salire del 30% la durata della degenza rispetto ai pazienti con uno stato nutrizionale nella norma.

Inserire i Supplementi Nutrizionali Orali nei LEA
Anche il Direttore Generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione del Ministero della Salute, Ugo Della Marta, ribadisce l’interesse e l’impegno delle Istituzioni su questi temi. “Il Ministero della Salute ha accolto la richiesta pervenuta dalle associazioni dei pazienti che chiedono l’inserimento nei LEA dei Supplementi Nutrizionali Orali (ONS). È ora al vaglio del Comitato Lea e siamo alle prime battute per l’istruttoria della Legge di Bilancio. La direzione generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione ha sostenuto questa richiesta a livello tecnico, ma è chiaro che ora sarà necessario trovare la compatibilità finanziaria e le risorse per l’effettivo inserimento nei LEA”.

Il lavoro del TaSiN
Sul fronte dell’appropriatezza della presa in carico nutrizionale, invece, grazie all’operato del Tavolo tecnico sulla sicurezza nutrizionale (TaSiN), “sarà licenziato a breve un documento che punta a rafforzare l’Accordo Stato-Regioni del 2017 volto ad omogeneizzare le prestazioni sanitarie erogate in materia a livello regionale. In altre parole - assicura Della Marta -, siamo a lavoro per garantire al più presto le soluzioni adeguate che migliorino la presa in carico dei pazienti oncologici nel nostro Paese, anche dal punto di vista nutrizionale, assicurando un’assistenza equa a tutti i malati oncologici”. Come sottolineato dalla dottoressa Francesca Pasqui, dell’associazione Vivere senza Stomaco “ci sono delle Regioni in cui l’erogazione degli ONS in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale è già garantita, ma è necessario che non resti un privilegio di pochi. Così come - aggiunge – è altrettanto necessario che ogni Regione attivi un Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (Pdta) regionale dedicato al tumore dello stomaco - percorso finora disponibile solo in Piemonte, Veneto e Campania - che garantisca una presa in carico multidisciplinare del paziente, nutrizione inclusa”.

Cresce l’attenzione verso la nutrizione clinica
Ancora una volta si tratterebbe di un investimento che, a medio e lungo termine, garantirebbe un risparmio per la Sanità Pubblica: è stato stimato che una corretta integrazione nutrizionale possa portare un risparmio di costi a carico del SSN pari al 12,2%. Obiettivo sul quale anche il mondo scientifico sta puntando già da diversi anni: “La consapevolezza dell’importanza della nutrizione nei pazienti con tumore per tollerare meglio le cure sta via via aumentando – assicura il professor Maurizio Muscaritoli, presidente SINuC, la Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo –. Studi scientifici hanno mostrato che le prospettive di sopravvivenza per un paziente malnutrito affetto da un tumore in fase iniziale (non metastatica), sono le medesime di un paziente adeguatamente nutrito che, invece, riceve la diagnosi di cancro quando la malattia è già avanzata (in fase metastatica)”.

Pronto: il questionario che valuta il rischio di malnutrizione in oncologia
Proprio quest’anno, la Sinuc ha pubblicato uno studio sulla rivista Cancers che mostra come la valutazione nutrizionale effettuata al momento della diagnosi migliori la risposta alle terapie oncologiche. “Questo studio, denominato NUTRIONCO, uno studio osservazionale retrospettivo eseguito su pazienti oncologici affetti da varie tipologie di tumore, è il seguito di un altro studio, PreMiO, condotto nel 2017 su 1.952 pazienti in prima visita oncologica. Tra questi, 571 sono stati seguiti nei due anni successivi”, spiega Muscaritoli. Di recente la Sinuc ha messo a punto il protocollo “Pronto”, una sorta di questionario che gli oncologici possono sottoporre ai propri pazienti con l’obiettivo d valutare lo stato nutrizionale in cui si trova il paziente attraverso tre quesiti-chiave: ‘Hai perso peso in maniera involontaria, Hai mangiato meno?, Hai perso forza muscolare?’. “La risposta positiva anche ad uno sola di queste domande evidenzia la necessità di prescrivere al paziente una consulenza nutrizionale”, aggiunge il presidente della Sinuc.

L’importanza della corretta informazione
Società scientifiche, istituzioni e associazioni hanno evidenziato anche la necessità di sensibilizzare medici e professionisti sanitari sull’importanza di fornire informazioni corrette e chiare ai propri pazienti. “Tra i diritti che devono essere garantiti ai malati oncologici spicca il diritto alla corretta informazione, attraverso counseling nutrizionale, screening e monitoraggio dello stato nutrizionale - dice Laura Del Campo, Direttore della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) – . È fondamentale che i malati siano consapevoli dei propri diritti, attraverso strumenti informativi, validati dal punto di vista scientifico, ma chiari e semplici”. Anche il Direttore Dipartimento Malattie Cardiovascolari, Endocrino-mataboliche ed Invecchiamento dell’ISS, Marco Silano è convinto che la formazione sulla nutrizione umana del personale medico sia “uno strumento importantissimo e su cui è necessario lavorare per poter offrire un’assistenza completa al paziente oncologico”.

Verso una SSN su misura per ii paziente oncologico
Un impegno necessario che potrebbe cambiare il destino di quei tre pazienti oncologici su 10 che si trovano in uno stato di malnutrizione fin dal momento della diagnosi. Numeri che per alcune particolari forme di cancro sono ancora più preoccupanti: “Ci sono tumori come quello del pancreas, del distretto testa-collo in cui l’incidenza della malnutrizione al momento della diagnosi supera il 40% - spiega il professore Paolo Pedrazzoli, direttore S.C. Oncologia, Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo di Pavia -Per tutti questi pazienti malnutriti il percorso di cura sarà molto più difficoltoso: la malnutrizione compromette l’aderenza terapeutica, peggiora gli effetti collaterali delle cure oncologiche e rende il paziente oncologico, già fragile a causa della sua malattia, ancora più vulnerabile. Dunque, è ormai chiaro che la nutrizione non rappresenta un elemento di cura secondario. Va considerato - conclude il professore Pedrazzoli - alla stessa stregua degli altri trattamenti a cui un paziente oncologico viene sottoposto”.

“Dopo quasi 30 anni di assenza di norme specifiche e di un'organizzazione adeguata, Regione Lombardia, con il decreto sulla riorganizzazione della nutrizione artificiale domiciliare e ospedaliera dell'ottobre del 2021 e la successiva nascita della Rete della Nutrizione Clinica Lombarda del 2022, si è proposta come modello innovativo sul tema e sta implementando una serie di azioni finalizzate a garantire l'appropriato e tempestivo supporto nutrizionale a tutti i propri assistiti, con particolare riferimento ai pazienti oncologici e fragili”, ha affermato Riccardo Caccialanza, Direttore SC Dietetica e Nutrizione Clinica presso Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico San Matteo Pavia.

Isabella Faggiano



28 settembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy