Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 21 GIUGNO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Flop campagna vaccinale Influenza e Covid. Bellantone (Iss): “Spettava a Regioni sostenerla”


Il neo Presidente dell’Iss a Repubblica: “Si tratta del solito problema italiano: si procede a macchia di leopardo. Ci sono alcune Regioni nelle quale sta andando bene, in altre invece va malissimo. Ci sono carenze di informazioni da parte delle autorità e in certi posti anche carenze di distribuzione del vaccino”.

11 GEN -

Il flop della campagna vaccinale contro Influenza e Covid è il “solito problema italiano: si procede a macchia di leopardo. Ci sono alcune Regioni nelle quale sta andando bene, in altre invece va malissimo. Ci sono carenze di informazioni da parte delle autorità e in certi posti anche carenze di distribuzione del vaccino”. Così il Presidente dell’Iss, Rocco Bellantone in un’intervista rilasciata a Repubblica in cui ha anche analizzato l’elevata circolazione dei virus che quest’inverno sta costringendo a casa milioni di italiani. “Non è vero che la nostra situazione, come ho letto da qualche parte, è eccezionale. In realtà – spiega - quello più diffuso è un ceppo abbastanza classico, tanto che la variante è inclusa anche nel vaccino che stiamo utilizzando. Anche la gravità è sovrapponibile a quelle di virus del passato. Se si guarda l'incidenza dei ricoveri rispetto ai casi, infatti, è più o meno la stessa. È vero che è aumentata la circolazione rispetto agli anni precedenti ma comunque non siamo molto distanti dai picchi che abbiamo visto anche in altre stagioni”.

Il commissario difende poi l’operato del Ministero: “L'attore principale della promozione non deve essere il ministero, sono le Regioni. Siamo abituati a prendercela sempre con il ministero, ma ricordiamoci che abbiamo pure votato a un referendum per abolirlo. Lì ci sono competenze di coordinamento, di stimolo, ma non dobbiamo dimenticarci che la sanità è in mano alle Regioni”.

Bellantone rilancia poi sull’importanza delle vaccinazioni a tutte le età: “Una persona di 65 anni oggi come oggi dovrebbe fare il vaccino contro l'influenza, il Covid, lo pneumococco, l'herpes e magari pure il virus sinciziale. Alla fine così qualcuno decide di non fare proprio niente. Per) sbaglia. Quelle malattie potrebbero essere gravi o comunque fastidiose. E poi secondo me è sbagliato pensare che un giovane non si debba vaccinare Se non ci si vaccina non si bloccano i contagi. È vero che la malattia è pericolosa quasi esclusivamente negli anziani e nei fragili, i soggetti a rischio, ma l'unico modo per interrompere il ciclo di contagio è avere alte coperture anche tra le altre categorie di persone. E non dimentichiamo il dato economico legato a chi sta a casa dal lavoro”.



11 gennaio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy