Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 29 FEBBRAIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Test Medicina. Binetti (Udc): "Le prossime prove per le scuole di specializzazione siano immuni al Tar"


Per la deputata Udc servono "garanzie chiare e trasparenti" per il prossimo concorso che prevederà una graduatoria nazionale. "Pagheremo caro nei prossimi anni l'inserimento massiccio di studenti a seguito delle sentenze dei Tar in termini di mancata formazione in campo clinico nel secondo triennio e non potremmo garantire a tutti loro le borse di studio".

22 OTT - "Ci auguriamo che i prossimi test di ingresso nelle scuole di specializzazione di medicina siano ricordati da tutti per essere stati immuni a sentenze del Tar. Servono garanzie chiare e trasparenti per assicurare al prossimo concorso delle scuole di specializzazione, che prevede per la prima volta una graduatoria nazionale, tutte le condizioni necessarie ad assicurare piena legalità a tutti i passaggi della procedura senza superficialità. Ad oggi, la mole di sentenze amministrative post esami continua ad alimentare un cortocircuito nella programmazione stabilita da Sanità, Miur e Conferenza delle Regioni, causando ritardi nella qualità della formazione specifica degli studenti e danni alla qualità del servizio sanitario stesso. La formazione di un medico non è assicurata dal formalismo delle procedure, ma dalla qualità didattica soprattutto sotto il profilo clinico. E questa si acquisisce con la maturità, giorno dopo giorno, stando a contatto con i pazienti". Lo ha dichiarato in una nota la deputata dell'Udc Paola Binetti.

"Il rapporto medici in formazione-pazienti è uno degli indicatori più importanti per garantire qualità alla formazione medica. Pagheremo caro nei prossimi anni l'inserimento massiccio di studenti a seguito delle sentenze dei Tar - sottolinea Binetti -: il numero complessivo degli studenti che oggi frequentano le lezioni teoriche dei primissimi anni è quasi raddoppiato. Lo pagheremo caro in termini di mancata formazione in campo clinico nel secondo triennio. Né potremo garantire a tutti borse di studio per accedere alle scuole di specializzazione nel giro dei prossimi anni. Scarsamente formati, quindi, e forzosamente disoccupati perché privi di specializzazione".

22 ottobre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy