Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Martedì 23 LUGLIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Ddl cannabis. Stop ai lavori in commissione Affari Sociali. Presentati 1700 emendamenti


Di fronte all'enorme mole di proposte di modifica, presentate per la maggior parte dal gruppo Ap, che per voce dello stesso ministro Lorenzin si è schierato a più riprese contro ogni ipotesi di legalizzazione i lavori della XII commissione sul ddl sono stati sospesi. A questo punto il testo approderà direttamente in Aula lunedì, dove gli emendamenti verranno ripresentati. Il voto, a questo punto, slitterà a settembre.

21 LUG - Stop ai lavori in commissione Affari Sociali sul ddl cannabis. Di fronte ai 1700 emendamenti, presentati per la maggior parte dal gruppo Ap, che per voce dello stesso ministro Lorenzin si è schierato a più riprese contro ogni ipotesi di legalizzazione, i deputati della XII commissione hanno deciso di sospendere i lavori sul ddl. il testo a questo punto approderà direttamente in Aula lunedì, dove gli emendamenti verranno ripresentati. Questo implica uno slittamento a settembre del voto su emendamenti e disegno di legge.

21 luglio 2016
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy