Quotidiano on line
di informazione sanitaria
21 APRILE 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Coronavirus e Fase 2. Rostan (Iv): “Fiducia negli italiani, ma ora si proceda con la sburocratizzazione e test sierologici”


“Ora il Governo deve colmare tutti i ritardi accumulati nell’erogazione delle misure di sostegno alle aziende e ai cittadini. Bisogna anche accelerare test sierologici e utilizzo delle app e di tutte le misure di contenimento della diffusione del contagio” ha dettovicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

04 MAG - “Gli italiani sapranno essere responsabili, come d’altronde lo sono stati in questi due mesi, e la ripartenza del lavoro per oltre quattro milioni di nostri concittadini dimostrerà che è possibile uscire dal tunnel se ognuno di noi rispetterà tutti i protocolli di sicurezza raccomandati. Non è facile autodeterminarsi tra mille regole e codicilli sfornati freneticamente sulla scorta dell’emergenza e le prossime due settimane saranno decisive per capire come sarà la convivenza con il coronavirus in attesa del vaccino. Adesso però deve essere il Governo a segnare il passo colmando tutti i ritardi accumulati nell’erogazione delle misure di sostegno alle aziende e ai cittadini, e dando il via a un forte processo di sburocratizzazione che favorisca nuova occupazione e lo sblocco dei cantieri per ammortizzare il contraccolpo occupazionale causato dalla crisi. In quest’ottica è necessario anche sostenere le migliaia di piccole e micro imprese e le partite iva che, in assenza di provvedimenti mirati e della possibilità di riaprire immediatamente, rischiano di chiudere i battenti definitivamente. Il primo giugno, per molti di loro, è già un traguardo irraggiungibile”.

Lo ha dichiarato Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.
 
“Bisogna inoltre che si acceleri sui test sierologici, sull’utilizzo delle app e di tutte le misure di contenimento della diffusione del contagio – ha proseguito la deputata di Italia Viva – per scongiurare l’unica cosa che non dovrà accadere, vale a dire l’obbligo di chiudere tutto nuovamente. Monitorare l’andamento dei contagi, individuare gli asintomatici, seguire capillarmente tutti i focolai domestici, è attività essenziale per non fare passi indietro. Il nostro Paese non lo sopporterebbe. In alcune città, purtroppo, è possibile vedere lunghe code di persone in fila al banco dei pegni. È il termometro della situazione attuale, è il punto dal quale dobbiamo, tutti insieme, cercare di distanziarci nel più breve tempo possibile. Prima di essere travolti da una crisi sociale senza precedenti”.
 

04 maggio 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy