Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 MAGGIO 2024
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Sileri: “Aprirei AstraZeneca agli uomini under 60”. E su mascherine all’aperto: “Via quando raggiungeremo 30 mln vaccinati”


Così il sottosegretario alla Salute intervenendo questa mattina a RaiNews24. Sul tema AstraZeneca c'è però da dire che, non solo l'Ema non ha mai posto limiti di età o genere non riscontrando evidenze su un possibile rischio aumentato, ma nei scorsi giorni anche la Germania ha deciso di aprire il vaccino a tutte le fasce d'età senza alcuna distinzione. E poi sulle mascherine: "Quando la metà della popolazione target avrà ricevuto almeno una dose di vaccino, la mascherina all’aperto dove non c’è assembramento si potrà mettersela in tasca".

11 MAG - "Per il vaccino AstraZeneca è stata data indicazione di somministrarlo sopra i 60 anni, io aprirei anche alla popolazione sotto i 60 di sesso maschile, fino ad esaurimento progressivo delle scorte".
 
Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenendo questa mattina a RaiNews24. "A febbraio-marzo, io non avrei messo la restrizione a 60 anni, ma l'avrei messa più bassa - ha aggiunto - se avessimo ampliato la platea a febbraio avremmo limitato i danni fra gli anziani".
 
C'è però da dire che, non solo l'Ema non ha mai posto limiti di età o genere non riscontrando evidenze su un possibile rischio aumentato, ma negli scorsi giorni anche la Germania, da cui tutto partì con il report del Paul Ehrlich Institut, ha deciso di aprire il vaccino AstraZeneca a tutte le fasce d'età senza alcuna distinzione. Questa continua attenzione sui limiti da imporre per età o genere rischia invece di alimentare quella distorta percezione di scarsa sicurezza del vaccino che, come già accaduto in diverse Regioni d'Italia, ha portato fenomeni di riufiuto che rischiano di far rallentare il 'passo' della campagna vaccinale.
 
Quanto all'uso delle mascherine all'aperto, il sottosegretario ha poi spiegato: "Togliersi la mascherina all’aperto? Concordo con questa ipotesi quando saranno raggiunti i 30 milioni (la metà della popolazione target) con almeno una dose di vaccino, bisognerà aspettare 3 settimane per avere una buona protezione: allora è chiaro che anche la mascherina all’aperto dove non c’è assembramento credo sia sensato mettersela in tasca e rimettersela in faccia quando c’è assembramento e rischio", ha affermato.
 
G.R.

11 maggio 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy