Quotidiano on line
di informazione sanitaria
05 DICEMBRE 2021
Governo e Parlamento
segui quotidianosanita.it

Covid. Oms: “Test nelle scuole per evitare nuove chiusure”


È quanto prevedono le nuove raccomandazioni redatte dall'ufficio europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità. “I mesi estivi offrono ai governi una preziosa opportunità per mettere in atto la giusta serie di misure che aiuteranno a mantenere bassi i tassi di infezione ed evitare di ricorrere alla chiusura delle scuole, che, come abbiamo visto, ha un effetto dannoso sull'istruzione sociale e mentale dei nostri bambini e giovani”.

02 LUG - Test molecolari o antigenici dovrebbero essere effettuati nelle scuole anche se non ci sono studenti o insegnanti positivi, per evitare di dover fare ricorso a nuove sospensioni delle lezioni in presenza e alla didattica a distanza nel caso di nuove ondate della pandemia da Covid-19. È quanto si legge nelle nuove raccomandazioni dell'ufficio europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).
 
“Le scuole – segnala l’Oms - dovrebbero rimanere aperte il più a lungo possibile con adeguate misure sanitarie e sociali e i governi dovrebbero utilizzare i mesi estivi per attuare misure che proteggano la scuola nel prossimo anno scolastico”.
 
Le raccomandazioni aggiornate arrivano sullo sfondo dell'aumento dei tassi di infezione in alcuni paesi della regione, principalmente a causa della combinazione dell'allentamento delle misure di contenimento, dell'aumento degli spostamenti delle persone e dell'iniquità nella distribuzione dei vaccini in tutta la regione.
 
“I mesi estivi offrono ai governi una preziosa opportunità per mettere in atto la giusta serie di misure che aiuteranno a mantenere bassi i tassi di infezione ed evitare di ricorrere alla chiusura delle scuole, che, come abbiamo visto, ha un effetto dannoso sull'istruzione sociale e mentale dei nostri bambini e giovani", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa.

 
“La diffusione di nuove varianti, unita alla presenza di sacche di persone non vaccinate negli ambienti scolastici, significa che non c'è tempo da perdere. Il momento di agire è adesso. Non possiamo permettere alla pandemia di privare i bambini della loro istruzione e sviluppo”.
 
“Nonostante la maggior parte dei paesi offra l'apprendimento a distanza, la perdita di apprendimento e l'impatto del non essere a scuola sono stati difficili per i bambini. Ciò è particolarmente vero per i bambini vulnerabili ed emarginati. Nell'ultimo anno, genitori, operatori sanitari e bambini hanno cercato di adattarsi al loro 'nuovo' ambiente di apprendimento, ma non possiamo rischiare di avere un altro anno di interruzioni”, ha affermato Afshan Khan, direttore regionale dell'UNICEF per l'Europa e l'Asia centrale. "Dobbiamo lavorare insieme durante l'estate per garantire che i bambini possano tornare a scuola in sicurezza e recuperare il loro apprendimento".
 
"Dobbiamo uscire dalla crisi causata dal COVID-19 nell'istruzione e nella sanità con sistemi di istruzione e assistenza sanitaria più resilienti e perseguire obiettivi ambiziosi per recuperare l'istruzione e trasformarla in modo che ogni studente impari meglio, abbia abilità sociali ed emotive più forti, salute e benessere migliori", ha affermato Tao Zhan, Direttore dell'Istituto UNESCO per le tecnologie dell'informazione nell'istruzione (UNESCO-IITE). “Dobbiamo agire ora. È in gioco il futuro di questa generazione”.
 
Le raccomandazioni aggiornate si concentrano su otto punti chiave che interessano i bambini e la scuola durante la pandemia di COVID-19:
L'uso di PCR o test antigenici diagnostici rapidi in ambito scolastico;
La necessità di studi che valutino l'efficacia delle misure di mitigazione del rischio sul controllo delle infezioni;
L'importanza di salvaguardare gli esiti educativi, il benessere mentale e sociale;
La necessità di rendere conto dei bambini che vivono in situazioni vulnerabili;
Cambiamenti nell'ambiente scolastico che avvantaggiano la salute dei bambini e il controllo delle infezioni;
L'importanza di includere i bambini in tutti i processi decisionali;
Strategie di vaccinazione negli ambienti scolastici; 
 
Mantenere le scuole aperte come obiettivo fondamentale.
La chiusura delle scuole dovrebbe essere considerata solo come misura di ultima istanza, se e quando "si verificano grandi epidemie o la trasmissione nella comunità non può essere controllata da altre misure", osservano i membri del TAG nelle loro raccomandazioni.

02 luglio 2021
© Riproduzione riservata


Altri articoli in Governo e Parlamento

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Boncompagni, 16
00187 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente e AD
Vincenzo Coluccia

Direttore generale
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy