Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Covid. Appello dei pediatri: “Stop alle certificazioni inutili per gli studenti”


Il Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri Antonio D’Avino: “Tutti i bambini e adolescenti in isolamento per Covid devono essere considerati idonei alla didattica digitale integrata. Per farlo basta un tampone positivo”

01 APR - “Come Federazione Italiana Medici Pediatri – FIMP ringraziamo il Ministro della Salute Roberto Speranza per la proroga dei termini della ricetta dematerializzata. Ora bisogna proseguire nella direzione della semplificazione dei certificati per gli studenti delle scuole primarie e secondarie colpiti da Coronavirus”. E’ quanto ha dichiarato oggi il presidente della FIMP Antonio D’Avino dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, lo scorso 24 marzo, del DL con disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid-19. In particolare all’articolo 9 comma 4 si stabiliscono nuove norme per la partecipazione alla didattica digitale integrata (DDI).
 
“Bisogna sburocratizzare e rendere più facile per le famiglie l’accesso ai servizi digitali agli alunni e di conseguenza il lavoro dei pediatri di famiglia – prosegue il dott. D’Avino -. Questo attualmente non avviene e facciamo quindi due proposte concrete alle Istituzioni. Tutti gli studenti in isolamento devono essere considerati automaticamente idonei alla DDI, a meno che non presentino una certificazione di inidoneità temporale. Per accedere alla DDI dovrebbe bastare un’attestazione “ufficiale” e quindi un tampone con esito positivo presentata dal genitore al dirigente scolastico. Vanno però esclusi i tamponi fai-da-te che hanno dimostrato, ripetutamente negli ultimi mesi, di non essere affidabili al 100%”. La FIMP infine conferma di voler collaborare con le Istituzioni per trovare nuove soluzioni in questa nuova fase della pandemia”.
 
“Siamo subito disponibili a partecipare ai tavoli ministeriali dove si elaborano linee progettuali relative alla pediatria di famiglia – conclude D’Avino -. Come Federazione, infatti, rappresentiamo la quasi totalità dei pediatri di libera scelta e possiamo perciò dare un nostro contributo”.
 

01 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy