Quotidiano on line
di informazione sanitaria
07 AGOSTO 2022
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Dai disturbi del sonno all’ansia fino alla paura: sempre più medici vittime di burnout


Il dato emerge dal sondaggio dell’Istituto Piepoli che sarà presentato domani a Roma alla Conferenza nazionale sulla Questione medica. Uno su dieci tra i medici di famiglia, uno su quattro tra le guardie mediche, il 4% degli ospedalieri vittime della sindrome. Anelli: “I medici sono in difficoltà”

20 APR -

Disturbi del sonno, stress, ansia, paura: ad esserne afflitti, dopo la pandemia, sono il 24% dei medici di continuità assistenziale, quasi uno su quattro. Lo stesso accade a un medico di famiglia su dieci, al 4% dei medici ospedalieri e al 3% degli odontoiatri.

È questo uno dei dati - quello relativo alla cosiddetta sindrome da burnout - che emergono dall’indagine conoscitiva “La condizione dei medici a due anni dall’inizio della pandemia”. Realizzata dall’Istituto di ricerca Piepoli, per conto della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), l’indagine sarà presentata nella sua interezza domani, nel corso della Conferenza nazionale sulla Questione medica, che si svolgerà dalle 9 alle 14 presso il Teatro Argentina di Roma.

“I medici sono in difficoltà – spiega il Presidente della Fnomceo, Filippo Anelli -. Le criticità che già affliggevano la Professione, la carenza di personale, i mancati investimenti, la mentalità aziendalista volta a far quadrare i bilanci più che a definire obiettivi di salute, sono state acuite dall’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. È per sanare questo disagio, e per tornare protagonisti del Servizio Sanitario Nazionale nel momento cruciale della sua riforma che, un anno fa, la Fnomceo, insieme ai Sindacati medici, ha sollevato quella che abbiamo definito “la Questione medica”. Oggi, ci ritroviamo qui, tutti insieme, per rivendicare il nostro ruolo, a livello professionale e sociale”.

“Secondo l’Istituto Piepoli, oltre 15000 medici e odontoiatri sono colpiti da burnout – aggiunge -. Un dato sicuramente sottostimato: secondo una metanalisi condotta su 55 studi pubblicati sui disturbi a carico dei medici dopo il primo anno di pandemia, una percentuale significativa di colleghi sta sperimentando alti livelli di sintomi di depressione e ansia. La prevalenza di depressione e ansia nei sanitari è rispettivamente del 20,5% e del 25,8%”.

“Sorge spontanea a questo punto la domanda: chi cura i curanti? – si chiede Anelli -. La perdurante mentalità aziendalista che pervade il nostro Servizio sanitario nazionale, tutta concentrata solo sui risultati economici, non ha permesso di mettere in atto iniziative tese a rilevare questo drammatico fenomeno, né tantomeno a interrogarsi su come prevenirlo e affrontarlo. Per questo, domani, chiederemo, tra le altre istanze, il riconoscimento del burnout come malattia professionale”.

Le richieste dei medici saranno sintetizzate in un Manifesto: 20 punti per un progetto di rilancio del Servizio sanitario nazionale che superi le disuguaglianze e disomogeneità nelle diverse aree del Paese. A sottoscriverlo, 15 sigle sindacali:  ANAAO - ASSOMED, l’Associazione dei medici dirigenti; ANDI, l’associazione nazionale dentisti italiani; CIMO FESMED; CIMOP, la Confederazione italiana dei medici dell’ospedalità privata; CISL MEDICI; FIMMG, la Federazione italiana dei Medici di Medicina Generale; FIMP, la Federazione italiana dei medici pediatri; FISMU, Federazione italiana sindacale dei medici uniti; FVM, Federazione Veterinari medici e dirigenti; NUOVA ASCOTI; l’Associazione sindacale chirurghi ortopedici traumatologi italiani; SBV, il Sindacato medici specialisti convenzionati per le branche a visita; SMI, il Sindacato medici italiani; SNR il Sindacato nazionale Area Radiologica; SUMAI ASSOPROF, il Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria; UIL FPL MEDICI. Presenti anche il Sindacato FP CGIL Medici e dirigenti SSN, che porterà un suo contributo alla discussione, e il Sindacato AAROI-EMAC, l’Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani Emergenza Area Critica.

Ad ascoltare e recepire le istanze dei medici, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, e il Presidente della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, Massimiliano Fedriga.

All’evento, che sarà introdotto dal Segretario della Fnomceo, Roberto Monaco, e condotto dal giornalista parlamentare Giovanni Miele, interverranno inoltre il Presidente della stessa Fnomceo, Filippo Anelli, che presenterà la nuova campagna di comunicazione “Milioni”, il Presidente dell’Associazione Gimbe, Nino Cartabellotta, e quello della Fondazione Enpam, Alberto Oliveti.




20 aprile 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il sondaggio

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
iPiùLetti [7 giorni] [30 giorni]
1  
2  
3  
4  
5  
6  
7  
8  
9  
10  
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)


Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez

Redazione
Tel (+39) 06.59.44.62.23
Tel (+39) 06.59.44.62.26
Fax (+39) 06.59.44.62.28
redazione@qsedizioni.it

Pubblicità
Tel. (+39) 06.89.27.28.41
commerciale@qsedizioni.it

Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy