Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 13 GIUGNO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Medicina legale. Cannavò (Melchiorre Gioia): “Serve piattaforma digitale per gestione e valutazione del danno”

di Arnaldo Iodice

Il presidente della società scientifica è intervenuto al convegno “Gli scenari gestionali e assicurativi nella sanità italiana”, organizzato nei giorni scorsi presso l’Università Sapienza di Roma. “I tempi sono cambiati sotto tutti i punti di vista”

15 GIU -

Le nuove tecnologie e, in particolare, l’intelligenza artificiale possono essere utilizzate anche nella gestione e nella valutazione del danno in medicina legale. Ne è convinto Giovanni Cannavò, presidente della società scientifica Melchiorre Gioia (che si occupa di tutte le problematiche relative al risarcimento del danno alla persona da fatto illecito, civile e penale).

Ai microfoni di Quotidiano Sanità, il presidente Cannavò (intervenuto al convegno “Gli scenari gestionali e assicurativi nella sanità italiana”, organizzato nei giorni scorsi presso l’Università Sapienza di Roma) spiega che “siamo alla necessità di una piattaforma digitale”, in quanto “i tempi sono cambiati sotto tutti i punti di vista”, non da ultimo e, anzi, soprattutto, “sotto il punto di vista professionale”.

E dunque, “continuare a gestire la valutazione del danno alla persona con tabelle che risalgono a 50 anni fa ha poco senso” o, perlomeno, è qualcosa che “non corrisponde più all'evoluzione della medicina clinica. Per questo – spiega Cannavò – dobbiamo puntare a metodologie moderne, ovvero a piattaforme digitali dove dall'inserimento dei dati clinici e dai risultati della visita medica si possa estrapolare una valutazione per quanto possibile obiettiva e verificabile, in modo tale da uscire definitivamente dalla soggettività valutativa che ancora oggi è predominante”.

Ma in che modo l'intelligenza artificiale può intervenire efficacemente a supporto delle parti nelle cause per responsabilità professionale? “Il tutto si ricollega a quanto ho detto”, spiega ancora il presidente della società scientifica Melchiorre Gioia. “Il consulente tecnico d'ufficio deve avere un ruolo imparziale e, dunque, avere uno strumento digitale che consenta di fare valutazioni obiettive permette di verificare le conclusioni a cui giunge il consulente tecnico d'ufficio e di ridurre la continuazione del contenzioso”.

Arnaldo Iodice



15 giugno 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy