Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 26 FEBBRAIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Delega fiscale. Anafe: “Norme su vendita e-cig online spazza via un settore rispettoso delle leggi e non contrasta mercato illegale”


Umberto Roccatti, Presidente Anafe–Confindustria: "È ingiustificabile che lo Stato spazzi via una filiera industriale autorizzata e lecita solo perché non riesce a trovare soluzioni efficaci per contrastare chi vende sul web senza rispettare le regole. La norma, così come formulata, non farà altro che alimentare il mercato nero online. Senza considerare i conseguenti ingenti danni per l’Erario, nonché l’elevato pericolo per la salute dei consumatori".

14 LUG - La Camera ha dato il via libera, in prima lettura, alla delega fiscale approvando un emendamento che mette in ginocchio l’e-commerce delle e-cig. Da un lato, introducendo il divieto di vendita online dei liquidi per le sigarette elettroniche con provenienza o approvvigionamento da paesi extra UE; dall’altro lato escludendo l’invio a domicilio dei prodotti europei acquistati via internet e prevedendo esclusivamente l’obbligo di consegna presso tabaccherie, negozi di e-cig o farmacie e parafarmacie autorizzate da Adm.

Secondo Umberto Roccatti, Presidente Anafe– Confindustria, l’associazione nazionale dei produttori di fumo elettronico: “È ingiustificabile che lo Stato spazzi via una filiera industriale autorizzata e lecita solo perché non riesce a trovare soluzioni efficaci per contrastare chi vende sul web senza rispettare le regole. La norma, così come formulata, non farà altro che alimentare il mercato nero online. Senza considerare i conseguenti ingenti danni per l’Erario, nonché l’elevato pericolo per la salute dei consumatori, soprattutto dei più giovani”.

Anafe, pur condividendo le finalità dell’emendamento in questione, da anni avanza soluzioni differenti di controllo e di enforcement che non vadano a detrimento della vendita legale online, come ad esempio l’obbligo di verifica dei documenti di identità non solo al momento dell’acquisto ma anche della consegna.

Per quanto concerne, invece, il contrasto al mercato illecito e di tutela delle entrate erariali, secondo Anafe, sarebbe stato più efficace l’introduzione di un’imposta di consumo sugli aromi con la relativa implementazione di tutto il quadro regolamentare previsto per i prodotti liquidi da inalazione senza nicotina, tra cui il regime di deposito fiscale.

“Voglio ricordare che il nostro comparto è da sempre impegnato nel contrasto al mercato illecito e nella tutela della salute dei minori. Anafe, in più occasioni, ha fattivamente collaborato con le autorità per segnalare siti online e profili social che commercializzano prodotti illegali e di contrabbando. Alla luce di queste considerazioni, rinnoviamo al Governo la nostra piena disponibilità al confronto e alla collaborazione” - conclude Roccatti.

14 luglio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy