Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Venerdì 01 MARZO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Manovra. Intersindacale medica incontra Schillaci: “Risposte insufficienti, mobilitazione continua”


È quanto emerge dall’incontro tra i sindacati e il Ministro della Salute: “Apprezziamo la disponibilità al confronto. Al momento, tuttavia, non abbiamo elementi concreti sufficienti per interrompere la mobilitazione affinché la Legge di bilancio proposta dal Governo sia emendata per soddisfarle adeguatamente”.

13 NOV -

“Apprezziamo la disponibilità al confronto con le OO.SS dimostrata dal Ministro Schillaci, così come anche la sua ‘buona volontà’ di fronte alle richieste fatte da questa intersindacale dei Dirigenti Medici, Veterinari e Sanitari. Al momento, tuttavia, non abbiamo elementi concreti sufficienti per interrompere la mobilitazione affinché la Legge di bilancio proposta dal Governo sia emendata per soddisfarle adeguatamente”. È quanto scrivono in una nota i sindacati AAROI-EMAC, FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO- SNR), FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN, FVM FEDERAZIONE VETERINARI E MEDICI, UIL FPL MEDICI E VETERINARI e CISL MEDICI al termine dell’incontro con il Ministro della Salute, Orazio Schillaci.

“Il SSN – si legge - , per restare pubblico e universale, ha bisogno di interventi strutturali urgenti di tipo organizzativo e finanziario, sia per l’assistenza territoriale sia per quella ospedaliera: sblocco del tetto imposto da anni sulla spesa del personale, piano assunzionale straordinario, stabilizzazione dei precari, riforma della formazione e contratto formazione-lavoro, finanziamento adeguato dei contratti e dell’indennità di specificità professionale, defiscalizzazione del salario accessorio, corresponsione TFS come il TFR con assegno unico e non a rate ritardate, nonché abolizione di tutte le penalizzazioni pensionistiche della Manovra 2024”.

“La situazione è drammatica: i professionisti della sanità sono allo stremo, il SSN rischia di collassare, e gli interventi proposti da questo Governo sono assolutamente insufficienti e troppo spesso dannosi, serve un cambio di passo che al momento non vediamo all’orizzonte. Per questo la nostra mobilitazione continua con iniziative articolate e con sempre maggiore convinzione e compattezza”, concludono.


“La Uil-Fpl apprezza l’impegno del Ministro Schillaci per risolvere i problemi creati dall’articolo 33 della Legge di Bilancio. Nell'incontro appena concluso per il comparto sanità, abbiamo chiesto al Ministro Schillaci di far ritirare al Governo il pacchetto di interventi sulle pensioni, che riteniamo fortemente iniqui, ingiusti e costituiscono una vera e propria beffa per milioni di lavoratrici e lavoratori pubblici. Servono interventi strutturali su assunzioni, stabilizzazioni, rinnovi contrattuali e maggiori risorse sul FSN per salvaguardare la sanità pubblica. Servono risposte urgenti, non più prorogabili: il SSN è al collasso. Per questo continuera' la nostra mobilitazione e da tutte le piazze il prossimo 17 Novembre verrà gridata forte e chiara l'esigenza di dire basta alle penalizzazioni a danno di tutte le lavoratrici e i lavoratori pubblici”, afferma Domenico Proietti, Segretario generale Uil-Fpl.



13 novembre 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy