Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 22 GIUGNO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Stati Generali Oss e Migep chiedono riconoscimento della professione: “Non siamo solo ‘operatori di interesse sanitario’”


Lettera aperta alle istituzioni e alle forze politiche: “Ad oggi l'Oss resta volutamente in una zona grigia senza ricevere una posizione esatta in quanto non vengono ancora applicate le leggi di Stato che lo riguardano (3/18 Lorenzin –DM 73/2021). Mancando l’individuazione di un profilo che lo caratterizza, mancando i percorsi formativi, la riforma dell’Oss resta inspiegabilmente incompleta”. E gli Oss “esclusi dalle prestazioni aggiuntive”. LA LETTERA

24 MAG - La professione dell’Oss “è sempre stata la colonna dell’assistenza” ma resta, tuttavia, “una professione che furbescamente nessuno vuole vedere o riconoscere politicamente appellandosi a leggi e sentenze varie ma che, quando poi nella quotidianità pratica delle corsie o dei pronto-soccorso serve, tutti la richiedono a gran voce senza fare troppe distinzioni tra ruoli tecnici e ruoli sanitari”. A dirlo, in una lettera aperta al ministro della Salute, alle forze politiche e agli assessori regionali, sono Angelo Minghetti (Federazione Migep) e Gennaro Sorrentino (Stati Generali Oss), che chiedono che “si preveda tramite la disposizione di legge, regolamenti o atti regionali che l’operatore socio sanitario sia considerato nelle prestazioni aggiuntive”.

“La definizione di “operatore di interesse sanitario” che la politica ha affibbiato all'Oss porta la professione a non avere gli stessi diritti delle altre professioni sanitarie”, scrivono Minghetti e Sorrentino nella missiva. Tale definizione, sottolineano, “conduce oggi la Legge nazionale di bilancio per il 2024 (L. n. 213/2023), la quale estende fino al 31 dicembre 2026, la facoltà di ricorrere agli incrementi delle tariffe orarie delle prestazioni aggiuntive del personale medico e del personale sanitario del comparto, ad escludere l'Oss da tale disposizione”.

Del resto, “ad oggi, nonostante il ruolo sociosanitario e l'area sociosanitaria, l'Oss resta volutamente in una zona grigia senza ricevere una posizione esatta in quanto non vengono ancora applicate le leggi di Stato che lo riguardano (3/18 Lorenzin –DM 73/2021)”, perché “mancando l’individuazione di un profilo che lo caratterizza, mancando altresì i percorsi formativi, la riforma dell’operatore socio sanitario resta inspiegabilmente incompleta”.
La categoria, spiegano Minghetti e Sorrentino, “è stanca nel vedere sminuita la propria professione e reclama riconoscimenti dovuti, e salario adeguato ai carichi di lavoro a cui è costretta”.

24 maggio 2024
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Lettera

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy