Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 15 GIUGNO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Responsabilità professionale. Anaao: "Faremo ricorso alla Corte europea"


L’Italia è ancora legata al Codice Rocco del 1930 ed è rimasto l’unico Paese in Europa a prevedere la perseguibilità penale degli errori clinici. Il sindacato: "devono essere riconosciuti i diritti negati e salvaguardata l’autonomia e la sicurezza della professione".

23 GEN - La questione esplosiva della responsabilità professionale - secondo l'Anaao Assomed - "rischia di compromettere ulteriormente la crisi strutturale in cui versa la sanità pubblica e minaccia di trasformarsi nelle sabbie mobili nelle quali affonderà definitivamente il rapporto medico-paziente e la stessa sostenibilità del sistema sanitario".
 
L’Italia - sottolinea una nota del sindacato - è ancora legata ad una giurisdizione in questo campo ferma al Codice Rocco (1930) ed è rimasto l’unico Paese in Europa a prevedere la perseguibilità penale degli errori clinici e non consola il fatto che, nonostante l’incremento del 24% delle denunce, il 98,1% dei procedimenti penali si conclude con l’archiviazione.
 
L’amplificazione semplicistica e superficiale praticata dai media di ogni evento avverso - aggiunge l'Anaao - espone ad una immeritata gogna mediatica il medico ed il suo lavoro. E la facilità con cui può entrare in campo la magistratura esaspera il senso di solitudine ed ingiustizia. Tuttavia la politica continua a rimanere indifferente alle drammatiche conseguenze della mancanza di risposte chiare e risolutive, e l’obbligo legislativo di assicurazione per le aziende sanitarie, da noi proposto come emendamento al Decreto Balduzzi, è stato sacrificato dal Parlamento sull’altare dei costi.
 
L’Anaao Assomed - conclude la nota - ritenendo che nell’attuale sistema esistano elementi fortemente ingiusti, penalizzanti i Medici e Dirigenti sanitari, contrastanti con i principi della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ha dato mandato ai propri legali di valutare la possibilità di un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo affinché siano riconosciuti i diritti negati e salvaguardata l’autonomia e la sicurezza della professione a maggior tutela della salute pubblica.

23 gennaio 2013
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy