Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Bianco (Fnomceo): “Su eventuali profili incompatibilità sta valutando Giunta Senato. Mie decisioni nel rispetto regole”


Il presidente dei medici e senatore del Pd al Consiglio nazionale. “Gli eventuali profili di incompatibilità riguarderebbero l'assunzione di cariche future e non le attuali”. E poi sulla Responsabilità professionale: “Progetto riformatore troppo impegnativo per attività legislativa parlamentare ridotta a lumicino”. LA RELAZIONE INTEGRALE

09 DIC - “Si muovono da qualche tempo interpretazioni, polemiche ed insulti in riferimento a profili di incompatibilità che coinvolgerebbero il mio doppio ruolo di Presidente Fnomceo e di Senatore della Repubblica e, verosimilmente, a cascata ogni carica ordinistica con ogni incarico elettivo”. Senza troppi giri di parole il presidente della Fnomceo, Amedeo Bianco nella sua relazione al Consiglio nazionale della Federazione svoltosi a Roma, affronta la questione dell'incompatibilità in seguito alla delibera della Autorità Anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone.
 
“Non amo le dietrologie – scrive Bianco - e rifuggo da culture complottiste, ma vi confesso il mio rammarico per essere stato strumentalmente usato per colpire il nostro lavoro, i nostri Ordini, la nostra Federazione, indicati come luoghi e soggetti dove imperano scandalosi conflitti di interesse e mirabolanti poteri economici; un vero e proprio castello medioevale abitato da boiardi che soffocano i cambiamenti e titolari di una autorità avulsa dai bisogni della professione che si pretende di rappresentare”.
 
“Lascio a voi la valutazione del merito – specifica - ricordando che, a mente dell'art. 29 ter della legge n.98/2013 “Disposizioni transitorie in materia di incompatibilità” di cui al DLgs n.39/2013 così recita ‘In sede di prima applicazione con riguardo ai casi previsti dalle disposizioni di cui ai Capi 5 e 6 del DLgs n.39/2013 gli incarichi conferiti e i contratti stipulati prima della data di entrata in vigore del medesimo DLgs in conformità alla normativa vigente prima della stessa data, non hanno effetto come causa di incompatibilità fino alla scadenza già stabilita per i medesimi incarichi e contratti’”.
 
“Gli eventuali profili di incompatibilità – sottolinea - , dunque, da mesi sostenuti in punta di diritto, riguarderebbero l'assunzione di cariche future e non le attuali, e altresì vi informo che la Giunta delle elezioni del Senato è stata incaricata dal presidente Grasso di valutare la questione e alle cui risultanze conformerò le mie decisioni in assoluta serenità e nel rispetto delle regole istituzionali a cui ho sempre ispirato l'esercizio delle mie funzioni pubbliche”.
 
Nella sua Relazione al Consiglio nazionale Bianco ha anche toccato altri temi caldi che coinvolgono a 360 gradi i camici bianchi. Ma sulla Responsabilità professionale, una piccola ‘doccia gelata’ quando ha sottolineato come “il progetto riformatore che abbiamo messo in campo è possibile, come da molteplici autorevoli riconoscimenti, ma è forse troppo impegnativo per una attività legislativa di iniziativa parlamentare che, come sapete, è ridotta al lumicino, tanto che in tutta onestà non mi sento di formulare previsioni attendibili sull'iter del testo unificato alla Camera”. 

09 dicembre 2014
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy