Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 04 MARZO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Farmacie rurali. “Tema abusato”, dice l’Ad di Conad.  “Venga a vedere cosa vuol dire stare in montagna con una piccola farmacia”, la replica di Sunifar


Per l’amministratore delegato del gruppo di ipermercati quello delle farmacie rurali è un tema “abusato”, perché “già ricevono sussidi economici”, e “pretestuoso”, perché “usato da Federfarma” per attaccare la grande distribuzione. La replica del Sunifar: “Venga a scoprire cosa significa lavorare d’inverno in un paese di montagna ed essere i soli a garantire la presenza dello Stato”. Il sussidio? “In alcune Regioni è pari a poche centinaia di euro l’anno”.

17 GEN - Non sono andate giù al Sunifar le dichiarazioni sulle farmacie rurali rilasciate dell’amministratore delegato del gruppo Conad, Francesco Pugliese, in un’intervista a FarmaciaVirtuale.it. Pugliese ha detto di ritenere “quello delle farmacie rurali” un tema “abusato, perché in realtà ricevono già sostegno e sussidi economici dalle Regioni. È dunque un argomento pretestuoso, portato da Federfarma per avvalorare la denuncia alla grande distribuzione che mina il ruolo di presidio sanitario delle farmacie”. “È fuor di dubbio – per Pugliese - che le farmacie rurali abbiano una funzione sociale importante, visto che sono collocate in piccole comunità di persone. Sarebbe tuttavia fuorviante vedere nella grande distribuzione il killer che le elimina dal mercato”.

“Sarebbe bello – ha replicato il presidente del Sunifar, Alfredo Orlandi - se l’Amministratore Delegato di Conad, invece di parlare a sproposito di farmacie rurali, venisse un giorno a vedere il lavoro che viene svolto da un farmacista rurale in un paese di 200 abitanti. Sarebbe istruttivo per lui venire a sapere che il farmacista rurale deve garantire la reperibilità 24 ore su 24, porta le medicina a casa dell’anziano solo che non è in grado di uscire, in alcuni casi deve anche fare delle medicazioni (contravvenendo a norme di legge che glielo impedirebbero) perché il pronto soccorso è lontano decine e decine di chilometri. A volte al farmacista rurale viene anche chiesto di svolgere pratiche burocratiche perché non c’è nessun altro che aiuta le persone anziane a farlo”.

“Forse– prosegue Orlandi – allora Pugliese capirebbe cosa significa lavorare d’inverno in un paese di montagna che rimane isolato ed essere i soli a garantire la presenza dello Stato e l’assistenza alle persone, senza arrivare ai casi estremi delle zone terremotate dove i farmacisti sono rimasti a garantire il servizio in container e altre sistemazioni di fortuna, mentre tutte le altre attività commerciali hanno chiuso. Pugliese eviterebbe di sproloquiare sul sussidio pubblico che le farmacie rurali ottengono e che in alcune Regioni è pari a poche centinaia di euro l’anno. E forse, mettendo a confronto le piccole farmacie rurali con i suoi ipermercati, dove la gente si illude di risparmiare con sconti su prodotti civetta, avrebbe un po’ più di rispetto per chi realmente svolge un ruolo sociale”.

“A testimonianza dell’insufficienza del contributo pubblico – conclude il presidente Sunifar -, vorrei ricordare a Pugliese che sia Federfarma che l’Enpaf, grazie a una forma solidarietà interna alla categoria, erogano un contributo aggiuntivo alle farmacie con fatturati bassissimi. Parliamo, per quanto riguarda il contributo Federfarma, di 180 farmacisti che hanno un reddito annuo inferiore a 18.000 euro, che appare decisamente irrisorio rispetto all’impegno e alla responsabilità di laureati che gestiscono un’impresa professionale impegnata a tutelare la salute dei cittadini 24 ore su 24, 365 giorni l’anno”.

17 gennaio 2017
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy