Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
Lavoro e Professioni
segui quotidianosanita.it

Agenas. Oggi presidio dei precari sotto il Ministero della Salute: “Speranza intervenga per stabilizzazione”


Cgil, Cisl e Uil: “Con l’emergenza Covid-19, all’Agenzia sono stati affidati ulteriori compiti di supporto tecnico operativo alle regioni, circa la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale. Chiediamo al ministro Roberto Speranza l’impegno a sostenere in Commissione bilancio l’emendamento che riguarda la stabilizzazione dei 70 lavoratori”.

10 DIC - La questione dei 70 precari dell’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari, è ancora aperta. Oggi le lavoratrici e i lavoratori hanno protestato sotto al Ministero della Salute: “Dopo l’ultima proroga ottenuta per due mesi, da ottobre a dicembre 2020, è quantomai urgente definire a livello normativo il percorso di stabilizzazione per chi, al fianco delle 146 unità stabili all’interno dell’Agenzia, si occupa da anni di portare avanti le attività”, dichiarano Paolo Terrasi, Marco Giobbi e Angelo Angritti, responsabili di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio.
 
“Con l’emergenza Covid-19, all’Agenzia sono stati affidati ulteriori compiti di supporto tecnico operativo alle regioni, circa la riorganizzazione della rete ospedaliera e territoriale. Chiediamo al ministro Roberto Speranza l’impegno a sostenere in Commissione bilancio l’emendamento che riguarda la stabilizzazione dei 70 lavoratori”, proseguono i sindacalisti.
 
“L’emendamento in questione, infatti, definisce modalità e risorse aggiuntive per consentire l’assunzione a tempo determinato dei precari storici dell’agenzia, impiegati anch’essi nel complessivo sistema dei servizi pubblici alla salute. Dove è prioritario tornare ad investire: tra le ragioni dello sciopero di ieri, le politiche assunzionali e l’avvio di un piano straordinario per l’immissione di professionalità e risorse stabili all’interno della PA è una rivendicazione centrale, per ridare slancio e forza ai servizi pubblici”, aggiungono Terrasi, Giobbi e Angritti.
 
“Siamo stati ricevuti al Ministero, ma non è stato possibile un confronto diretto col ministro Speranza. È quantomai necessario che si sostenga, nel complesso degli interventi relativi alla sanità pubblica, anche questa vertenza, una tra le più importanti battaglie aperte per il superamento del precariato in ogni ambito dei servizi pubblici, a partire dalla sanità, che ricordiamo nel Lazio riguarda il 10% del comparto. *Per questo ci aspettiamo dal ministro una dichiarazione risolutiva a cui facciano seguito fatti concreti in tempi brevi. Fino ad allora la mobilitazione non si fermerà”, concludono.

10 dicembre 2020
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lavoro e Professioni

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy