Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 24 GIUGNO 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

I medici e gli infermieri del PS di Piacenza ai cittadini: “Collaboriamo per un servizio migliore”

di I medici e gli infermieri del PS di Piacenza

07 LUG - Gentile direttore, 
negli ultimi mesi è stato dato ampio risalto dagli organi di stampa nazionale alla crisi dei Pronto Soccorso. La crisi coinvolge pienamente anche la nostra realtà locale. Le immagini del Pronto Soccorso di Napoli con barelle ammassate nei corridoi e pazienti stipati in attesa di posto letto non sono solo un problema di latitudine o delle grandi città. 

Il problema del sovraffollamento dei Pronto Soccorso (PS) è un fenomeno che costituisce una vera e propria emergenza nazionale e locale con ripercussioni immediate su due aspetti fondamentali della qualità delle cure: la sicurezza del paziente e la tempestività dell’intervento. E’ stato infatti dimostrato che i rischi a breve e medio tempo aumentano significativamente per il paziente se questi questi transita per un PS sovraffollato poiché alcuni trattamenti risultano inevitabilmente ritardati. 

In PS affrontiamo patologie che devono essere trattate velocemente e per cui le persone rischiano di morire. Sono situazioni che richiedono una diagnosi rapida e un trattamento quanto più precoce possibile e passano per definizione davanti agli altri casi meno gravi. 

Esiste una definizione oggettiva del sovraffollamento in PS che supera la sola percezione del fenomeno da parte degli operatori del Dipartimento di Emergenza. Secondo l’American College of Emergency Physicians (ACEP) il sovraffollamento si viene a determinare quando le richieste assistenziali dei pazienti superano la disponibilità di risorse da parte del PS o dell’ospedale per soddisfarle. 

Il sovraffollamento è dovuto anche alla presenza di casi non urgenti. 

I cittadini infatti si rivolgono sempre più spesso al PS per ottenere in tempi brevi risposte a bisogni percepiti come urgenze e che molto spesso non sono tali, se è vero che dei 21 milioni di accessi annui al PS in tutta Italia i codici rossi sono mediamente l’1%, i gialli il 18% mentre i verdi e i bianchi il 66% e il 15% rispettivamente. 

E sul totale dei pazienti che si rivolgono al PS il 20% ha una problematica prevalentemente assistenziale e/o sociale. L’assistenza territoriale sociale e sanitaria si interrompe il venerdì pomeriggio ma non si interrompono i bisogni della fascia più fragile della popolazione che non trova altra risposta che nel PS. 

Per quanto anche i servizi socio-sanitari del territorio stiano soffrendo della carenza di risorse dovute agli scarsi investimenti delle istituzioni e alla completa assenza di una programmazione sanitaria sul lungo periodo, non è pensabile che il PS possa sopperire a queste mancanze. 

L’aumento vertiginoso della popolazione anziana e con plurime patologie impone una reale riorganizzazione della medicina territoriale per cui più medici di Medicina Generale si raggruppino[1]  in presidi provvisti di assistenza infermieristica e strumenti diagnostici di base, aperti anche nel fine settimana. 

Il de-finanziamento della Sanità ha prodotto una progressiva carenza non solo di personale ma anche di posti letto ospedalieri di breve e lungodegenza. 

L’allungamento delle liste di attesa per qualsiasi prestazione specialistica ambulatoriale si traduce, di nuovo, nell’utilizzo del PS per ottenere una risposta più rapida ed efficiente, non essendo però questo il luogo dove soddisfare in modo efficace questo tipo di richieste. 

Le alte aspettative della popolazione si traducono poi in una sempre maggiore aggressività verbale e fisica come dimostrano i multipli recenti episodi di violenza che ci hanno coinvolto. 

Essere un operatore sanitario medico, infermiere o OSS, in queste condizioni non piace più a nessuno: esercitare bene una professione con alta utilità sociale è diventato difficile. Studiare per diventarlo non è più attrattivo. 

Lo dimostra l’allarmante tendenza ad abbandonare il PS in favore di impieghi meno gravosi per carico di lavoro ed emotivo (meno turni di notte, meno fine settimana impegnati) ed economicamente più vantaggiosi. 

Vogliamo intraprendere pertanto un dialogo chiaro con gli altri attori della sanità piacentina, in particolare del territorio, sui problemi sopra citati, per cercare le soluzioni locali possibili. 

Almeno a Piacenza, invitiamo voi cittadini ad iniziare con noi un percorso di dialogo, nell’ottica di trovare il modo di migliorare il nostro servizio, che è da custodire gelosamente per la salute di tutti, nessuno escluso. 

I medici del Pronto Soccorso di Piacenza: 
Dr. Vercelli Andrea (Direttore F.F. UO Pronto Soccorso di Piacenza),  Dr. Bastoni Davide, Dr.ssa Benedetti Irene, Dr. Marcianò Teodoro, Dr.ssa Galluzzo Claudia, Dr. Agosti Antonio, Dr. Akacha Karim, Dr.ssa Bricchi Silvia, Dr. Capriati Giuseppe, Dr.ssa Catelli Paola, Dr.ssa Condoleo Emanuela, Dr. Dacrema Alessandro, Dr.ssa Demichele Elena, Dr. Faggiani Massimo, Dr. Fenaroli Francesco, Dr. Gregoriano Enzo, Dr.ssa Iannicelli Teresa, Dr.ssa Ioannilli Eva, Dr.ssa Mazzoni Silvana, Dr.ssa Negri Chiara, Dr.ssa Pagani Laura, Dr.ssa Petracca Floriana, Dr.ssa Poggiali Erika, Dr.ssa Rossi Enrica (Direttrice UO Emergenza Territoriale 118), Dr. Santilli Giovanni, Dr. Shevardnadze Alexander, Dr. Silva Matteo (Direttore UO Medicina d’urgenza a ciclo breve), Dr.ssa Tinelli Valentina, Dr.ssa Triggia Irene, Dr.ssa Varrato Elvira, Dr.ssa Vertemate Valeria, Dr. Zanellati Giovanni, Dr.ssa Stagnitto Elisabetta 

Gli infermieri e OSS del Pronto Soccorso di Piacenza:
Arcip Mihai, Alessi Roberto, Arena Giovanna, Bagnoli Barbara, Bergonzi Rebecca, Biancalana Elisa, Buraschi Chiara, Caiazza Celestino, Calandrino Davide, Campitiello Giuseppe, Canini Chiara, Cimino Serena, Cinquemani Vincenza, Corvi Andrea, Da Riva Denise, De Gregorio Selena Anna, D’agostino Alice, D’amelio Cinzia, Ferrante Jessica, Ferranti Gabriele, Ferrari Valentina, Fossati Barbara, Gallo Davide, Gervasi Massimiliano, Ingallina Giulia, Iurato Antonino, Mazzoni Aurora, Maffini Elisa, Mariani Francesco, Meccio Federico, Misturini Emanuela, Moccia Nunzia, Montaldo Clint, Niccoli Laura, Pisica Luminita, Ponzi Davide Giulio, Popolla Alessandro, Querci Federica, Rebecchi Valentina, Rossi Eleonora, Ruggeri Luca, Sali Giovanni, Sartori Paolo, Scazzariello Martina, Stamate Monica, Stoppi Lorenzo, Tagliaferri Anna, Toscano Grazia, Trementozzi Claudio, Vancea Mara, Zahir Nadia, Zermani Anguissola Isabella, Bahari Karima, Battaglia Maria Luisa Ivana, Bongiorni Alice, Cerrocchi Mattia, Cuomo Federica, De Caro Emanuela, Devoti Sara, Galiè Nidia, Mutulescu Steluta Madalina, Lavezzoli Cristina, Mileto Agostino, Mulazzi Ivana, Osellini Sara, Pentiuc Cristina, Pompi Enrica, Rocco Massimiliana, Vrenna Giuseppe, Zappieri Patrizia , Ferrari Delia

07 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy