Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 13 APRILE 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Dialisi domiciliare. Quando si potrà fare anche in Lombardia?

di Eliana e Giampiero Masini

15 LUG -

Gentile Direttore,
siamo Eliana e Giampiero, residenti a Varese. Mio fratello ed io siamo due pazienti affetti da insufficienza renale cronica in cura presso il centro Dialisi dell’Ospedale di Varese dell’ASST Settelaghi da molto tempo (io 18 e mio fratello 6 anni).

Seppur i benefici di essere trattati in un Centro siano plurimi (l’ottimo servizio offerto, la professionalità degli operatori, la convivialità con gli altri pazienti), desidereremmo ormai da diversi anni poter eseguire la dialisi a domicilio.

Siamo anziani, non abbiamo parenti che vivono con noi e abitiamo da sempre all’interno dello stesso palazzo.

Spostarci sta diventando per noi faticoso e lo è stato ancor di più nel corso della pandemia in cui eravamo costantemente preoccupati di ammalarci.

In Lombardia ad oggi non è prevista la possibilità di eseguire dialisi a domicilio, o meglio, è possibile richiedere l’installazione della macchina per eseguire l’emodialisi ma senza la possibilità di essere supportati da personale esperto al pari di quanto accade nei Centri Dialisi.

Al momento è attiva da quasi due anni in alcune ASST della Regione (compresa la Settelaghi) la possibilità per un determinato numero di pazienti di eseguire l’emodialisi a domicilio con la presenza di un infermiere esperto per tutta la durata del trattamento.

Il progetto era infatti destinato a soli 10 pazienti delle ASST coinvolte in via sperimentale.

Non appena venuti a conoscenza di tale opportunità ci siamo confrontati con il nostro nefrologo, l’allora Primario dell’Ospedale di Varese (dott. Giuseppe Rombolà) il quale però non aveva modo di arruolare nuovi pazienti a fronte del budget messo a disposizione per il progetto.

In quella occasione però ci disse che la Regione stava prospettando, al termine della sperimentazione, di rendere disponibile la terapia a domicilio assistita a tutti i pazienti compatibili con tale modalità.

Invero, abbiamo ascoltato in autunno un intervento dell’Assessore Moratti nel corso del Congresso dell’ANED in cui confermava tale intenzione e che la Regione avrebbe garantito la terapia domiciliare a un numero maggiore di pazienti a breve.

Sono passati diversi mesi e vorremmo che questa possibilità di trattamento, che migliora la qualità della vita dei dializzati lombardi, possa essere da tutti colta in accordo con i propri nefrologi curanti.

Eliana e Giampiero Masini



15 luglio 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy