Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 22 APRILE 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Il Decreto anziani e le tante attese tradite  

di Ylenia Zambito

22 FEB -

Gentile Direttore,
in questi giorni è all’ordine del giorno del dibattito parlamentare lo schema di decreto legislativo sulle disposizioni in materia di politiche in favore delle persone anziane. Bisogna ricordare che questo provvedimento ha avuto un percorso molto travagliato per la prematura caduta del Governo Draghi. Infatti, fu l’allora ministro Orlando a portare per la prima volta il disegno di legge delega in consiglio dei ministri.

Il Governo Meloni lo aveva portato in approvazione nel Consiglio dei ministri con poche ed ininfluenti modifiche rispetto alla versione di Orlando, sebbene senza precisare quante risorse certe sarebbero state assicurate. E questa fu la motivazione con la quale seppur apprezzando i contenuti della delega come Pd ci astenemmo nel voto. Dopo l’approvazione della delega in Parlamento, questo decreto doveva essere approvato entro la fine di gennaio così come previsto dagli accordi fatti con l’Europa nell’ambito del PNRR.

Voglio ricordare anche che questa norma era stata approvata dopo 25 anni di attesa anche su pressione del Patto per la non autosufficienza che raggruppa 60 associazioni del Terzo settore.

Una attesa che aveva creato molte aspettative che sono state completamente tradite.

Vediamo perché:

Tirando le somme, è del tutto evidente che si sia preferito fare un decreto spot, di pura propaganda, amplificata ad arte da “Telemeloni”, anziché introdurre tutte quelle misure innovative contenute nella delega. Il minimo che si potesse fare per poter spendere le risorse del PNRR, le uniche che andranno ad incrementare ciò che si spende oggi. Il risultato è che, mentre in UE la spesa media per un non autosufficiente è 584 euro l’anno, in Italia, nonostante il PNRR, ne spederemo 270 euro l’anno. Meno della metà. Unica cosa positiva, la valutazione nazionale unica (VNU): la delega prevedeva l’accesso simultaneo a tutte le prestazioni di competenza statale; sarà eseguita da equipe presenti nelle Case di comunità e servirà per attivare anche i servizi locali. Bene, perché pone fine all’odissea tra sportelli che oggi obbliga a fare una domanda diversa per ogni prestazione anche se è sempre l’Inps ad erogarla.

Il decreto non ha dunque previsto finanziamenti aggiuntivi, smentendo clamorosamente la Presidente Meloni, che aveva annunciato 1 miliardo in più per la non autosufficienza, e una sperimentazione con l’aumento del 200% dell’assegno di accompagnamento, dichiarando: “diamo finalmente risposte concrete ai bisogni dei nostri oltre 14 milioni di anziani, ai non autosufficienti”. I nodi, insieme alla verità, verranno al pettine.

Ylenia Zambito
Senatrice Pd



22 febbraio 2024
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy