Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 APRILE 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

Ulss Euganea. Anche la Cimo contro l’esclusione dei medici dalla direzione dei Distretti

di Giovanni Leoni

22 GEN - Gentile Direttore,
l’Ulss 6 Euganea ha indetto un bando per l’incarico di direzione di due Distretti, riservandolo al solo personale tecnico (es. statistico, sociologo), professionale (es. ingegnere, architetto, geologo) ed amministrativo: ha escluso i Medici ed i Sanitari, pur prevedendo la Legge Regionale (56/1994) la preferenza per i Dirigenti del ruolo sanitario rispetto a quelli del ruolo amministrativo o sociale (gli altri ruoli manco sono considerati) ed una recente Delibera Regionale (343/2013) che il Direttore di Distretto sia un Dirigente Medico o Sanitario, oppure un Medico convenzionato.
 
Viene da chiedersi quale sia il motivo di questa illegittima esclusione per la quale il Sindacato ricorrerà al Giudice. Ricordiamo che la Legge prevede che il Distretto assicuri i servizi di assistenza primaria relativi alle attività sanitarie e socio-sanitarie, appannaggio del personale medico e socio-sanitario: quando il paziente si reca presso le strutture del Distretto è per ricevere una prestazione che non gli viene fornita da un geologo o da un architetto. La Direzione di questa struttura è però preclusa alle categorie che ne sono maggiormente coinvolte e storicamente depositarie.
 
Non è spiegata la ragione di tale disposizione: taluno diceva che quando i motivi non vengono detti è perché sono indicibili. Non vogliamo pensare che tale diffidente affermazione sia calzante nel caso di specie, ma francamente sfugge il motivo di una tale decisione.
 
L’Azienda potrebbe rispondere che per dirigere non serve occuparsi di quella specifica attività: Marchionne era laureato in Filosofia. È sin troppo facile rispondere che una è l’industria automobilistica con le connesse strategie industriale e commerciali ed altra cosa è la salute.
 
Il Medico, anche nel suo rapporto di lavoro dipendente, è tenuto ad osservare gli obblighi deontologici: le logiche di spesa, il paziente come “cliente” sono sì tenute in considerazione, ma nel rispetto del preminente interesse della salute del paziente.
 
È questo che preoccupa l’ULSS 6 al punto tale da escludere in partenza i Medici della Direzione di Distretto invece che farli concorrere assieme alle altre categorie sopra menzionate nel rispetto delle regole e che vinca il migliore?
 
Come CIMO Medici denunciamo un ulteriore passaggio formale avverso alla categoria medica quale l’esclusione da funzioni direttive da sempre assegnate, inoltre per quanto ci riguarda resta comunque un passaggio con violazione della normativa in essere.
 
Ci chiediamo se, nei fatti, oltre le dichiarazioni di facciata, questo rimane un caso isolato o è la reale strategia che la Regione Veneto trasmette ai suoi Direttori Generali per il prossimo futuro nei confronti dei Medici.
 
Giovanni Leoni
Segretario Regionale CIMO Veneto

22 gennaio 2019
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy