Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Lunedì 15 APRILE 2024
Lettere al direttore
segui quotidianosanita.it

I medici Inail “esclusi, emarginati, dimenticati”

di I Dirigenti Medici ANMI INAIL

26 MAR - Gentile Direttore,
può il sistema Paese, permettersi di continuare a ignorare pezzi del Servizio Sanitario Nazionale? L’emergenza che ormai dura molto da tempo ha dimostrato in maniera inequivocabile che la tempestiva, corretta, lungimirante manutenzione delle risorse umane è la condizione essenziale perché la salute dei cittadini sia custodita e tutelata.
 
Qualche giorno fa avete pubblicato una lunga, amara riflessione dei Dirigenti Medici del Ministero della Salute, che lamentano la loro posizione di pesante marginalizzazione all’interno della struttura ministeriale nella quale operano: da moltissimi anni denunciamo l’instabilità che affligge la posizione normativa e contrattuale che compromette l’inquadramento giuridico e contrattuale dei Dirigenti Medici dell’Inail.
 
Nel tempo abbiamo acquisito, accanto alle tradizionali attività medico-legali, compiti di prevenzione, cura, riabilitazione e reinserimento dei lavoratori attinti da infortunio o malattia professionale. Abbiamo garantito cure in sussidiarietà al SSN nei mesi del lunghissimo confinamento della scorsa primavera, abbiamo assunto compiti nella sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori, stiamo garantendo la tutela dei lavoratori che hanno contratto la Covid sul lavoro.
 
Ma siamo esclusi, emarginati, dimenticati quando si tratta di riconoscere anche a questa fetta di personale sanitario il giusto riconoscimento per il contributo offerto. Non siamo certo gli unici a essere convinti che una condizione emergenziale come quella che stiamo tutti faticosamente e dolorosamente affrontando, imponga un cambio di passo, il superamento di logiche inadeguate ai tempi e ai contesti.
 
Riteniamo che vada accantonato l’approccio datoriale nella definizione degli inquadramenti contrattuali: a parità di funzioni esercitate, di condizioni di reclutamento e di istituti regolatori deve necessariamente corrispondere parità di inquadramento normativo e di trattamento economico. Al personale medico deve essere garantita l’integrale applicazione delle regole che governano il rapporto di lavoro dei Dirigenti Medici del SSN.
 
Non si tratta di rivendicazioni sindacali: la persistenza di gravi difformità determina pesanti ricadute in tema di adeguatezza e sostenibilità delle organizzazioni, induce fatalmente la mancata attrattività di alcune collocazioni, nel medio periodo mette seriamente a rischio la tenuta dei sistemi.
 
Non è consentito sprecare risorse, non si può semplicemente dimenticare che la tutela sanitaria pubblica, non è solo SSN, ma un sistema integrato sostenuto da un’unica e condivisa finalità cui deve necessariamente conseguire un trattamento giuridico e contrattuale equo e armonico, non solo eguali competenze e responsabilità, ma pari dignità e trattamento.
 
I Dirigenti Medici ANMI INAIL
 

26 marzo 2021
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Lettere al direttore

lettere al direttore
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy