Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 18 LUGLIO 2024
Regioni e Asl
segui quotidianosanita.it

Lombardi Civici Europeisti: “Rimane ancora molto lavoro da fare in aula a novembre”


27 OTT - “La maggioranza non vuole interferenze da parte del terzo settore, dei Sindaci e delle professioni sanitarie e figure socio-sanitarie”. Lo sostiene Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti), evidenziano come oggi, in commissione Sanità, siano stati “bocciati tre aspetti importanti proposti dalle minoranze per la Riforma della Legge 23/2015”.
 
“Il primo, - specifica la Consigliera civica- è condiviso anche dal collega Niccolò Carretta (Azione): il mancato riconoscimento degli stakeholders. Ritengo essenziale – commenta Strada- tenere in considerazione le indicazioni che abbiamo ricevuto, per esempio, dalle associazioni e dal terzo settore per avere una maggiore e indispensabile conoscenza dei bisogni specifici, concreti e quotidiani dei pazienti. Per questo tornerò su questo tema con convinzione nella discussione in aula. ‘Stakeholders ascoltati – chiosa Carretta- e poi subito accantonati. L’esclusione degli emendamenti relativi al coinvolgimento delle Associazioni dei pazienti è un passo falso che, senza motivazioni politicamente valide, blocca un percorso concreto di avvicinamento all’approccio One Health. Un vero peccato e un primo grande errore in vista della votazione definitiva in Aula da novembre’.”
 
“Il secondo tema - prosegue la consigliera - è quello di un esplicito confronto con la Conferenza dei Sindaci prevedendo anche un loro ruolo attivo, ma è stato respinto. Sono invece profondamente convinta che, per un sistema efficace ed efficiente della medicina di territorio, servano competenze e progetti che vedano anche il ruolo attivo dei Comuni, che sono in grado di intercettare e prevenire le criticità sanitarie del loro territorio, ma non hanno strumenti efficaci per ‘prendersi cura’ – in senso letterale- dei propri cittadini.”
 
Infine “la terza richiesta chiedeva l’inserimento specifico dell’ostetrica tra le figure socio-sanitarie, a supporto della nuova organizzazione sanitaria territoriale”.

“Ad ogni modo - conclude Strada -, al di là della bocciatura di questo specifico tema, la proposta di legge presentata dall’Assessore Moratti non specifica né contempla adeguatamente in generale le modalità di funzionamento del livello socio-sanitario della riforma, anzi nella Riforma manca completamente il raccordo tra il socio e il sanitario. Proprio per questa ragione – al di là dell’esito della Commissione odierna- rimane ancora molto lavoro da fare in aula a novembre”.

27 ottobre 2021
© Riproduzione riservata
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy