Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 21 FEBBRAIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Farmaci generici. I tecnici: “Nuove norme incompatibili con sistema ricetta elettronica”    


La Società italiana di telemedicina avanza dubbi sull'applicazione immediata delle nuove regole per le prescrizioni farmaceurtiche con l'indicazione del solo principio attivo. La ricetta elettronica prevede infatti "l'obbligatorietà dell'indicazione del codice ministeriale AIC e i principi attivi ne sono sprovvisti”.

03 AGO - La Sit è preoccupata per la norma sui farmaci generici che obbliga, nei casi previsti, la prescrizione farmaceutica solo per principio attivo. “Molto probabilmente – specifica una nota - la norma sarà incompatibilecon l'attuale sistema di ricettazione elettronica, da molti anni introdotto nel nostro Sistema sanitario nazionale e che, entro fine anno, sarà dichiarato a regime in tutte le regioni italiane".
 
Ma non basta, secondo la Sit ci saranno problemi "anche con i diversi sistemi di controllo delle prescrizioni farmaceutiche attualmente utilizzati a livello regionale e con i software applicativi utilizzati dei medici".
 
Motivo? "Il disciplinare tecnico che ha introdotto la ricetta elettronica, così come quelli di molti software di interesse sanitario, prevede infatti l'obbligatorietà dell'indicazione del codice ministeriale AIC (autorizzazione all'immissione in commercio) che identifica in maniera univoca il prodotto farmaceutico prescritto dal medico, di cui invece i principi attivi ne sono sprovvisti".
 
“La SIT  - specifica il comunicato -  non è contraria ad un corretto utilizzo del farmaco generico, ma desidera rappresentare che le norme proposte possano rallentare la diffusione della sanità elettronica nel nostro Paese, vanificando il processo di digitalizzazione e dematerializzazione in atto che richiede, per essere realmente efficace e sicuro, anche l'introduzione della firma elettronica nelle certificazioni e nelle prescrizioni mediche”.
 
Per queste ragioni la Società si “dichiara pertanto favorevole all'apertura di un tavolo ‘volto a definire un corpus normativo, armonico e condiviso, finalizzato alla qualità, alla sicurezza e alla sostenibilità dell’assistenza’, come proposto dalla FNOMCeO, compatibile con il  processo di sanità elettronica in atto e che implementi, finalmente a regime, anche avanzati servizi di telemedicina”.

03 agosto 2012
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy