Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Mercoledì 17 APRILE 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Il fumo, anche passivo, aumenta la probabilità di una degenerazione maculare e della cataratta. Pericolosi anche aromi delle e-cig


Lo rileva l’Oms insieme all’Agenzia internazionale per la cecità. Chi fuma rischia di sviluppare una degenerazione maculare legata all'età fino a 5,5 anni prima rispetto ai non fumatori e sono in pericolo anche i non fumatori che vivono con chi fuma: per loro il rischio è doppio. Il documento dell’Oms mette in evidenza anche il rischio maggiore di sviluppare la cataratta e questo vale anche per gli aromi delle sigarette elettroniche. IL DOCUMENTO.

26 OTT - L’Oms ha sottolineato in uno documento che i fumatori possono sviluppare la degenerazione maculare legata all'età fino a 5,5 anni prima rispetto ai non fumatori. Questa patologia offusca la visione centrale rendendo difficile per chi ne è colpito svolgere attività quotidiane come leggere o guidare. Il documento è stato sviluppato dall'OMS, insieme all'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità e all'Università di Newcastle.

Il problema riguarda anche il fumo passivo. Le persone con convivono con i fumatori hanno infatti il doppio delle probabilità di sviluppare la degenerazione maculare legata all'età a causa del fumo passivo.

“Il fumo aumenta il rischio di sviluppare gravi patologie oculari e perdita permanente della vista. Smettere di fumare e sottoporsi a controlli oculistici regolari può aiutare a migliorare la salute degli occhi e prevenire la perdita della vista evitabile", ha affermato Jude Stern, responsabile della gestione della conoscenza, dell'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità.

Il documento evidenzia anche che l'uso del tabacco aumenta il rischio di sviluppare la cataratta. Una volta che si sviluppa la cataratta, l'unico modo per ripristinare la vista è la rimozione chirurgica e la sostituzione del cristallino opaco. Circa 94 milioni di persone in tutto il mondo hanno una compromissione della vista a distanza moderata o grave o cecità a causa della cataratta non trattata.

Rischi anche con gli aromi delle sigarette elettroniche che possono aumentare la produzione di radicali liberi, che danneggiano il DNA e possono portare alla cataratta. L'uso di sigarette elettroniche può ridurre il flusso sanguigno agli occhi, alterare la funzione retinica e aumentare il rischio di sviluppare il cancro agli occhi.

"L'OMS esorta tutti a non usare tabacco e sigarette elettroniche per proteggere la propria salute generale, compresa la salute degli occhi", ha affermato Vinayak Prasad, capo dell'unità No Tobacco presso l'Organizzazione mondiale della sanità.

26 ottobre 2022
© Riproduzione riservata

Allegati:

spacer Il documento

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy