Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Giovedì 23 MAGGIO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Alzheimer. Nuovo modello matematico rivela come si formano i cluster di proteina amiloide


Alcuni ricercatori dell’Università di York hanno usato un modello matematico per capire come si formano le placche di proteina beta- amiloide nei cervelli dei pazienti con Alzheimer. Secondo lo studio, queste proteine si uniscono dando vita a particelle liquide per poi formare i cluster che impattano sulla malattia neurodegenerativa.

03 NOV -

Un team di ricercatori dell’Università di York (Gran Bretagna) ha usato un modello matematico per capire in che modo le proteine amiloidi si uniscono nel cervello durante le fasi precoci della malattia di Alzheimer. Gli scienziati, che hanno pubblicato lo studio su Frontiers in Molecular Neuroscience, sono convinti che la scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per lo sviluppo di eventuali trattamenti terapeutici futuri.

Si ritiene che le proteine amiloidi svolgano un ruolo importante nel sistema immunitario, ma quando cambiano forma in modo anomalo si uniscono in potenti strutture biologiche, che possono interferire con la normale attività cerebrale.

Secondo lo studio dell’Università di York, le proteine coinvolte nella malattia di Alzheimer, le beta-amiloidi, si uniscono dando vita prima a delle particelle liquide per andare a formare, poi, i cluster che hanno un impatto sulla attività cerebrale normale.

Le proteine nel cervello, come evidenziano i ricercatori britannici, si uniscono circa 10-15 anni prima rispetto a quando compaiono i primi sintomi della malattia. Tuttavia, non è ancora chiaro in che modo questo accada.

Per lo studio, gli scienziati hanno considerato due varianti della proteina beta-amiloide, entrambe presenti in misura estensiva nella malattia, osservando che le proteine passano da una fase ‘liquida’ iniziale, prima di formare i cluster veri e propri. “Abbiamo avuto l’intuizione che la stessa metodologia che è stata applicata per capire in che modo il ragno tesse la sua tela, poteva essere usata nella comprensione di come si formano i cluster di beta-amiloide”, concludono gli autori.

Fonte: Frontiers in Molecular Neuroscience (2022)



03 novembre 2022
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy