Quotidiano on line
di informazione sanitaria
Sabato 02 MARZO 2024
Scienza e Farmaci
segui quotidianosanita.it

Epatite C. Nel 2021 registrati 14.560 casi in 29 Paesi UE. Tra le cause, l’uso di droghe è la più frequentemente riportata. Il report annuale dell’Ecdc


La fascia d'età più colpita è stata quella 35-44 anni per gli uomini e quella 25-34 anni per le donne. Le modalità di trasmissione sono state riportate solo nel 32% dei casi. La modalità più comunemente riportata è stata l'uso di droghe per via parenterale, che ha rappresentato il 61% dei casi acuti e il 70% di quelli classificati come cronici con informazioni complete sulla modalità di trasmissione. "Importanti le misure di riduzione del danno".

09 FEB -

Nel 2021 sono stati segnalati 14.560 casi di epatite C in 29 Stati membri dell'UE/SEE. Escludendo i Paesi che hanno segnalato solo casi acuti, il dato corrisponde a un tasso grezzo di 4,1 casi per 100 000 abitanti. Dei casi segnalati, il 7% è stato classificato come acuto, il 35% come cronico e il 55% come "sconosciuto". Il 3% non ha potuto essere classificato a causa di un formato di dati incompatibile.

Questi alcuni dei dati riportati nel report annuale dell'Ecdc su questa patologia.

L'epatite C è stata segnalata più comunemente tra gli uomini che tra le donne, con un rapporto maschi/femmine di 2:1. La fascia d'età più colpita è stata quella 35-44 anni per gli uomini e quella 25-34 anni per le donne. Le modalità di trasmissione sono state riportate solo nel 32% dei casi. La modalità più comunemente riportata è stata l'uso di droghe per via parenterale, che ha rappresentato il 61% dei casi acuti e il 70% di quelli classificati come cronici con informazioni complete sulla modalità di trasmissione.

L'interpretazione dei dati di notifica dell'epatite C nei vari Paesi, , segnala l'Ecdc, rimane problematica a causa delle continue differenze nei sistemi di sorveglianza e delle difficoltà nel definire i casi segnalati come acuti o cronici. Con l'epatite C, una malattia in gran parte asintomatica fino agli ultimi stadi, la sorveglianza basata sui dati di notifica è impegnativa, con dati che riflettono le pratiche di test piuttosto che la reale presenza della malattia.

Nonostante i limiti della sorveglianza, "i dati indicano chiaramente che un'alta percentuale di casi segnalati è attribuita all'uso di droghe per via parenterale, evidenziando l'importanza delle misure di riduzione del danno. La trasmissione nosocomiale e la trasmissione tra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini nella regione sottolineano la necessità di attuare programmi di salute pubblica mirati e completi, adattati all'epidemiologia locale", conclude l'Ecdc.



09 febbraio 2023
© Riproduzione riservata

Altri articoli in Scienza e Farmaci

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWS LETTER
Ogni giorno sulla tua mail tutte le notizie di Quotidiano Sanità.

gli speciali
Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d'informazione sanitaria.
QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Sede legale:
Via Giacomo Peroni, 400
00131 - Roma

Sede operativa:
Via della Stelletta, 23
00186 - Roma
Direttore responsabile
Luciano Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Tel. (+39) 06.89.27.28.41

info@qsedizioni.it

redazione@qsedizioni.it

Coordinamento Pubblicità
commerciale@qsedizioni.it
    Joint Venture
  • SICS srl
  • Edizioni
    Health Communication
    srl
Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
- P.I. 12298601001
- iscrizione al ROC n. 23387
- iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy